• pubblicato il 02-08-2011

Jaguar XF: l’inglese che punta in basso

di Paolo Gavazzi

L’inglese che punta in basso

IN BREVE
     
Comfort
Comoda, ben assistita dalle sospensioni, lascia solo un pizzico di rumore di fondo del motore.
     
Costi
Al momento si conosce solo il prezzo base. Onesti i consumi.
     
Piacere di guida
Sportiva, ma non cattiva. Insomma il carattere Jaguar c’è anche con un motore “piccolo“.
     
Ambiente
Sistema start e stop e cambio a 8 rapporti danno qualche risultato, come i 149 g di CO2.

Rinnovarsi. E pensare agli affari.

Questo l’obiettivo del restyling di metà carriera effettuato sulla Jaguar XF. Che si presenta rinnovata esteticamente, negli interni e con una grande sorpresa, un 4 cilindri turbodiesel 2.200 da 190 CV.

Esteticamente le novità stilistiche sono leggere. Il paraurti anteriore è stato ridisegnato, così come il cofano, ma a farsi notare sono soprattutto i fari, caratterizzati dalla tecnologia a led.

Una volta accesi disegnano una curva particolare, che gli uomini Jaguar hanno battezzato «J blade», la lama a forma di J.

E all’interno, tecnologie più raffinate: ora il monitor touch è da 7”, l’hard disk da 30 Giga e l’impianto hi-fi conta su 17 altoparlanti!

Ma la vera scommessa sta nel motore. Ai ben noti V6, infatti il marchio inglese affianca ora un 4 cilindri efficiente e poco assetato, associato ad un nuovo cambio automatico ZF a 8 rapporti e a un raffinato sistema start e stop.

Un motore pensato per sfondare in una fascia più bassa del mercato, che alla guida si dimostra ottimo. In marcia, grazie ai 190 CV e ai generosi 450 nm di coppia, la XF 2.2d si muove agilmente in ogni condizione stradale.

Il cambio è stato tarato per contenere i consumi, per cui non è il caso di attendersi reazioni brucianti quando si pigia sul gas. Ma il carattere principale della XF 2.2d sta nell’elasticità, nella capacità di offrire una guida brillante e piacevolissima. Peccato per quella rumorosità di fondo del turbodiesel che poteva essere più contenuta.

Quanto ai consumi, la Casa promette miracoli: 18,5 km con un litro di gasolio (e giurano di aver superato i 20 km/l da Birmingham a Monaco). Nel complesso la vettura si guida bene, è sicura, e dà una bella sensazione di robustezza. I freni sono potenti e lo sterzo preciso.

Va poi evidenziato il prezzo di lancio: 46.450 euro. Interessante, considerando i contenuti tecnologici e di comfort che la vettura promette. La nuova serie della XF, 2.2d compresa, sarà in vendita a settembre

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4 / 2.179 cc
  • Potenza
    140 kW/190 CV
  • Coppia
    187 Nm/3.500 giri
  • Cambio
    automatico a 8 rapporti
  • Trazione
    posteriore
  • Velocità max
    225 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    8,5 secondi
  • Consumo misto
    18,5 km/l
  • Emissioni CO2
    149 g/km
  • Dimensioni
    4,96/1,87/1,46 m
  • Bagagliaio
    540/960 dm3
  • Bollo
    412,80 euro
IDENTIKIT
Jaguar XF: l’inglese che punta in basso

L'opinione dei lettori