• pubblicato il 06-07-2015

Renault Talisman: foto e informazioni della nuova berlina francese

Da un lato la collaborazione con Daimler per migliorare la qualità percepita. Dall'altro uno spirito totalmente made in France. Ecco l'erede della Laguna...

IN BREVE
Il marchio francese "archivia" la Laguna e punta tutto su una berlina "portafortuna" dalle linee precise e armoniose. Rigore tedesco? Sì, perché no: la collaborazione con Daimler fa di questo ibrido franco-tedesco un concorrente molto agguerrito nel segmento delle berline

C'è sempre un certo timore nel dire che un'auto "sfida le tedesche" o "si ispira alle tedesche". Perché sembra un po' un cliché abusato - ma reale - quello delle tedesche regine incontrastate del mercato delle tre volumi.

Nel caso della nuova Renault Talisman, però, possiamo fare un'eccezione: lo stesso Carlos Ghosn non ne fa mistero, e più volte ripete che questa nuova berlina francese di segmento D, che va a sostituire la sfortunata Laguna, è nata da una forte collaborazione con gli esperti di Daimler (collaborazione che ha già dato i suoi frutti con l'accoppiata Twingo/Smart).

Niente copia carbone, però: nel caso della Talisman, gli esperti di Daimler si sono limitati a offrire il loro know-how nel controllo qualità, e nella costruzione di prodotti con alta qualità percepita.

Il resto, invece, è tutto made in France, come orgogliosamente sottolinea Ghosn.

Nuova Renault Talisman: design pulito, comfort, personalizzazione

La qualità percepita parte dagli esterni, questi sì dal respiro tedesco, che con linee pulite e nette regalano una berlina filante e dinamica nonostante le dimensioni generose (4,85 metri di lunghezza per 1.87 di larghezza).

Un design che Laurens van den Acker descrive con tre parole chiave: "dinamico", "preciso", "rigoroso".

"La Talisman è una Renault che si riconosce subito al primo sguardo", ha sottolineato van den Acker, "grazie a un frontale molto grintoso e alla firma luminosa fornita dai fanali a C".

La stessa firma che abbiamo visto sulla Renault Espace e sulla Kadjar, a conferma del progetto organico di Renault per le vetture alte di gamma: un progetto basato su una immagine coerente, matura, che punta tutto sulla percezione di avere a che fare con prodotti molto solidi e quasi da categoria superiore.

Vista dal vivo, la Renault Talisman sembra infatti ben piantata a terra. Merito del frontale con la grande calandra orizzontale, che incorpora e valorizza la Losanga di Renault (ormai sempre più prominente).

Il posteriore è forse la parte più riuscita e personale, con la linea di fiancata che si solleva e si rastrema e i gruppi ottici che si estendono orizzontalmente andando quasi ad abbracciare, ancora una volta, lo stemma del marchio.

Tutto sommato una linea molto piacevole, forse un po' lontana dall'idea di personalità che ci aspetteremmo da una francese, ma che piace e che cresce col tempo, sguardo dopo sguardo.

Dopotutto, la Talisman è un'auto che deve piacere a molti, e da questo punto di vista, ormai, il design è diventato un'equazione.

Gli interni: tanto spazio per chi viaggia (anche dietro)

A proposito di equazioni e numeri, ce n'è uno di cui quelli di Renault sembrano andare molto fieri: quello dello spazio per le ginocchia dei passeggeri posteriori dellaTalisman: 262 millimetri, fra i migliori della categoria. Anche in altezza lo spazio non manca, con oltre 90 centimetri di spazio fra la seduta e il tetto per chi guida (e 85 centimetri per chi viaggia dietro).

Il design della plancia della Renault Talisman non sconvolge con soluzioni avveniristiche, ma non vuole neanche farlo: l'accento è ancora una volta sulla razionalità e la facilità di utilizzo, frutto anche questo della consulenza di Daimler.

A fare da protagonista in questo caso è il grande schermo posto al centro della plancia, un display touch-screen di 8,7 pollici (quasi un iPad mini, per intenderci) disponibile sugli allestimenti top di gamma. Gli intermedi si devono accontentare di un "classico" 7 pollici, che non sono per nulla sgraditi (ma attenti a non scegliere l'entry level, o dovrete accontentarvi di una autoradio con schermo da 4,2'').

Torna, ovviamente, il sistema di infotainment R-Link 2 che centralizza i sistemi di connettività, navigazione e controllo delle funzioni dell'auto.

I motori: accento sull'ecologia?

Capitolo propulsori: la nuova Renault Talisman arriverà (entro fine 2015 in Francia, il prossimo anno nel resto d'Europa) con cinque diversi motori.

Tre diesel (un Energy dCi da 110CV, un Energy dCi da 130CV e un dCi da 160CV abbinato con un cambio sei marce automatico EDC) e due benzina (Energy TCe da 150CV e uno da 200CV, abbinati a un cambio automatico a sette marce).

Tutte le motorizzazioni saranno, ovviamente, Euro6 e avranno emissioni a partire da 95 g/KM di CO2 (in linea con la rinnovata etichetta ECO2).

Talisman: un futuro migliore della Laguna?

Insomma, le doti per avere successo, ancora una volta, sembrano esserci (come va, invece, lo vedremo alla prima prova su strada). Il successo della Renault Talisman, però, dipenderà dal pubblico, che in occasione della Laguna si era mostrato molto più restio.

A chi però sottolineava, polemicamente, gli insuccessi passati del marchio nel segmento D, Carlos Ghosn ha risposto prontamente: "Renault è un costruttore generalista, presente su tutti i mercati: alcuni segmenti sono da conquistare, altri sono da riconquistare. Non bisogna pensare che facciamo una cosa o l'altra: Renault è stato uno dei rari costruttori che ha mantenuto la propria rotta nel periodo di crisi, mantenendo i progetti, senza rimandare i nuovi modelli o rinunciare a segmenti".

Chapeau, Ghosn.

SCHEDA TECNICA
  • Lunghezza
    4,85 metri
  • Larghezza
    1,87 metri
  • Altezza
    1,46 metri
  • Passo
    2,81 metri
  • Bagagliaio
    608 litri
  • Motori benzina
    2 propulsori: Energy TCe 150, Energy TCe 200
  • Motori diesel
    3 propulsori: Energi dCi 110, Energy dCi 130, dCi 160
IDENTIKIT
Renault Talisman: foto e informazioni della nuova berlina francese

L'opinione dei lettori