• pubblicato il 16-07-2014

BMW X4: la prova della II SAC bavarese. Da razionale a sportiva

di Junio Gulinelli

Più piccola della X6, più sportiva della X3. La “generazione X” di Monaco colpisce ancora

IN BREVE
     
Comfort
Come sportiva offre una versatilità insolita. Come SUV rinuncia a un po' di comodità. Ma è un compromesso inevitabile.
     
Costi
È un prodotto esclusivo di nicchia, il prezzo, di conseguenza, non è proprio alla portata di tutti
     
Piacere di guida
Il divertimento al volante è senza dubbio il suo punto forte.
     
Ambiente
Tutti i propulsori puntano più che altro sulle prestazioni. Molto efficiente il quattro cilindri diesel da due litri.

BMW X4, questo ennesimo nome arriva in un anno molto importante per la Casa bavarese, ben 10 sono, infatti, i nuovi modelli che nel 2014 implementeranno la famiglia di Monaco.

La tendenza della Casa tedesca è segmentare sempre di più la domanda, offrendo modelli ormai “su misura” che rispondo a determinate caratteristiche e richieste, in questo caso di un mercato di nicchia (che comunque fa ottimi numeri): quello delle SAC (Sport Activity Coupé).

Serie 3, Serie 5 e Serie 7, prima chi voleva una BMW doveva adattarsi allo schema classico delle berline, più o meno grandi, basiche o di lusso e stop. Ora non è più così, i tedeschi ascoltano anche i capricci dei clienti, non solo le loro esigenze.

Il peso della generazione X di BMW

Quindi, dopo il “fenomeno” X6, ecco accontentati anche quei “bambinoni” cresciuti il cui giocattolo dei desideri non è esagerato come la coupé massima della gamma, ma più piccolo, maneggevole e meno ingombrante, la X4 appunto.

D'altra parte il peso della famiglia X sulle vendite BMW si sente eccome – il 30% del volume mondiale del brand, 31% in Italia (con 185.000 X vendute dal 1999) – e questo spiega ulteriormente il rilancio con la seconda SAC. Chi non lo avrebbe fatto.

Tra l'altro, poi, la valenza di questo prodotto è doppia: la X4 accontenta chi cerca una X6 più piccola, ma anche chi vuole una X3 più sportiva. Le linee sono, infatti, quelle della sorellona grintosa, mentre il pianale è quello della SUV media, più razionale.

BMW X4: da razionale a sportiva

Il primo impatto visivo con la nuova BMW X4 è quello di un'auto che fa sentire, comunque, la sua presenza sulla strada, nonostante sia 20 cm più corta della X6, un po' più bassa (seduta compresa, 2 cm più vicina alla strada rispetto alla X3) e anche più stretta.

Muso e coda hanno il ghigno sportivo, davanti adotta i gruppi ottici di ultima generazione, il posteriore alto, robusto e filante, riceve invece gruppi ottici (a LED) appositamente ridisegnati.

Perde, poco, in versatilità...

Ma, se tiri la corda da una parte, normale, la accorci dall'altra e a rimetterci, a fronte del carattere aggiunto dal tetto spiovente in stile coupé, è un po' di versatilità: nell'abitacolo, rispetto alla versione SUV, c'è un po' meno spazio per le gambe dei passeggeri posteriori, stesso discorso per la testa (anche i più alti, comunque, mantengono un buon margine tra il capo e il tetto, a limite in entrata e uscita devono chinarsi un po' di più). Il portabagagli perde 50 litri (ora 500 litri).

È il prezzo, neanche troppo salato, che si paga necessariamente per passare da Utility ad Activity.

…guadagna, tanto, in sportività

Sull'altro piatto della bilancia, però, pesa un grande valore aggiunto guadagnato, quello che soddisfa il piacere e il divertimento alla guida.

La trazione intelligente xDrive, tanto per cominciare, è praticamente di serie su tutta la gamma e pensa a distribuire la coppia tra asse anteriore e posteriore.

In più c'è il Performance Control che – lavorando sui freni – riparte la coppia tra le due ruote del retrotreno. Al contrario di un differenziale autobloccante lavora in maniera attiva, cioè interviene subito prima dell'ingresso in curva e garantisce l'aderenza all'asfalto.

