Maserati Quattroporte Tre quarti anteriore
  • pubblicato il 15-02-2013

Maserati Quattroporte: la limousine più veloce del mondo

di Andrea Rapelli

La limousine più veloce del mondo

IN BREVE
     
Comfort
Di spazio ce n’è in abbondanza, anche dietro. Peccato per qualche fruscio a velocità autostradali.
     
Costi
Al di là dei consumi, molto elevati, i prezzi dovrebbero essere in linea con le rivali teutoniche.
     
Piacere di guida
Motore da urlo, sterzo e assetto da GT: a dispetto delle dimensioni, sul misto è molto divertente.
     
Ambiente
Il V8 biturbo non ha lo stop&start ed emette ben 278 g/km di anidride carbonica.

Nel 1965 Marcello Mastroianni guidava con nonchalance un’elegantissima berlinona con il Tridente sulla calandra, provando il sottile piacere di avere, sotto il cofano e il piede destro, un motore da corsa.

Oggi, dopo quasi 50 anni, conforta sapere che certe cose non sono cambiate.

Perché lei, la Maserati Quattroporte, muta totalmente.

Telaio

Per una volta, si possono mettere da parte le lamentele dei nostalgici, per l’abbandono dello schema di trasmissione transaxle (presente su alcuni esemplari della penultima serie) e per la parte centrale del pianale e la struttura dell’impianto elettrico in comune con la Chrysler 300/ Lancia Thema.

Piuttosto, è bene sapere che tutto il telaio è stato oggetto di un profondo affinamento, volto soprattutto a diminuire il peso totale dell’automobile.

Tanto per cominciare, i tecnici hanno fatto ampio uso dell’alluminio per porte, cofani e sospensioni mentre la traversa centrale che sostiene la plancia è in magnesio.

Se il peso totale di 1.900 kg vi sembra alto, dovete sempre considerare che questa Quattroporte andrà a battagliare in un segmento ben preciso, confrontandosi con il non plus ultra della produzione tedesca a passo lungo, quindi con auto che non sono certo pesi piuma.

In ottica europea, a fine 2013 arriverà la Ghibli, dalle dimensioni più contenute. In effetti, la lunghezza di 5,26 metri incute timore.

Non tanto per l’effetto estetico - le foto parlano da sole - quanto per la guida su strade strette, come quelle della Costa Azzurra, teatro della nostra prova.

Motore

Il V8 biturbo con iniezione diretta e 530 CV, progettato in collaborazione con Ferrari e prodotto a Maranello, dà il benvenuto con voce suadente.

La modalità I.C.E. (Increased Control and Efficiency), che inibisce l’overboost e cerca di limitare il consumo, è perfetta per la città.

Anche perché questo motore ha talmente tanta coppia in basso che sembra poter tirare un TIR.

La conferma arriva sulle montagne, dove finalmente gli artigli della Maserati Quattroporte vengono fuori.

La spinta è inesauribile da 1.500 a 7.000 giri, condita con grinta e sound da pelle d’oca. I rettilinei finiscono in tempo zero e i tornanti consentono di mettere alla prova i freni Brembo, precisi e potentissimi.

Guida

Le informazioni provenienti dallo sterzo (idraulico e super preciso) e dalle sospensioni attive Skyhook sono alla vecchia maniera: fanno sempre sapere cosa accade.

E se l’asfalto dovesse assomigliare più a un campo di patate che a un tavolo da biliardo, si possono disaccoppiare le sospensioni dalla modalità Sport, rendendole un po’ più morbide.

Il prezzo da pagare per la Maserati Quattroporte è una certa rumorosità aerodinamica, accompagnata da consumi alti.

Infine, manca un po’ di tecnologia rispetto alla concorrenza.

Ma alla Maserati, ci stanno lavorando.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    8/3.798 cc
  • Potenza
    390 kW/530 CV a 6.800 giri
  • Coppia
    650 Nm a 2.000 giri
  • Cambio
    automatico a 8 rapporti
  • Trazione
    posteriore
  • Velocità max
    307 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    4,7 secondi
  • Consumo misto
    8,4 km/l
  • Emissioni CO2
    278 g/km
  • Dimensioni
    5,26/1,92/1,48 m
  • Bagagliaio
    530 dm3
  • Bollo
    4.686,95 euro
IDENTIKIT
Maserati Quattroporte: la limousine più veloce del mondo

L'opinione dei lettori