Primo contatto

Porsche Cayenne S Diesel: otto cilindri da brividi (e va a gasolio!)

Otto cilindri da brividi (e va a gasolio!)

di Andrea Rapelli -

Una super Cayenne, una SUV dei record.

Perché sotto il cofano batte un nuovo V8 biturbodiesel da 382 CV.

Che le permette di fregiarsi, per la prima volta nella sua storia, della sportivissima lettera S.

Era solo questione di tempo, probabilmente.

Sarà la crisi, sarà che ormai la tecnologia permette di tirare fuori un sacco di cavalli anche da motori piccolissimi, sta di fatto che, per la prima volta nella storia di Zuffenhausen, la magica letterina S va a posizionarsi sul portellone di un’auto a gasolio.

Trattasi della Porsche Cayenne, nella fattispecie.

Da fuori, a un’occhiata distratta, si direbbe una Turbo qualunque: poi aguzzi l’occhio e ti accorgi delle scrittine sui parafanghi, per esempio.

E ti viene voglia di aprire il cofano, per capire cosa c’è sotto.

In effetti, il compendio tecnologico è notevole, perché il V8 di 4,2 litri che monta questa super Cayenne sprigiona la bellezza di 382 CV, accompagnati dalla mostruosa coppia di 850 Nm.

Per arrivare a questo risultato, a Zuffenhausen hanno preso due turbine a geometria variabile capaci di soffiare fino a 2,9 bar, gli stessi intercooler della

Turbo e un impianto common rail da 2.000 bar gestito da un algoritmo inedito, pensato per eliminare le tipiche rumorosità del diesel e far assomigliare il rumore a quello di un benzina.

Nondimeno, i tecnici hanno lavorato sul sistema di scarico, per ottenere un sound simile a quello di un 8 cilindri a benzina.

Il risultato, in effetti, strabilia: senza l’uso di alcun marchingegno elettronico, già al minimo la Cayenne S diesel borbotta quasi come una Turbo.

E, nell’abitacolo, non si sente alcun ticchettio o vibrazione.

Anzi, in piena accelerazione, il sound è molto piacevole.

Quello a cui dovrete prestare la massima attenzione, invece, è il pedale del gas.

Perché, complice un’accurata insonorizzazione, con questa Cayenne ci si ritrova a velocità da ritiro della patente in un battito di ciglia.

I 100 km/h vengono divorati in soli 5,7 secondi mentre la velocità massima si assesta intorno ai 252 km/h.

Il suo pane è senza dubbio l’autostrada, oppure il misto veloce, dove sa disegnare traiettorie precise e far valere la trazione integrale PTM, con la frizione a lamelle a comando elettromagnetico che si occupa di distribuire la potenza là dove serve.

Benefici si avvertono sia sull’asciutto, guidando sportivamente, o sul bagnato, dove si percepisce chiaramente il surplus di sicurezza delle quattro ruote motrici.

A proposito di sicurezza, vale la pena citare il PAS (Porsche Active Safety): se la distanza con la vettura che precede diminuisce troppo in fretta, il sistema prima avverte con un colpo di freno e segnali luminosi e sonori, poi, quando frenate, vi aiuta a utilizzare tutta la forza dell’impianto.

Scheda Tecnica
N. cilindri/cilindrata 4.134 cc
Potenza 281 kW/382 CV a 3.750 giri
Coppia 850 Nm a 2.000 giri
Cambio automatico a 8 rapporti
Trazioneintegrale
Velocità max 252 km/h
Acc. 0-100 km/h 5,7 secondi
Consumo misto 12 km/l
Emissioni CO2 218 g/km
Dimensioni 4,85/1,94/1,71 m
Bagagliaio 670/1.780 dm3
Bollo 2.486,95 euro