• pubblicato il 13-04-2016

Nuova Volkswagen Tiguan 2.0 TDI, prime impressioni di guida

Cambia tutto tranne il nome: si guida molto bene ed è davvero ben rifinita. E finalmente arriva un motore 1.6 TDI da 115 CV.

IN BREVE
     
Comfort
La nuova Tiguan offre un ambiente premium molto confortevole e il climatizzatore a 3 zone di serie. Peccato solo per qualche fruscio a velocità autostradale.
     
Costi
Non è economica: la 2.0 TDI parte da 32.550 euro, ma la dotazione di serie è completa. La 1.6 TDI 115 CV abbassa la soglia a 28.750 euro.
     
Piacere di guida
Si tratta di una SUV compatta molto agile, e l’abbinata motore/cambio DSG è perfetta. La gamma prevede anche la motorizzazione 2.0 BiTDI da 240 CV.
     
Ambiente
Pesa meno di prima nonostante sia cresciuta nelle dimensioni e migliora il coefficiente Cx. Il più sobrio dei motori sarà l’1.6 TDI da 115 CV.

Toccava proprio a lei: era il 2007 quando venne lanciata la prima Volkswagen Tiguan, e solo oggi, dopo quasi un decennio, arriva la seconda generazione. Ovviamente c’è stato un restyling di metà vita nel 2011, ma solo adesso la crossover di Wolfsburg può definirsi completamente nuova.  

Si tratta di un modello importante per la Casa tedesca, visto che oggi i grandi numeri si giocano nel segmento delle SUV compatte. Tanto che nei prossimi anni arriveranno altri modelli tra SUV e crossover (si parla di almeno un modello per ogni segmento entro il 2020). Tra le novità importanti, l’arrivo della versione 1.6 TDI da 115 CV a trazione anteriore, che consente di accedere al mondo Tiguan con prezzi a partire da 28.750 euro. La versione d’ingresso a benzina 1.4 TSI 125 CV parte da 27.550 euro.

Più grande e più SUV di prima

Il design della nuova Tiguan incarna la filosofia Volkswagen, ovvero tratti puliti e netti che si accompagnano a una linea di cintura più alta rispetto al modello precedente, sbalzi ridotti e qualche muscolo in vista, soprattutto nella sezione posteriore. Insomma, la Tiguan diventa più SUV rispetto a quanto non lo fosse prima. 

Anche perché, nonostante sia più bassa a tutto vantaggio della presenza scenica e della dinamica di guida, si sta seduti più in alto di ben otto centimetri e il peso rimorchiabile raggiunge un valore record nel segmento di 2.500 kg (con il Trailer Assist che abbiamo provato sulla nuova Passat Alltrack c’è la funzione di parcheggio pilotato con rimorchio). Il frontale può essere scelto tra “stradale”, “R-Line” (il più sportivo), e “Off-Road” che vanta un angolo d’attacco di 25° in vista dei 20° dei primi due. L’abitacolo è quasi impeccabile, molto vicino a quello della Passat per qualità percepita. E sempre pulito e “classico” nel design, proprio quello che ci si aspetta da una Volkswagen.

Più lunga di sei centimetri e più larga di tre, la nuova Volkswagen Tiguan offre tanto spazio per i passeggeri e un bagagliaio che va da 520 a 615 litri in base alla posizione del divano posteriore, che scorre su dei binari alla bisogna. Il portellone può essere ad apertura automatica (optional): in tal caso basta passare il piede sotto il paraurti.

La prima novità che si nota salendo al posto di guida è la nuova strumentazione digitale di 12,3” con mappe del navigatore e l’head-up display che proietta le informazioni principali sul parabrezza, entrambi optional. A partire dall’allestimento intermedio “Business” c’è il cruise control adattivo che mantiene la distanza dal veicolo che precede, anche in caso di stop e ripartenza.

