Mercedes Citan
  • pubblicato il 22-02-2013

Mercedes Citan: la grande alleanza comincia da qui

di Alessandro Ferrari

La grande alleanza comincia da qui

IN BREVE
     
Comfort
Sedili comodi, motore ben isolato e sospensioni a taratura decisamente morbida.
     
Costi
Costa circa 1.700 euro più della corrispondente Kangoo, ma è meglio rifinita. I consumi sono contenuti.
     
Piacere di guida
Guida fluida, ma prestazioni tranquille, in linea con l’utilizzo di questo veicolo.
     
Ambiente
Emissioni basse e ulteriormente contenute col pacchetto BlueEfficiency.

Ci aspettavamo una Renault Kangoo con il muso della Mercedes trapiantato goffamente.

E invece il nostro primo incontro con il Citan, il nuovo multifunzionale Mercedes, è stato una piacevole sorpresa.

E’ vero che la scocca, la fiancata e la coda sono inconfondibilmente Kangoo, ma a Stoccarda hanno fatto talmente tanti interventi da stravolgere in meglio questo spazioso e versatilissimo veicolo.

Il muso è la novità più evidente, ma basta salire a bordo per capire che il primo frutto del grande accordo Mercedes-Renault è un prodotto da considerare davvero nuovo.

I sedili sono ben profilati e comodi, di più di quelli francesi, e anche i rivestimenti in tessuto quadrettato hanno un look molto teutonico.

La posizione di guida è rimasta da veicolo industriale, con il volante sempre basso e con la possibilità di regolarlo (non molto) solo in altezza.

La plancia è stata modificata, anche questa in stile Mercedes, ma in questo caso troviamo l’intervento poco riuscito.

I materiali sono di qualità e l’assemblaggio curato, ma l’aspetto è troppo massiccio e il colore grigio uniforme dà un senso di povertà all’insieme.

Come nelle altre Mercedes, poi, troviamo lo scomodo comando dei tergi sull’unica leva alla sinistra del piantone, dove tutti gli altri mettono le luci. Bisogna farci l’abitudine...

Lo spazio è notevole e la vetratura addirittura esuberante, a conferma della notevole funzionalità di questo veicolo.

Poi, è bastato girare la chiave di accensione e fare qualche chilometro nelle stradine lastricate del centro storico di Firenze per convincerci del tutto che il Citan è molto di più di una Kangoo rimarchiata.

Il motore, un 1.500 turbodiesel made in Renault, è molto ben insonorizzato e le sospensioni (nuove anche queste) assorbono piuttosto bene le irregolarità spesso molto marcate delle piccole vie del centro e assicurano un comfort di ottimo livello.

Anche sulle prestazioni non c’è niente da ridire.

Ai semafori lo sprint non manca e la coppia disponibile anche ai bassi regimi non costringe a usare troppo il cambio.

Infine lo sterzo.

Anche qui ritroviamo la proverbiale maneggevolezza Mercedes: infatti il Citan riesce a fare inversione in spazi anche molto ridotti e si parcheggia senza fatica.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.461 cc
  • Potenza
    66 kW/90 CV a 4.000 g
  • Coppia
    200 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    manuale a 5 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    160 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    13,3 secondi
  • Consumo misto
    21,3 km/l
  • Emissioni CO2
    123 g/km
  • Dimensioni
    4,32/1,83/1,81 m
  • Bagagliaio
    700/3.000 dm3
  • Bollo
    170,28 euro
IDENTIKIT
Mercedes Citan: la grande alleanza comincia da qui

L'opinione dei lettori