Hyundai i40 Profilo
  • pubblicato il 02-09-2011

Hyundai i40: sobria di linea e accogliente

di Valerio Boni

Sobria di linea e accogliente

IN BREVE
     
Comfort
L’insonorizzazione è buona, come del resto è ottima l’abitabilità per tutte le cinque persone trasportabili.
     
Costi
Difficile chiedere di più. Il pacchetto prevede prezzi interessanti, dotazioni complete e garanzia di 5 anni.
     
Piacere di guida
L’attenzione al comfort penalizza la guida brillante. Ma solo se si spinge davvero forte.
     
Ambiente
Difficile fare meglio di questa diesel per una SW del segmento D: CO2 a 113 g/km.

Per il debutto in grande stile nel segmento D, Hyundai si presenta con la prima auto prodotta in Corea. Può suonare strano, ma tutti gli altri modelli in listino nel nostro Continente, dalla i10 alla iX35, sono assemblati fuori dal Paese asiatico. La i40, invece, pur nascendo da un progetto specifico per l’Europa, uscirà dal sito produttivo principale. Gli obiettivi di questa station wagon, alla quale sarà affiancata una berlina dai primi mesi del 2012, sono decisamente ambiziosi. Infatti, è stata pensata per andare a misurarsi con le migliori della classe, in particolare con le europee, protagoniste in termini di volumi o di prestigio.

Per farlo, Hyundai punta ancora una volta sul favorevole rapporto tra qualità e prezzo, che negli anni passati ha permesso una rapida scalata delle classifiche. I coreani sono consapevoli del fatto che se a una piccola auto si perdonano peccati veniali in termini di materiali e finiture, in questa fascia di mercato non sono consentite cadute di stile. Ecco quindi che l’estetica è personale, ma senza eccessi, fuori e dentro. E le plastiche sembrano essere all’altezza della situazione, al tatto e in termini di assemblaggi e aspetto. In più, si può contare su livelli di allestimento completi già a partire da quello di accesso, che per l’Italia comprende, tra l’altro, nove airbag.

Le forme sono pensate per dare un’impronta sportiveggiante, senza tuttavia perdere di vista la praticità. Sotto questo aspetto, la i40 è una vera familiare, con due file di sedili che non fanno distinzioni per nessuno dei cinque occupanti, e con un vano di carico da prima della classe. La i40 si presenta con una posizione di guida rialzata. Un particolare che se da un lato si scontra con la ricerca di sportività, dall’altro favorisce la visibilità attraverso superfici vetrate troppo limitate per assicurare un corretto controllo in manovra. Bisogna tuttavia considerare che a partire dalla versione media Comfort (l’unica disponibile con stop e start) sono presenti in primo equipaggiamento i sensori di parcheggio anteriori e posteriori.

Se il motore turbodiesel da 136 CV, magari con trasmissione automatica, appare il più idoneo a una station di segmento D, quello di pari cilindrata, ma più tranquillo, è il più adatto per chi desidera ottenere il massimo dell’economia. I 350 euro richiesti come sovrapprezzo per l’allestimento Blue Drive, completo di stop e start che si aggiunge a pneumatici con bassa resistenza al rotolamento, sistema dedicato di gestione dell’alternatore e spoiler frontale,permettono infatti di ottenere consumi ed emissioni da primato per la categoria: 113 g/km di CO2.

Su strada la i40 appare stabile e consistente, anche se è evidentemente costruita più per favorire il comfort di chi viaggia e l’assorbimento degli ostacoli, che la guida veloce. Tuttavia in curva si comporta bene, nonostante un po’ di inerzia della parte posteriore se si sceglie un’andatura allegra. E lo sterzo è coerente con questa impostazione, non sempre rapidissimo nei cambi di direzione più bruschi, ma perfetto per ogni altra condizione. Manovre incluse.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.685 cc
  • Potenza
    85 kW/115 CV
  • Coppia
    260 Nm a 1.250 giri
  • Cambio
    manuale a 6 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    190 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    12,9 secondi
  • Consumo misto
    23,2 km/l
  • Emissioni CO2
    113 g/km
  • Dimensioni
    4,77/1,82/1,47 m
  • Bagagliaio
    557/2.120 dm3
  • Bollo
    219,30 euro
IDENTIKIT
Hyundai i40: sobria di linea e accogliente

L'opinione dei lettori