Peugeot 508 RXH - La linea
  • pubblicato il 30-04-2012

Peugeot 508 RXH: look da crossover consumi da citycar

di Alessandro Marchetti Tricamo

Look da crossover consumi da citycar

IN BREVE
     
Comfort
Il livello è elevato. L’immagine e la qualità degli interni sono da vettura premium.
     
Costi
Non è a buon mercato, ma è in linea con le concorrenti, rispetto alle quali offre la tecnologia Hybrid4.
     
Piacere di guida
Accontenta tutti. L’automatico è un po’ lento, ma la trazione integrale indotta ha la stessa efficacia di un sistema tradizionale.
     
Ambiente
I consumi e le emissioni sono come quelli della 107 a benzina: difficile oggi fare meglio.

Dopo il lancio della 3008 Hybrid4, Peugeot porta il sistema ibrido diesel anche sulla 508, che per l’occasione assume l’immagine da off-road della versione RXH.

La familiare francese si alza di 5 cm, si allarga di 4 cm, mostra i parafanghi, ma soprattutto affianca al turbodiesel un motore elettrico posteriore da 27 kW.

Il sistema di funzionamento è un ibrido parallelo: l’elettrico aiuta il motore tradizionale nelle accelerazioni e spinge da solo, in determinate condizioni (sotto i 60 km/h), la 508.

Le batterie, sotto i sedili posteriori, sono al nichel e si ricaricano in moto durante frenate e decelerazioni.

Gratis. Senza spine e prolunghe.

La scelta del motore elettrico sul retrotreno consente di sviluppare una trazione integrale indotta di tipo by-wire, senza organi meccanici, dove la tradizionale vecchia e pesante trasmissione meccanica è sostituita da un cavo ad alta tensione.

Semplice come il futuro che ci attende.

I vantaggi sono evidenti in termini di consumi: partendo da un già parco 2.0 HDi da 163 CV e abbinandogli un elettrico con funzionamento a costo zero, è stato possibile raggiungere durante il nostro test circa 22 km con un litro.

Il risultato trova la conferma in termini di emissioni di CO2: 107 grammi per km, gli stessi di una piccola utilitaria.

Difficile fare meglio con un’ibrida a benzina della medesima categoria.

Su strada, la gestione elettronica del sistema regala alla 508 RXH una doppia faccia: in modalità Auto, la nostra wagon è poco reattiva, nei sorpassi sembra faticare a trovare il passo giusto, ma consuma poco e di questi tempi non è male.

Cambia tutto in Sport.

La mappatura del pedale dell’acceleratore e del cambio è modificata e sembra di essere a bordo di un’altra vettura.

Nulla di sportivo, ma un carattere più deciso e con pochi compromessi (il cambio robotizzato non è troppo rapido).

Ad avere un doppio aspetto è anche la frenata: in Auto, rispetto alla modalità Sport, è maggiore la parte dell’azione demandata al sistema di recupero di energia.

Più freno motore, meno utilizzo dei dischi.

Se poi si attraversa un centro abitato è sufficiente girare la manopola in EV e il motore elettrico fa tutto da solo a zero emissioni (alla Peugeot dichiarano un’autonomia massima di 4 km).

Naturalmente, solo se le batterie al nichel non hanno nel frattempo esaurito la corrente durante un sorpasso o un’accelerazione lunga e prolungata.

Nessun problema invece in caso di terreno a scarsa aderenza: il sistema 4WD di gestione lascia sempre una carica residua nelle batterie per dare energia all’elettrico, garantendo così la coppia sul retrotreno e la trazione integrale.

In ogni caso il diesel può produrre, attraverso un generatore anteriore, la corrente necessaria all’elettrico: si perde di efficienza e aumentano i consumi, ma «di solito i tratti difficoltosi sono brevi e, comunque, poco frequenti durante l’anno» spiegano i tecnici francesi.

L’importante è essere fuori dai guai.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.997 cc
  • Potenza
    147 kW/200 CV a 3.850 giri
  • Coppia
    450 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    automatico a 6 rapporti
  • Trazione
    integrale indotta
  • Velocità max
    213 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    8,8 secondi
  • Consumo misto
    24,4 km/l
  • Emissioni CO2
    107 g/km
  • Dimensioni
    4,86/1,86/1,52 m
  • Bagagliaio
    423/1.439 dm3
  • Bollo
    439,89 euro
IDENTIKIT
Peugeot 508 RXH: look da crossover consumi da citycar

L'opinione dei lettori