Citroen C3 2013 - In motion
  • pubblicato il 08-07-2013

Citröen C3 1.2 VTI: 3 come il numero di cilindri

di Alessandro Ferrari

3 come il numero di cilindri

IN BREVE
     
Comfort
Spaziosa, ben molleggiata e con l’abitacolo isolato dai rumori
     
Costi
La versione in prova è un po’ cara ma ricca e ben rifinita. Consumi bassi con tutti i motori
     
Piacere di guida
Un’automobile tranquilla, che va bene anche fuori dalle strade urbane
     
Ambiente
Lo stop&start è solo sul diesel. Nella nostra auto, emissioni basse ma non da record

Anche per la seconda generazione della fortunata Citroen C3, ormai a mezza carriera, è arrivata l’ora del restyling.

Poche cose, in realtà, ma incisive e in grado di dare una nuova personalità a questa compatta francese.

Il design: questione di "faccia"

Il muso della C3 è stato completamente ridisegnato e la grande (e anche un po’ sgraziata) “bocca” ha lasciato il posto a una bella calandra sottile che incorpora il Double-Chevron, da sempre simbolo della Casa.

Posteriormente un sottile inserto cromato all’interno dei gruppi ottici e niente più.

Tutto il resto è come prima, compresa negli interni l’elegante plancia che, nella nostra versione al top di gamma, è valorizzata dalla parte centrale lucida.

Lo spazio nellaCitroen C3è abbondante sia davanti che dietro, l’accessibilità ottima grazie alle quattro grandi portiere, la visibilità notevole, anche perché la seduta è sempre piuttosto alta e c’è il parabrezza panoramico di serie, che rende l’interno eccezionalmente luminoso.

Nuovo motore 3 cilindri

Col restyling arriva sulla Citroen C3 anche il motore a tre cilindri, lo stesso che Peugeot monta già dallo scorso anno sulla 208 e che abbiamo provato nella versione top, quella di 1,2 litri da 82 CV.

In alternativa c’è un mille da 68 CV consigliabile per chi fa della C3 più che altro una citycar.

Come sulla Peugeot, questo tre cilindri è perfettamente all’altezza della situazione.

Ha una coppia discreta anche ai bassi regimi e assicura accelerazioni abbastanza brillanti, nonostante ci sia un cilindro meno del solito a spingere.

Fra l’altro, la mancanza del cilindro si avverte solo ai regimi mediobassi in ripresa con le marce alte e nemmeno in modo troppo marcato.

Comfort di guida e tenuta di strada

Per il resto sulla Citroen C3 non ci sono né vibrazioni né rumorosità di troppo, quindi un guidatore non particolarmente allenato lo potrebbe tranquillamente scambiare per un quattro cilindri.

Buono è anche il comportamento del cambio, che ha i rapporti ben spaziati e una manovrabilità più dolce e decisamente meno contrastata rispetto alla Peugeot 208.

Normale lo sterzo, sufficientemente sensibile ma indicato per una guida tranquilla.

La tenuta di strada è affidabile, anche se la precisione in curva e nelle variazioni di traiettoria non è certamente quella di una piccola sportiva.

Infine, note positive anche per il comfort acustico e dinamico.

Il rollio in curva c’è ma non è certo quello ampio e fastidioso delle Citroën di una volta.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    3/1.199 cc
  • Potenza
    60 kW/82 CV a 5.750 g
  • Coppia
    118 Nm a 2.750 giri
  • Cambio
    manuale a 5 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    174 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    12,3 secondi
  • Consumo misto
    22,2 km/l
  • Emissioni CO2
    109 g/km
  • Dimensioni
    3,94/1,71/1,52 m
  • Bagagliaio
    300/1.300 dm3
  • Bollo
    154,80 euro
IDENTIKIT
Citröen C3 1.2 VTI: 3 come il numero di cilindri

L'opinione dei lettori