Primo contatto

Audi A3 Sportback: due porte in più, quasi station wagon

Due porte in più, quasi station wagon

di Adriano Tosi -
Comfort
Più rigida di assetto, ma più silenziosa rispetto al passato.
Costi
Costa come la BMW serie 1, un po’ di più di Mercedes classe A e Volvo V40. Dotazione da integrare.
Piacere di guida
Dinamica e precisa, conferma il passo avanti evidenziato dalla 3 porte. Buono il feeling di guida.
Ambiente
99 g/km di CO2 sono una vera e propria garanzia di sostenibilità ambientale.

Audi A3 Sportback: Meglio guardarla bene prima di dire che è uguale al vecchio modello.

Più lunga di solo 1 centimetro e più larga di 2, ha però un passo cresciuto di ben 5,8 cm.

Ciò significa che gli sbalzi si sono ridotti e che la carrozzeria trasmette una sensazione di compattezza e dinamismo.

Cambiano anche i fari – dall’anno prossimo disponibili completamente a led – e la calandra anteriore: più scolpiti, conferiscono una forte connotazione Audi alla A3.

Detto questo, ora Sportback significa mini- Avant e non semplicemente A3 a 5 porte. Un effetto dovuto al terzo finestrino laterale, al montante posteriore sottile e alle barre in alluminio sul tetto.

La Audi A3 Sportback cambia sostanzialmente anche sotto la pelle, grazie al pianale MQB che ha permesso di ridurre il peso.

Guida

Nel caso specifico della 1.6 TDI e della 1.2 TSI, la bilancia indica 90 kg in meno, perché la modularità della nuova piattaforma ha permesso di adottare l’assale posteriore a ruote interconnesse, meno raffinato ma anche meno pesante rispetto al multilink montato sul resto della gamma.

Su strada, la nuova compatta di Ingolstadt regala immediatamente un feeling più sportivo.

Merito prima di tutto dello sterzo, che ha fatto passi da gigante in termini di prontezza e sensibilità, ma anche dell’assetto.

Piatta sulle quattro ruote, la A3 Sportback ha un’aderenza laterale quasi da sportiva e una precisione notevole nel seguire la traiettoria impostata.

Il rovescio della medaglia si ha in città, dato che le sconnessioni secche provocano qualche scossone in più rispetto al passato.

Motore

Il motore 1.600 TDI è il diesel meno potente della gamma.

Le sue risposte non sono sportive, ma da 1.300 a 3.600 giri il tiro è costante, per un relax di guida totale.

A proposito di relax, il cruise control adattivo (340 euro) con il sistema di allerta tamponamento, in grado di arrestare automaticamente il veicolo fino a 30 km/h, rappresenta un bel contributo.

Abitacolo

Infine, punto di forza delle Audi è l’abitacolo e la A3 Sportback non tradisce: realizzato con materiali di prima qualità, offre finezze come le bocchette d’aerazione con la possibilità di regolare il tipo di flusso dell’aria – direzionale o diffuso – spazio a volontà per quattro adulti fino a 1,85 m di statura e un’ergonomia a prova di errore.

Scheda Tecnica
N. cilindri/cilindrata 4/1.598 cc
Potenza 77kW/105CV a 3.000 giri
Coppia 250 Nm a 1.500 giri
Cambio manuale a 6 marce
Trazione anteriore
Velocità max 195 km/h
Acc. 0-100 km/h 10,9 secondi
Consumo misto 26,3 km/l
Emissioni CO2 99 g/km
Dimensioni4,31/1,79/1,43 m
Bagagliaio 380/1.220 dm3
Bollo 198,66 euro