• pubblicato il 27-01-2016

Nuova Mercedes Classe C Coupé, prime impressioni

di Francesco Neri

La Nuova Mercedes Classe C Coupé attira li sguardi come poche altre, ma offre anche un gran piacere di guida su ogni tipo di strada. Abbiamo provato la C 220 d Coupé per i colli toscani, scopriamo com’è andata

IN BREVE
     
Comfort
La C Coupé è spaziosa, silenziosa e vanta un comfort di marcia invidiabile. Ottimo il lavoro svolto dalle sospensioni dotate di Agility Control.
     
Costi
Il prezzo base di 38.450 Euro per la C 180 è interessante. Tuttavia, il prezzo “reale” per la versione 220 d con qualche optional è attorno ai 48.000 Euro.
     
Piacere di guida
La Mercedes C Coupé è un’auto molto piacevole da guidare, il giusto compromesso tra sportività e auto comoda per l’utilizzo di tutti i giorni.
     
Ambiente
Il 2.2 litri Mercedes risulta poco assetato, la Casa dichiara un consumo di 4,1 l/100 km nel ciclo combinato e emissioni pari a 106 g/km di CO2i.

La nuova Mercedes Classe C Coupé è un’auto che si fa notare, non c’è alcun dubbio. Spiritualmente, la C Coupé dovrebbe essere l’erede della GLK, ma la sua linea sexy e sportiva ricalca quella della sorella maggiore S Coupé e, credetemi, è un gran bel complimento.
Dal vivo risulta molto più compatta di quanto non sembri in foto, soprattutto osservandola di profilo, dove il vetro unico (in realtà il montante c’è, ma è nascosto) conferisce un senso di dinamismo e di snellezza. La parte posteriore è quella che ci piace di più: un “lato B” sexy e audace, vero segno distintivo di questa versione Coupé.

COM'è?

Anche se ha perso due portiere, la Nuova Mercedes Classe C Coupé dispone di uno spazio generoso sia per i passeggeri anteriori, sia per quelli posteriori; grazie anche al passo di 80 mm più lungo rispetto al modello precedente.

La C Coupé è anche più snella (-50 kg), più tesa (-15 mm di altezza) e, perché no, più chic e estroversa della versione che va a sostituire. È difficile al giorno d’oggi trovare auto con la linea dei fari così bassa e un design così ben riuscito, soprattutto su un segmento D, ma in questo caso le matite dei designer Mercedes si sono superati.

Gli interni sono gli stessi della sorella berlina: un mix di pelle, plastiche morbide e plastiche lucide, con una scelta di abbinamenti cromatici pressoché infinita. Il tunnel centrale, grazie alla leva del cambio situata sul piantone dello sterzo, offre in sacco di spazio e innumerevoli vani portaoggetti, mentre il sistema di infotainment dispone di tutte le funzionalità del caso, tra cui i sistemi Mercedes Connect Me e i servizi COMAND Online gratuiti per i primi tre anni.

COME VA?

Lo scenario della nostra prova sono le strade che portano da Firenze alle colline nei pressi di Siena, a Montalcino per la precisione. Saliamo sulla C 220 d, la motorizzazione che andrà per la maggiore nel mercato italiano.

Il 2.2 litri quattro cilindri Diesel da 170 CV è un bel motore: spinge regolare e senza buchi con un ritardo minimo nella risposta, anche se risulta un po’ rumoroso quando sale di giri.

Nei percorsi autostradali e sulle statali, invece, la silenziosità della vettura è esemplare, grazie anche ad un Cx di 0,26.
Anche gli ammortizzatori dotati di Agility Control - sistema che cambia la taratura a seconda dello stile di guida e della velocità - rendono la guida confortevole. L’auto sembra volare su buche e sconnessioni, ma allo stesso tempo controlla bene rollio e beccheggio quando si forza il ritmo.

Il nostro esemplare è dotato anche delle sospensioni optional AIRMATIC (sistema al debutto in questo segmento) che premettono di selezionare diverse modalità di guida: ECO, COMFORT, SPORT, SPORT +, INDIVIDUAL. I settaggi non solo influiscono sull’assetto, ma anche su cambio, sterzo e risposta dell’acceleratore.

