Lexus GS 450h - Il frontale
  • pubblicato il 13-02-2012

Lexus GS: il lato cattivo dell’ibrido

di Andrea Rapelli

Un totale di 343 CV per l'ammiraglia jap: il lato cattivo dell’ibrido

IN BREVE
     
Comfort
Sistema ibrido: si viaggia spesso in silenzio. Assetto ok, ma i pneumatici ribassati disturbano un po’.
     
Costi
Sulla carta la 450h contiene molto bene i consumi. Ma il listino è impegnativo
     
Piacere di guida
Le prestazioni ci sono sempre state, ora c'è anche un setup rivisto in chiave sportiva.
     
Ambiente
Per una berlina di quasi 5 metri difficile fare di più: merito del sistema ibrido.

Lo capisci non appena la guardi, che è tutta un’altra GS.

Perché le linee possenti della carrozzeria s’ispirano, neppure troppo velatamente, alle concorrenti europee più dinamiche, da oggi nemiche giurate dell’ammiraglia Lexus. Specie nell’allestimento F Sport, dalla chiara vocazione grintosa: paraurti e cerchi specifici, insieme a fini appendici aerodinamiche, contribuiscono a rendere più interessante la berlinona jap.

Che, in Italia, arriverà solo con la ormai tradizionale motorizzazione ibrida: un V6 da 3,5 litri da 290 CV a ciclo Atkinson (in pratica, un motore a quattro tempi con la valvola d’aspirazione a chiusura ritardata che incrementa l’efficienza) e un elettrico a magneti permanenti in grado di svilupparne 53 aggiuntivi.

In totale fanno 343 CV, pronti a marciare - fino a 40 km/h e per brevi tratti - anche solo in modalità elettrica, senza rumore né tantomeno emissioni nocive. Naturalmente, per farlo bisogna prima aver impostato il Drive Mode Select (altra novità) su Eco: il sistema si fa più conservativo, centellinando Nm e consumi. E privilegiando la spinta del motore elettrico, che ricarica le sue batterie durante le fasi di rilascio e frenata.

Ma la GS, specie nell’allestimento F Sport, non è affatto pensata solo per guidare in souplesse.

Accorgersene è semplice: ruotate la manopola del Drive Mode su Sport S o, se siete particolarmente ispirati, su Sport S+ e state pronti.

Perché così i motori spingono più forte, il cambio a variazione continua mantiene i rapporti fino agli alti regimi e lo sterzo diventa più consistente. Forse ancora un gradino sotto rispetto alle europee, più guidabili quanto a feeling, tuttavia il passo avanti rispetto al vecchio modello è notevole.

Anche perché c’è un inedito assetto con sospensioni attive (il rollio però si sente) e quattro ruote sterzanti, per migliorare agilità e inserimento in curva. Di rilievo pure i freni, con un pedale ben modulabile e dal giusto carico. L’evoluzione continua anche all’interno, con una plancia che, per design e materiali, è paragonabile a quella delle migliori competitor del Vecchio Continente: plastiche morbide e assemblaggi curati.

Senza dimenticare interni un filo più abitabili, bagagliaio ingrandito (ben 162 litri aggiuntivi, grazie al riposizionamento del pacco batterie) e un impianto audio speciale, sviluppato in collaborazione con Mark Levinson.

L’attesa sarà, però, lunga: la GS arriverà da noi in estate.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    V6/3.456 cc
  • Potenza
    252 kW/343 CV
  • Motore elettr.
    magnete permanente
  • Coppia
    345 Nm a 4.600 giri
  • Cambio
    automatico a 6 rapporti
  • Trazione
    posteriore
  • Velocità max
    250 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    5,9 secondi
  • Consumo misto
    16,9 km/l
  • Emissioni CO2
    137 g/km
  • Dimensioni
    4,85/1,84/1,46 m
  • Bagagliaio
    482 dm3
  • Bollo
    753,75 euro
IDENTIKIT
Lexus GS: il lato cattivo dell’ibrido

L'opinione dei lettori