Kia pro_cee'd GT Tre quarti anteriore
  • pubblicato il 26-08-2013

Kia pro_cee’d GT: quando i coreani fanno gli sportivoni

di Andrea Rapelli

Quando i coreani fanno gli sportivoni

IN BREVE
     
Comfort
La risposta delle sospensioni è secca ma non sgradevole. C’è qualche fruscio a velocità autostradali.
     
Costi
Il prezzo si porrà intorno ai 27 mila euro. Con una dotazione davvero completa.
     
Piacere di guida
Si va forte in sicurezza, però manca un po’ di pepe. Sia nel motore sia nell’handling.
     
Ambiente
Non c’è sistema stop e start e si sente: nel misto la GT emette 171 g/km di CO2.

Era soltanto questione di tempo.

Perché, compiuta la metamorfosi da brutto anatroccolo in cigno, Kia ora sta puntando ancora più in alto, nello spazio dove volano GTI e ST.

Anzi, a voler essere precisi, qualche metro più in basso.

A dirlo sono proprio gli uomini Kia, che affermano di non voler andare a rubare concorrenti alle varie Golf e Focus, troppo “cattive” per i loro gusti.

In effetti, se nell’estetica la pro_cee’d GT pare anche più bellicosa delle concorrenti europee, con quei cubetti di led a incattivire lo sguardo, nella meccanica deve cedere il passo: il suo 1.6 GDI turbo a benzina eroga solo 204 CV, contro i 220 della VW e i 250 della Ford.

Niente dispositivi elettronici per migliorare la motricità, come il differenziale attivo, o diverse modalità di guida. Grande lavoro, invece, sull’assetto.

Alla Kia hanno opportunamente irrigidito boccole anteriori e ammortizzatori (fino al 200% in compressione quelli posteriori), aumentato il diametro della barra antirollio anteriore da 18 a 19 mm e montato quattro grippanti Michelin Pilot Sport da 18 pollici.

Il tutto è stato messo a punto nientemeno che sul vecchio circuito del Nürburgring, dove la pro_cee’d GT, nei 480 giri percorsi, ha ottenuto un ottimo tempo sul giro: 8 minuti e 45 secondi.

Su strada, i benefici si avvertono subito.

La Kia più potente di sempre s’infila in curva composta ma veloce e mantiene la traiettoria impostata con una sicurezza esemplare.

Quando si comincia a chiedere di più, la GT sembra scomporsi un po’: avantreno e retrotreno dialogano fra loro in modo non sempre limpido e lo sterzo (il rapporto di demoltiplicazione è lo stesso di qualsiasi altra cee’d) non fa sentire quanto si vorrebbe il lavoro delle gomme anteriori.

Il 1.600 GDI ha accolto a braccia aperte il turbo: la spinta si avverte, lungo tutto l’arco di giri, ma non ci si sente mai schiacciare davvero contro il sedile.

Una sportività soffusa, quindi, che non spiazza chi è abituato ad auto più tranquille.

Anche perché la GT appare silenziosa e con sospensioni che non trascurano del tutto il comfort.

Da noi ne arriveranno a settembre solo 70, tutte bianche e in allestimento 1st Edition, ricchissimo di contenuti (compresi i 7 anni di garanzia).

Ma l’attesa è tutta per la GT Concept, vista a Francoforte 2011: Kia ha annunciato che la produrrà in serie.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.591 cc
  • Potenza
    150 kW/204 CV a 6.000 giri
  • Coppia
    265 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    manuale a 6 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    230 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    7,7 secondi
  • Consumo misto
    13,5 km/l
  • Emissioni CO2
    171 g/km
  • Dimensioni
    4,31/1,78/1,43 m
  • Bagagliaio
    380/1.318 dm3
  • Bollo
    451,50 euro
IDENTIKIT
Kia pro_cee’d GT: quando i coreani fanno gli sportivoni

L'opinione dei lettori