Renault Scénic XMOD - Retrotreno
  • pubblicato il 01-08-2013

Renault Scenic Xmod Cross: per la famiglia che ama le scampagnate

di Valerio Boni

Per la famiglia che ama le scampagnate

IN BREVE
     
Comfort
Lo spazio è a misura di famiglia, le sospensioni lavorano bene, con poco rollio.
     
Costi
I prezzi sono nella media, ma in fase di lancio si può contare su uno sconto consistente, fino a 4 mila euro.
     
Piacere di guida
Il motore da 110 CV è tranquillo, ma dotato di discrete doti di elasticità.
     
Ambiente
Si parte da 120 g/km di CO2, che scendono a 105 per la versione con stop&start.

Il restyling della famiglia Scenic, che ha interessato in particolare la calandra e i gruppi ottici anteriori, ha offerto lo spunto per aggiungere un nuovo allestimento alla gamma della Xmod a cinque posti: la Cross.

Questa versione si propone come crossover outdoor, vale a dire con una vocazione più mirata verso la vita all’aria aperta (e su strade bianche) rispetto alla recente Capture, pensata prevalentemente per gli spostamenti urbani.

A differenziare la Cross dalle altre Xmod sono alcuni dettagli estetici che riguardano soprattutto una più estesa protezione della carrozzeria su tutti i lati e nella zona inferiore.

Meno evidenti, ma non per questo meno importanti, sono l’altezza da terra, incrementata di 3 cm, e l’inserimento sul tunnel centrale di un nuovo comando.

È la manopola che seleziona i tre programmi dell’Extended Grip, il dispositivo elettronico che simula l’effetto di un differenziale autobloccante, con l’obiettivo di incrementare la trazione sui fondi più insidiosi, rallentando la ruota che perde aderenza e trasferendo più coppia sul lato opposto.

Un sistema pensato per chi sceglie la Cross per un impiego più “avventuroso”, che può andare dalla guida sulla neve a frequenti divagazioni su strade sterrate o fangose.

Proprio per questo, la presenza del comando è vincolata al montaggio esclusivo di pneumatici M+S.

Tra i cinque motori in gamma, il dCi 1.5 da 110 CV, disponibile in tre varianti (base, con cambio automatico e con stop e start) è il più indicato per i gusti italiani.

Non particolarmente brioso, ma silenzioso ed elastico quanto basta, assicura un apprezzabile mix tra guidabilità, comfort e piacere di guida. Non ci si devono aspettare riprese strepitose, ma è sufficiente ricorrere all’aiuto del cambio per ottenere la progressione desiderata.

Se invece si riesce a mantenere l’andatura intorno al regime di coppia, la guida risulta molto gratificante, con cambi di marcia rapidi e con consumi che si mantengono su livelli interessanti: sempre intorno ai 20 km/litro.

La posizione di guida è piuttosto rialzata, ideale per tenere sotto controllo gli ingombri in ogni situazione, e senza controindicazioni per quanto riguarda l’accoglienza sulle lunghe percorrenze.

Lo sterzo è molto ben riuscito, abbastanza solido e pronto in velocità, ma leggero il giusto quando si tratta di parcheggiare.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.461 cc
  • Potenza
    81 kW/110 CV a 4.000 g
  • Coppia
    260 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    manuale a 6 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    180 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    16,3 secondi
  • Consumo misto
    21,7 km/l
  • Emissioni CO2
    120 g/km
  • Dimensioni
    4,37/1,84/1,66 m
  • Bagagliaio
    470/1.870 dm3
  • Bollo
    208,98 euro
IDENTIKIT
Renault Scenic Xmod Cross: per la famiglia che ama le scampagnate

L'opinione dei lettori