Versioni e prezzi della nuova Tiguan

Il listino parte da 27.550 euro per la Tiguan 1.4 TSI, ovvero la versione a benzina turbo disponibile in due varianti, 125 e 150 CV.

La Tiguan 1.6 TDI 115 CV con trazione anteriore e cambio manuale parte da 28.750 euro, mentre la Tiguan 2.0 TDI 150 CV parte da 32.550 euro; la stessa versione con la trazione integrale costa 34.950 euro, e si raggiungono i 36.950 euro per quella 4Motion con cambio DSG. Al top della gamma troviamo la Tiguan 2.0 TDI 190 CV 4Motion DSG da 41.400 euro, in attesa dell’arrivo della versione 2.0 BiTDI da 240 CV da 45.500 euro.

Di serie su tutta la gamma, quindi anche sull’allestimento base “Style”, sono presenti: climatizzatore automatico a tre zone, impianto audio con Bluetooth, schermo touch da 8”, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, cruise control, sistema di frenata d’emergenza Multicollision Brake, Lane Assist, volante rivestito in pelle.

Al volante della Tiguan 2.0 TDI 150 4Motion DSG

La nuova Volkswagen Tiguan è la prima SUV del brand tedesco a sfruttare la nuova piattaforma modulare MQB, e questo si riflette positivamente nella guidabilità, tanto che sembra di essere al volante di una berlina compatta, se non fosse per la posizione di guida alta e per il volante leggermente inclinato. 

Agile e sicura nel misto, la Tiguan 2.0 TDI 150 4Motion DSG non ha velleità sportive - per quello bisogna puntare sulla motorizzazione 2.0 TDI biturbo da 240 CV che abbiamo provato sulla nuova Volkswagen Passat - ma assicura prestazioni di tutto rispetto e un buon allungo sulle Autobahn tedesche, dove però si percepiscono dei fruscii aerodinamici già a 130 km/h.

Il cambio automatico a doppia frizione è il solito, impeccabile, DSG, e la trazione integrale assicura non solo una garanzia in più su strada, soprattutto sui fondi viscidi, ma permette anche di avventurarsi in percorsi off-road mediamente impegnativi. 

La Tiguan in fuoristrada

Probabilmente oltre il 99% dei clienti della Tiguan - e questo vale per tutte le SUV compatte - la useranno sempre e solo su strada, o al limite potrebbero ritrovarsi ad affrontare una blanda strada sterrata per raggiungere la seconda casa in montagna. La nuova Tiguan, però, è in grado di spingersi oltre: l’altezza da terra di 20 cm, l’angolo d’attacco di 25° e la trazione integrale 4Motion con Active Control con 5 modalità di guida, tra cui quella off-road, le regalano capacità in fuoristrada sopra la media.

Per questo ci siamo spinti oltre le strade ordinarie in un percorso fuori dall’asfalto, il Mellow Park di Berlino dedicato alle BMX fatto di salite e discese molto ripide, e lei ne è uscita davvero bene. Non è una fuoristrada dura e pura con autobloccante - se si è in cerca di avventure le SUV non sono la scelta giusta - però non c’è alcun dubbio, se dovesse servire, la Tiguan saprà tirarvi fuori dai guai.

SCHEDA TECNICA
  • Lunghezza
    449 cm
  • Larghezza
    184 cm
  • Altezza
    163 cm
  • Bagagliaio
    520 - 615 litri
  • Alimentazione
    Diesel
  • Cambio
    Automatico doppia frizione a 7 marce
  • Trazione
    Integrale 4Motion
  • Cilindrata
    1968 cc
  • Potenza massima
    150 CV a 3.500 giri
  • Coppia massima
    340 Nm da 1750 a 3000 giri
  • Velocità massima
    200 km/h
  • Accelerazione 0-100 km/h
    9,3 secondi
  • Consumo medio
    17,9 km/l
IDENTIKIT
Nuova Volkswagen Tiguan 2.0 TDI, prime impressioni di guida

L'opinione dei lettori