Primo contatto

Jaguar E-Pace, il baby giaguaro

Abbiamo guidato la Jaguar E-Pace: la SUV compatta britannica se la cava egregiamente su strada e in fuoristrada

Comfort
Motori silenziosi e potenti.
Costi
I prezzi partono da 36.800 euro e arrivano fino a 65.750 euro.
Piacere di guida
Risente inevitabilmente della massa, con cambi di carico ben avvertibili.
Ambiente
La versione più cattiva - quella da 300 CV - emette 181 g/km di CO2.

Il fenomeno è sotto gli occhi di tutti. Crossover e fuoristrada, piacciono sempre di più. Solo in Italia a gennaio le immatricolazioni sono cresciute rispettivamente del 39,7% e del 21,9%. Così tutti i costruttori stanno esplorando questo mercato, ampliando l’offerta, non ultima Jaguar che, dopo il fortunato lancio della F-Pace, le affianca una più compatta e meno costosa E-Pace. Poi, a marzo, al prossimo Salone di Ginevra sarà il turno della Suv totalmente elettrica, la I-Pace.

Jaguar E-PACE Corsica
Credits: Jaguar E-PACE global media drive, Corsica 2018

La E-Pace ha dimensioni meno esagerate: è lunga 4,39 metri e larga 1,98. Il peso varia dai 1775 chili della versione meno potente col turbodiesel da 150 CV ai 1894 chili di quella più performante col motore benzina da 300 CV.

Avrete capito che si ha a che fare comunque con una vettura di una certa mole e di un certo peso. E che ha pure l’ambizione di far quadrare quello che fino a poco tempo fa sembrava impossibile: comfort eccelso, doti stradali e capacità fuoristradistiche. Per un primo assaggio della nuova vettura Jaguar ha allestito un test drive sulle strade della Corsica, tra Porto Vecchio e Bonifacio, costeggiando il mare e in mezzo ai monti. I motori che abbiamo potuto provare sono il turbodiesel da 241 CV e il benzina da 300 CV.

Jaguar E-PACE Corsica
Credits: Jaguar E-PACE global media drive, Corsica 2018

La domanda è che cosa ci sia di Jaguar dentro il nuovo Suv, ovvero quali siano gli elementi forti che lo distanziano dagli altri Suv. Dal punto di vista delle forme, fatti salvi alcuni obblighi di progettazione, il muso è certamente tipico delle Jaguar di ultima generazione, con la ampia calandra e lo stemma cromato. Va ricordato che se il frontale appare massiccio, Jaguar ha inserito sotto il cofano motore della E-Pace un airbag salva pedone che evita che la persona investita venga sbalzata contro il parabrezza. La linea laterale mantiene la classica proporzione due terzi un terzo tra la parte delle lamiere e le finestrature, con la linea di cintura ben raccordata tra i voluminosi parafanghi e l’ultima luce della finestratura posteriore che si chiude con un angolo piccolo verso il posteriore, in modo da conferire al tutto una certa sportività complessiva.

Ma è all’interno che si nota ancora di più la filosofia Jaguar. Un ambiente lussuoso, con tessuti e pelli al top, cuciture a viste, materiali pregiati anche negli angoli e un design della plancia che potremmo definire avvolgente come un salotto di una casa inglese di campagna. Dove al posto del caminetto c’è lo schermo touch da 12,3 pollici chiuso a destra da una sottile nervatura coperta in pelle che scende fino al pomolo del cambio. Ampie e avvolgenti le poltrone, sia nella fila anteriore che in quella posteriore e pregevole anche per fattura il volante a tre razze con i comandi ben posizionati. Benissimo sfruttabile il baule, con reti per trattenere i bagagli e un volume complessivo di 577 litri. Non mancano ovviamente l’hot spot wi-fi, per connettere con internet fino a un massimo di otto dispositivi.

Jaguar E-PACE Corsica
Credits: Jaguar E-PACE global media drive, Corsica 2018

Al volante la Jaguar E-Pace sa dare belle soddisfazioni. Grazie al Configurable Dynamics il guidatore può decidere e personalizzare le risposte dell’acceleratore, della trasmissione, dello sterzo e del sistema di sospensioni adattive Adaptive Dynamics. In modo da avere sempre la macchina settata al meglio a seconda dei fondi stradali, dall’asfalto allo sterrato, e del meteo, dalla pioggia alla neve.

Su strada, nelle curve strette e strettissime della Corsica, la E-Pace risente inevitabilmente della massa, con cambi di carico ben avvertibili. Però non mostra mai il rollio e il beccheggio che fanno soffrire su altre vetture di questo segmento e, guidata sportivamente, l’insieme di motore e trazione consente delle buone velocità in totale sicurezza. Le capacità di trazione della E-Pace le abbiamo sperimentate dal vivo in alcune curve esposte a Nord, dove sull’asfalto si crea quello che i francesi chiamano verglasse, ovvero una patina semighiacciata bianca e ben evidente. La Jaguar se la filava via liscia, nonostante il fondo infido, a patto di frenare prima e percorrere la curva con un filo di gas.

Motori silenziosi e potenti, con forti accelerazioni, quasi più pronto (per la maggior coppia) il turbodiesel da 241 CV rispetto al benzina che di suo garantisce un allungo però più significativo. Ma è in fuoristrada che la E-Pace sorprende. E qui si avverte tutto il vantaggio competitivo di avere a disposizione esperienza e tecnologia del gruppo Land Rover, cui Jaguar appartiene.

Non c’è terreno, dal semplice sterrato polveroso al guado da 50 cm, che la Jaguar non sia in grado di affrontare e superare. Di più: per farci vedere che è una vera sportiva, sempre e comunque, abbiamo potuto testarla su un piccolo circuito in terra con curve da prendere col gas a fondo e controsterzando, così che il tecnico Jaguar, seduto accanto a noi, potesse esclamare: una vera Jaguar, va su terra come in pista!

Scheda tecnica
Motoreturbo benzina
N. cilindri/cilindrata4/1.998 cc
Potenza221 kW (300 CV) a 5.500 giri
Coppia400 Nm a 1.200 giri
Trazioneintegrale permanente
Velocità max243 km/h
Acc. 0-100 km/h6,4 s
Consumo urb./extra/medio10,3/14,3/12,5 km/l
Dimensioni4,40/1,98/1,65 metri
Passo2,68 metri
58.250 euro