Un grande aiuto quando si decide di affrontare in maniera più decisa i tornanti con un 'auto che comunque viaggia sulle due tonnellate e viene sbalzata in avanti da motori tutti potenti.

E ancora, la dinamica grintosa della BMW X4 la si apprezza anche tramite il cambio automatico ad otto rapporti, sportivo e con leve al volante.

Le sospensioni, diverse dalla X3, sono più dure; il che si apprezza soprattutto su strada, meno fuoristrada.

Ad ogni modo si può scegliere tra le modalità Comfort e Sport (o Sport+ con i controlli disattivati) e il cambio è drastico. Schiacci il tasto magico (Sport) e la X4 si trasforma realmente da SUV a Coupé sportiva.

La parte del leone: i motori della nuova X4

I motori, poi, fanno la loro parte del leone, compreso il nuovo 4 cilindri Diesel da due litri e 190 CV (20d) che riesce a spingere senza problemi, anzi alla grande, anche questa "coupé" rialzata e sovrappeso. Tra l'altro con consumi molto bassi di 5,2l/100 km.

Certo non ha quella spinta esagerata del top di gamma a gasolio, il sei cilindri da 313 CV (35d), ne dell'intermedio da 258 CV (30d), ma basta e avanza per divertirsi oltre che risparmiare.

Il meglio di sè, però, la nuova BMW X4 lo da probabilmente con la versione a benzina del sei cilindri da tre litri, e 306 CV, il cui sound e potere da supersportiva appagano i puristi delle performance facendogli dimenticare i consumi.

Le altre proposte a benzina: non pervenute. Nel senso che non le abbiamo provate ma che molto probabilmente non dovrebbero interessare troppo il nostro mercato. Per onor di cronaca sono le 20i e 28i rispettivamente da 184 e 245 CV.

Allestimenti, due linee per lusso e sportività

La BMW X4 può essere ordinata con due allestimenti (oltre all'offerta di base): l'xLine e l'Msport. Il primo, con cerchi da 19 pollici, più orientato alle dimensioni di lusso e fuoristrada, il secondo, con cerchi da 20 pollici, tutto rivolto al lato sportivo.

Prodotta negli Stati Uniti, presso gli stabilimenti specializzati di Spartamburg in South Carolina (dove viene prodotta tutta la gamma X, eccetto solo la X1), l’ultima SUV arrivata nella famiglia di Monaco (già a disposizione nelle concessionarie) si posiziona tra i prodotti di nicchia del brand, anche per quanto riguarda il prezzo: si parte infatti da 49.200 euro ma con tutti gli optional a disposizione, si può arrivare fino a quasi 67.000 euro.

I prezzi della BMW X4 2014

 X4 xDrive20iA: 50.200 euro
X4 xDrive20iA xLine: 55.150
X4 xDrive20iA Msport 55.150
X4 xDrive28iA: 55.600
X4 xDrive28iA xLine: 60.550
X4 xDrive28iA Msport: 60.550
X4 xDrive35iA: 60.000
X4 xDrive35iA xLine: 64.950
X4 xDrive35iA Msport: 64.950
X4 xDrive20d: 49.200
X4 xDrive20d xLine: 54.150
X4 xDrive20d Msport: 54.150
X4 xDrive30dA: 58.000
X4 xDrive30dA xLine: 62.950
X4 xDrive30dA Msport: 62.950
X4 xDrive35dA: 62.000
X4 xDrive35dA xLine: 66.950

X4 xDrive35dA Msport: 66.950

SCHEDA TECNICA
  • Lunghezza
    4671
  • Larghezza
    1881
  • Altezza
    1624
  • Passo
    2810
  • Volume bagagliaio
    500 litri - 1400 litri
  • Peso
    2320 kg
  • Potenza nominale
    190 CV a 4.000 giri
  • Coppia nominale
    400 Nm
  • Accelerazione 0-100 km/h
    8 secondi
  • Velocità massima
    212 km/h
  • Consumi ed Emissioni
    5,2 litri/100 km; 136g/km
IDENTIKIT

TAG

BMW X4: la prova della II SAC bavarese. Da razionale a sportiva

L'opinione dei lettori