• pubblicato il 11-12-2015

Nuova Renault Megane, le prime impressioni di guida

di Francesco Irace

Ben rifinita, tecnologica e piacevole da guidare. Brillante ed efficiente la dCi 130, potente e divertente la TCe 205 GT dotata anche di 4Control

IN BREVE
Rispetto al modello precedente la nuova Megane è innanzitutto più bella. Ha una linea riuscita, con le curve giuste al posto giusto. È più spaziosa e decisamente più confortevole. Il suo valore aggiunto è caratterizzato però anche dal fatto che è meglio rifinita, è dotata del Multisense – come tutte le ultime nate in Casa Renault – e ha una gamma motori ampia e completa. Consigliati i dCi 110 e 130. 

A venti anni di distanza dal debutto, Renault Megane si rinnova e giunge alla sua quarta generazione.

Basata sulla stessa piattaforma di Kadjar, Espace e Talisman, ringiovanisce nel design, cresce leggermente nelle dimensioni e offre un comfort ancora più elevato, grazie anche all’utilizzo di materiali di ottima qualità.

Sicura e tecnologica, arriva sul mercato a partire da gennaio con prezzi da 18.650 euro. Nella seconda metà del 2016 arriverà anche nella variante familiare. 

Comoda e tecnologica

L’abitacolo della nuova Renault Megane è comodo e ben rifinito. Di ottima fattura sono i rivestimenti dei sedili e le plastiche morbide; ridotta al minimo la presenza di plastiche dure, tra l’altro ben camuffate.

La posizione di guida è ampiamente personalizzabile grazie alle regolazioni di sedile (che all’occorrenza riscalda e massaggia il guidatore) e manubrio.

Il divano posteriore è studiato per accogliere comodamente due persone; in tre tocca stringersi un po’. Cresce però lo spazio per le gambe dei passeggeri.

Ben fatto e posto verticalmente lo schermo touch screen da 8,7’’ da cui è possibile gestire l’impianto di Infotainment semplice ed intuitivo.

Lo spazio per i bagagli non manca: il bagagliaio raggiunge i 434 litri, che diventano 1247 con il divano posteriore abbattuto.

Renault Megane dCi 130

Nel corso del nostro test su strada abbiamo avuto modo di provare sia la variante dCi da 130 CV (da 25.500 euro) che quella benzina GT da 205 CV (da 30.150 euro). Ma tra i due motori sarà sicuramente il primo quello più richiesto sul mercato, insieme al più piccolo e collaudatissimo dCi da 110 CV. 

Ebbene il turbodiesel da 130 CV si rivela un’ottimo propulsore, caratterizzato dalla giusta potenza per poter far tutto senza fretta e consumando poco.

Ha un’ottima coppia, corposa ed erogata in maniera lineare. Sarà inizialmente disponibile solo con il solo cambio manuale a sei marce: innesti morbidi e molto precisi, corsa della leva non eccessivamente lunga e pedale della frizione leggermente scattoso in fase di rilascio.

Come sulla Talisman, anche in questo caso la risposta del motore varia in funzione del riding mode selezionato attraverso il sistema Multi-Sense.

A ciascuna modalità Neutro, Comfort, Eco, Sport e Perso corrisponderà una specifica taratura di cambio, sterzo, sospensioni, motore, manubrio, clima e perfino illuminazione di abitacolo e strumentazione; ad esempio, rossa per Sport e verde per Eco.

Su strada la nuova Renault Megane equipaggiata con il dCi da 130 CV ha un comportamento dinamico molto piacevole. L’aumento della carreggiata e la diminuzione dell’altezza da terra – più lunga di 64mm (4.359mm), più bassa di 25mm (1.447mm) e più larga di 47mm (1.591mm) – hanno contribuito alla crescita della stabilità e della tenuta di strada, anche alle andature più sostenute.

L’esperienza di guida è dunque positiva sia in città, coccolati dai comfort presenti, che fuori dai centri urbani, dove si apprezzano le sue doti dinamiche.

Tuttavia il dato probabilmente più interessante riguarda i consumi: secondo quanto dichiarato dalla Casa, la nuova Renault Megane dCi 130CV percorre nel ciclo misto 25km con un litro di carburante

Renault Megane TCe 206 EDC GT

Di tutt’altra natura è la versione GT 1.6 da 205 CV, che dietro al look forte e accattivante – appendici aerodinamiche, scarichi sportivi, tinta dedicata e abitacolo con vocazione racing – nasconde un’anima decisamente più sportiva; va tuttavia precisato che resterà la RS (che si rinnoverà più avanti) la pistaiola della famiglia.

Il motore da 205 CV spinge forte e ha un bel sound. Il riding mode guadagna il nuovo settaggio R.S. (che sostituisce Eco) che regola i parametri dell’auto per offrire il massimo piacere nella guida sportiva, resa ancor più appagante grazie alla presenza del già collaudato 4Control.

Grazie a questo dispositivo, le ruote posteriori della vettura sterzeranno nella direzione opposta rispetto a quelle anteriori se si viaggia a una velocità inferiore ai 60 km/h (nella modalità Neutro). Oltre tale soglia, le ruote posteriori gireranno nella stessa direzione di quelle anteriori. 

Il cambio automatico a doppia frizione con paddle al volante si rivela rapido e preciso, mentre per gli irriducibili della gudia sportiva c’è anche il Launch Control, sistema ben funzionante (ma dalla dubbia utilità) che garantisce partenze brucianti (0-100 in 7,1 secondi).

I consumi medi, secondo i dati dichiarati dalla Casa, si attestano intorno ai 6l/100km. Per chi invece ama il design sportivo della GT ma preferisce optare per motori più pacati ed efficienti Renault offre il pacchetto GT Line

Nel 2017 arriva la variante ibrida

Nel 2017 dovrebbe debuttare anche una variante ibrida, composta dal noto 1.5 dCi da 110 CV abbinato ad un’unità elettrica, che dovrebbe garantire un risparmio di carburante importante ed emissioni molto contenute. 

SCHEDA TECNICA
  • Dimensioni (mm)
    4.359/1.591/1.447
  • Motore
    dCi da 130 CV
  • Bagagliaio
    434/1247 litri
  • Prestazioni e consumi
    198 km/h e 10 sec 0-100 km/h - 4l/100km
  • Prezzo
    dCi 130 CV da 25.500 euro
IDENTIKIT
Nuova Renault Megane, le prime impressioni di guida

L'opinione dei lettori