Primo contatto

Cadillac CTS Wagon: family and furious

di Renato Dainotto -

Valori che mettono i brividi: 6,2 litri, 564 CV, 308 km/h,

oltre 85 mila euro.

Questa wagon va di corsa.

Le sospensioni sono ben tarate,

ma con tanti CV meglio non escludere l’ESP

Potente come una “muscle car” americana, ma anche capace di predersi cura dei passeggeri con un abitacolo spazioso e ben insonorizzato: così è la versione di punta della Cadillac CTS Wagon. Una familiare con sotto il cofano un V8 sovralimentato da 6,2 litri per 564 cavalli. Una potenza esplosiva pronta a detonare ogni volta che il guidatore preme sull’acceleratore.

Per fortuna a disinnescare l’ordigno c’è di serie un veloce controllo di stabilità e trazione. Solo così, anche i guidatori poco esperti riescono a sfruttare le potenzialità di questa vettura che, senza ausilii alla guida, sarebbe come un toro ferito e arrabbiato nell’arena di un rodeo. Perché, se per passare da 0 a 100 km/h basta tenere giù il piede destro per soli 4 secondi, saper sfruttare al massimo l’assetto tra le curve è un’altra storia: bisogna imparare a convivere con sotto e sovrasterzo oppure lasciar fare all’ESP.

Guidata in scioltezza, infatti, il toro diventa un’educata puledra. Le sospensioni hanno, infatti, anche una regolazione civile e il rumore è sempre basso. Che dire di più? Che le emozioni “Born in USA” si pagano: 85.474 euro.

Scheda Tecnica
N. cilindri/cilindrata 8/6.162 cc
Potenza 415 kW/564 CV a 6.100 giri
Coppia 747 Nm a 3.000 giri
Cambio manuale a 6 rapporti
Trazione posteriore
Velocità max 308 km/h
Acc. 0-100 km/h 4 secondi
Consumo misto 6,4 km/l
Emissioni CO2 370 g/km
Dimensioni 4,88/1,84/1,45 m
Bagagliaio 412/1.484 l
Bollo 2.641,75 euro
Foto

Cadillac XLR (2004)

Se volete distinguervi al volante di una delle supercar più originali dello scorso decennio.