Usandola nelle due modalità opposte, COMFORT e SPORT+, la differenza è notevole. Nella prima l’auto è molto più morbida, ovviamente, ma il vero vantaggio è che per quanto sia“soft”, l’auto non risulta mai pigra nel rispondere agli imput, come capita invece ad altre vetture in questa modalità. Selezionando la modalità Sport+ lo sterzo si fa’ più consistente, le cambiate più veloci - quasi brusche - e la risposta all’acceleratore molto sensibile.

Di grip meccanico ce n’è molto, e il cambio G-TRONIC a 9 marce lavora in modo rapido ed efficiente sfruttando il motore al meglio, senza lasciarvi mai a corto di potenza. L’inserimento in curva è rapido e il beneficio dei kg persi è palpabile.

Lo sterzo è molto servoassistito e non lascia trapelare abbastanza informazioni per essere davvero sportivo - a causa anche delle gomme Pirelli Sottozero invernali -, ma risulta comunque diretto e preciso, un’ottimo compromesso tra sportività e comfort.
Anche il telaio è poco propenso a “giocare” e, se cercate il sovrasterzo, l’elettronica è pronta a sedare ogni esuberanza delle ruote posteriori.

Insomma, la Classe C Coupé non è quel tipo di auto da prendere per la collottola e per tirare come pazzi, piuttosto una vettura da andatura medio-veloce in grado di farvi compiere centinaia di chilometri senza battere ciglio.

MOTORIZZAZIONI

Le gamma dei motori diesel è composta dal C 220 d da 170 Cv e 400 Nm e dal C 250 d da 204 CV e 500 Nm. Le versioni benzina, invece, sono la C 180 da 156 Cv e 250 Nm, la C 200 da 184 CV e 300 Nm, la C 250 da 211 CV e 350 Nm e infine la C 300 da 245 CV e 370 Nm.

La nuova Mercedes Classe C è disponibile anche in versione C 63 AMG e C 63 S AMG, con potenze rispettivamente di 476 e 510 CV.

PREZZO E VERSIONI

Il prezzo di listino della nuova Mercedes Classe C Coupé parte da 38.450 Euro per la C 180 da 156 CV, da 45.150 Euro per la C 220 d con cambio automatico di serie e 170 CV, e da 52.000 Euro per la C 300 Automatic da 245 CV. La rivale più diretta, la BMW Serie 4, nella versione 20d da 190 CV costa 42.850 Euro (con cambio manuale).

Le versioni disponibili sono partono dalla EXECUTIVE, che comprende la mascherina matrix, le luci LED, i cerchi in lega da 17”, i sedili artico/tessuto e la radio CD con predisposizione Garmin Map Pilot. La versione SPORT (+ 2.870 Euro rispetto alla Executive) comprende navigatore, retrocamera posteriore, cerchi da 18” e fari full LED.
La versione PREMIUM (+ 3.000 Euro rispetto alla Sport) sfoggia il kit estetico firmato AMG, cerchi AMG da 18 pollici, il Mercedes Command Online, interni AMG e i sedili Artico/Dinamica.
La versione top di gamma PREMIUM PLUS (+5.000 Euro rispetto alla Premium) ha di serie i cerchi da 19 pollici, fari full LED intelligenti, il tetto panorama, sistema Parktronic, e i sedili in pelle.

Disponibile anche una versione EDITION ONE (+ 3.540 Euro rispetto alla versione Sport) per i primi clienti che comprano la vettura.
Su un altro pianeta, invece, la versione AMG, che parte da un prezzo di listino di 85.000 Euro , mentre ce ne vogliono 15.500 in più per la versione EDITION ONE AMG, che sfoggia un kit estetico che richiama la versione da gara C AMG.

SCHEDA TECNICA
  • Lunghezza
    468 cm
  • Larghezza
    181 cm
  • Altezza
    140 cm
  • Bagagliaio
    400 Litri
  • Motore
    4 cilindri in linea, diesel
  • Cilindrata
    2.143 cc
  • Potenza
    170 CV
  • Coppia
    400 Nm
  • 0-100 Km/h
    7,5 (G-Tronic)
  • Velcoità massima
    234 Km/h
  • Consumo
    4,1 l/100 km
  • Emissioni
    106 g/km CO2
  • Prezzo
    da 38.450 Euro (45.150 Euro per la C 220 ddella nostra prova)
IDENTIKIT

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Nuova Mercedes Classe C Coupé, prime impressioni

L'opinione dei lettori