Renault Clio Estate 2013 - Profilo
  • pubblicato il 22-04-2013

Renault Clio Sporter: un carico di stile e personalità

di Adriano Tosi

Un carico di stile e personalità

IN BREVE
     
Comfort
Capiente, ben isolata dall’asfalto e dai rumori, è perfetta per i lunghi viaggi.
     
Costi
Il prezzo è allineato a quello delle concorrenti. I consumi sono molto bassi.
     
Piacere di guida
La sicurezza viene prima di tutto e, per divertirsi, 90 CV sono pochi. Detto questo, in curva non delude.
     
Ambiente
Secondo i dati dichiarati, un litro le basta per fare 27,8 km e la CO2 emessa è di soli 95 g/km. Ottimi valori.

Clio Sporter: per chiarire la portata del cambiamento rispetto al vecchio modello,RenaultItalia ha battezzato la nuova Clio SW con un nome diverso da quello del resto d’Europa che è Estate.

L’ennesima pensata di marketing? No, molto di più.

Perché siamo davvero su un altro pianeta rispetto alla vecchia generazione.

Le differenze colpiscono anche l’occhio meno esperto e, al di là dei gusti personali, la Sporter ha acquisito personalità e, come suggerisce il nome trovato per il nostro Paese, è più aggressiva e giovanile.

Merito dei passaruota bombati, del tetto spiovente e, dentro, della console in stile tablet con app scaricabili da un sito Renault, oltre che dei pannelli di rivestimento colorati e personalizzabili.

Ma andiamo con ordine.

Si diceva dell’esterno.

Rispetto alla 5 porte, la crescita di 20 cm in lunghezza è concentrata nella zona posteriore, a vantaggio del bagagliaio, che passa da 300/1.146 a 443/1.380 litri.

Inoltre, la soglia di carico è stata abbassata di 11 cm e ora si trova a 60 cm dall’asfalto.

Sotto il piano di carico rimovibile, poi, si nascondono tasche portaoggetti e il sedile anteriore destro si può abbattere a tavolino, regalando 2,48 metri di lunghezza per caricare oggetti di ogni dimensione.

Praticamente invariata l’abitabilità: la parte anteriore è identica a quella della 5 porte (con ampie regolazioni di sedile e volante), mentre i passeggeri posteriori hanno 1,5 cm in più in altezza, grazie alla forma diversa del tetto.

A proposito di abitacolo, se dal punto di vista estetico il progresso rispetto alla Clio III è evidente, altrettanto non si può dire della qualità dei materiali e dell’assemblaggio.

I primi sono duri al tatto, mentre il secondo genera qualche scricchiolio quando si passa sulle asperità.

Inoltre, se gli inserti in nero lucido appagano l’occhio, nelle giornate di sole rischiano di creare qualche fastidioso riflesso per il guidatore.

Infine, il comportamento stradale.

Come la 5 porte, la Sporter ha reazioni a prova di errore, con una buona tenuta di strada (peccato solo per la scarsa sensibilità dello sterzo) e un telaio “sano” di base, ma tenuto comunque a bada dall’ESP.

Conferme giungono anche dal motore, che in questa versione da 90 CV non ha un gran “fiato” agli alti regimi, ma vibra pochissimo e ha nella silenziosità uno dei suoi punti di forza.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.461 cc
  • Potenza
    66 kW/90 CV a 4.000 g
  • Coppia
    220 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    manuale a 5 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    178 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    11,6 secondi
  • Consumo misto
    27,8 km/l
  • Emissioni CO2
    95 g/km
  • Dimensioni
    4,27/1,73/1,45 m
  • Bagagliaio
    443/1.380 dm3
  • Bollo
    170,28 euro
IDENTIKIT
Renault Clio Sporter: un carico di stile e personalità

L'opinione dei lettori