• pubblicato il 04-07-2011

Opel Corsa: un po’ più di un lifting

di Stefano Cossetti

Un po' più di lifting

IN BREVE
     
Comfort
Il lavoro sull’assetto ha migliorato l’assorbimento. Il turbodiesel è un po’ rumoroso.
     
Costi
Un’ottima politica di prezzi, che permette di risparmiare rispetto al precedente modello.
     
Piacere di guida
Non è, e non vuole essere, una sportiva. Il servosterzo elettrico è ora più efficiente.
     
Ambiente
Lo stop e start ha fatto scendere le emissioni di anidride carbonica a soli 95 grammi al km.

La salita che conduce a Villa Bardini, dalla quale si possono ammirare Firenze e il Lungarno, non fa paura alla Opel Corsa ecoFLEX. Eppure, per chi non la conosce, a un certo punto la difficoltà diventa notevole, soprattutto se c’è traffico e si deve ripartire da fermo. Ma la tedeschina può contare sull’Hill Start Assist che le dà una mano. Se invece si rallenta soltanto, motore multijet riprende tranquillamente da 1.000 giri in seconda e ci conduce fino alla soglia del Museo Annigoni. È la conferma di quanto si sapeva già sull’elasticità di questo “storico” quattro cilindri, frutto dell’intesa tra Fiat e General Motors, che a 1.750 giri eroga 190 Nm, il suo massimo valore di coppia motrice.

Alla piccola Opel, protagonista della nostra prima presa di contatto, è stato cambiato, dopo solo un anno o poco più dall’ultimo ritocco, il frontale. Ci chiediamo, quindi, se veramente (come sostengono alla Opel Italia) la cosa non darà fastidio proprio a nessuno tra quanti hanno acquistato una Corsa negli ultimi 12 mesi. In realtà, fino a poco tempo fa i facelift erano ai primi posti tra le motivazioni d’acquisto. Poi la crisi ha colpito duro e, complice l’assenza degli incentivi statali, ha preso piede un’aggressiva politica dei prezzi che ha fatto passare tutti gli altri aspetti in secondo piano. È proprio il caso della Opel Corsa: per attrarre la clientela si è intervenuto su quanto c’è di più sostanzioso, dato che questa volta a fare la differenza è il prezzo (anche se non solo).

La nuova utilitaria tedesca, che è stata rinnovata in tempi così brevi, non costa di più rispetto alla precedente versione e in qualche caso fa addirittura risparmiare. La versione OPC (192 CV di puro divertimento), per esempio, oggi si può portare a casa con 20.050 euro, mentre un anno fa costava 22.501, vale a dire 2.451 euro in più. Il nostro test a Firenze e dintorni si è, però, basato sul modello ecoFLEX, nella variante a cinque porte. Una versione che ha una forte vocazione per l’utilità e la praticità, doti che si sposano alla perfezione con i consumi contenuti. La Casa dichiara che si possono percorrere più di 28,5 chilometri con un litro di gasolio e che l’introduzione del dispositivo stop e start permette, in città, un risparmio che può arrivare fino al’8,7%.

Nel nostro percorso urbano abbiamo apprezzato la puntualità dello spegnimento e del riavvio del motore, che in stand-by blocca la lancetta del contagiri in posizione “Autostart”. Premendo la frizione e innestando la prima, propulsore si rimette in moto praticamente all’istante, senza ritardi e senza fastidiose incertezze. Soltanto con una temperatura esterna di -10°, il sistema si rifiuterebbe di agire, perché in quelle condizioni le esigenze sono tali che viene richiesta energia supplementare per combattere il freddo. Il guidatore ha comunque la facoltà di escludere il dispositivo. Nella console centrale è montato un tasto con la scritta a led “ECO”. Premendolo, la spia si spegne e con essa lo stop e start. Il percorso cittadino non ci ha dato modo di testare a fondo l’assetto, al quale già un anno fa sono state apportate delle migliorie.

Abbiamo, comunque, apprezzato le gomme 185/65 su cerchi da 15”. Una copertura a spalla piuttosto alta è l’ideale per la città, perché ammortizza e preserva il bordo dei cerchi in lega che, va ricordato, sono di nuovo disegno. Chi li vuole da 16” può sfruttare l’offerta di lancio, che comprende anche il GTC Pack, che prevede pure i vetri oscurati, a 350 euro anziché 700. Se poi si aggiunge anche il tettuccio apribile si devono sborsare 850 euro (contro i 1.400 previsti da listino). Chi vuole il Navi Touch & Connect deve sborsare 600 euro al lancio, risparmiandone 400. Insomma, quando andate in concessionaria, portatevi la calcolatrice.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.248 cc
  • Potenza
    70 kW/95 CV
  • Coppia
    190 Nm a 1.750 giri/min
  • Cambio
    manuale a 5 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    177 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    12,3 secondi
  • Consumo misto
    28,5 km/l
  • Emissioni CO2
    95 g/km
  • Dimensioni
    3,99/1,94/1,48 m
  • Bagagliaio
    285/1.100 litri
  • Bollo
    180,60 euro
IDENTIKIT
Opel Corsa: un po’ più di un lifting

L'opinione dei lettori