Audi A3 Cabriolte Tre quarti posteriore
  • pubblicato il 24-01-2014

Audi A3 Cabriolet: ha perso il tetto e le è spuntata la coda

di Andrea Rapelli

Su strada il nuovo telaio dimostra di avere grandi doti. E la capote è davvero un piccolo gioiello

IN BREVE
     
Comfort
Buona taratura dell’assetto e capacità di filtrare i rumori. Meno bene l’abitabilità posteriore.
     
Costi
Non è regalata, come tutte le Audi. Rispetto alla Sportback costa 7.700 euro in più.
     
Piacere di guida
C’è qualche vibrazione della scocca, ma la precisione di guida non ne risente troppo.
     
Ambiente
Le emissioni nocive sono contenute e il sistema stop e start è compreso nella dotazione di serie.

Dormire sugli allori è un’espressione che non è compresa nel vocabolario dei tecnici Audi: dopo aver rinnovato la A3, ecco che sono state sparate anche le “cartucce” Sedan e, per ultima, la Cabriolet.

Dimensioni

Primo artefice dell’articolata gamma l’ormai tentacolare pianale modulare MQB, che nel caso della A3 decappottabile ha permesso un leggero allungamento del passo (+1,7 cm, per un totale di 2,59 metri) e un lieve abbassamento della carrozzeria, che si è pure allungata di ben 18 cm.

Tutto ciò ha portato indubbi benefici dal punto di vista estetico ma anche nella capacità di carico. Il bagagliaio è infatti passato dai 260 litri della precedente ai 320 attuali. Quello che non è cambiato, purtroppo, è lo spazio dedicato ai due passeggeri posteriori, stretti non tanto in altezza quanto nella disponibilità di centimetri per le ginocchia.

Motore e guida

Passando all’interno, anche questo è stato rinnovato totalmente rispetto alla precedente cabriolet. Comunque ci si mette davvero poco per entrare in sintonia con questa Audi, sia per quanto riguarda i comandi che la guida. Passando alla gamma motori, in attesa dell’1.6 TDI da 110 CV (in arrivo dopo marzo) il 2.0 TDI da 150 CV farà la parte del leone.

Si tratta di un’unità sempre docile e amichevole che, a voler essere pignoli, romba distintamente se si sfrutta a fondo. Ma, d’altronde, la A3 Cabriolet è un tipo di auto perfetta soprattutto per passeggiare tranquillamente. Utilizzando le modalità dell’Audi Drive Select, la A3 Cabriolet sa tirar fuori le unghie con appoggi sicuri e rapidi in traiettoria, sterzo preciso quanto basta e sospensioni sostenute e reattive.

Insomma, un ottimo telaio, accompagnato solo da qualche piccola vibrazione proveniente della scocca, dovuta alla mancanza del tetto fisso. Ma il meglio arriva guidando in souplesse, a capote aperta e sotto un tiepido sole invernale, con le bocchette nei poggiatesta a riscaldare il collo.

Riparati piuttosto bene dai vortici, in particolar modo con il frangivento, ottenibile a richiesta. Se il tempo dovesse volgere al brutto, basterà premere un tasto e, fino a 50 km/h, la A3 si chiuderà in soli 18 secondi. Tutto ciò, però, si paga e gli optional aumentano con facilità il conto finale.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.968 cc
  • Potenza
    110 kW/150 CV a 3.500 giri
  • Coppia
    340 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    manuale a 6 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    224 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    8,9 secondi
  • Consumo misto
    23,8 km/l
  • Emissioni CO2
    110 g/km
  • Dimensioni
    4,42/1,79/1,41 m
  • Bagagliaio
    320 dm3
  • Bollo
    296,70 euro
IDENTIKIT
Audi A3 Cabriolet: ha perso il tetto e le è spuntata la coda

L'opinione dei lettori