• pubblicato il 13-05-2013

Seat Leon SC: una tre porte bella tonica

di Alessandro Marchetti Tricamo

Una tre porte bella tonica

IN BREVE
     
Comfort
L’abitacolo è ben insonorizzato e le sospensioni fanno il loro lavoro su tutte le pavimentazioni.
     
Costi
Assomiglia molto a una Golf ma ha un prezzo più accessibile. Inclusa la manutenzione.
     
Piacere di guida
Non è una sportiva dura e pura, ma una brillante automobile da famiglia.
     
Ambiente
Consumi ed emissioni di CO2 contenuti anche grazie al dispositivo stop&start.

La differenza è questione di centimetri.

La nuova Seat Leon SC, versione a 3 porte della berlina spagnola, si presenta con un taglio al passo di 3,5 cm.

Provate a fare la misura con le dita: è un’inezia, difficile da percepire a bordo di un’auto di 4,23 m.

Eppure la partita tra le due versioni della Leon si gioca tutta qui.

Funzionale e abitabile la 5 porte, dinamica e sportiva la nuova SC (per la prima volta la Leon è disponibile con questa formula).

Seat Leon SC: su strada

Il diverso comportamento dinamico su strada è da palato fine, perché l’assetto è stato leggermente ribassato, così come il baricentro della vettura e la sensazione è che la Leon SC abbia una miglior ingresso in curva, in particolare alle velocità più alte, e una maggiore reattività.

Per il resto si confermano le buone impressioni della cinque porte.

Il 2 litri turbodiesel da 150 CV scelto per la nostra prova asseconda in maniera impeccabile qualsiasi richiesta e non fatica a sostenere anche ritmi più spinti e brillanti.

La progressione è fluida e la coppia motrice è già elevata prima dei 1.500 giri.

Buona anche l’elasticità, che consente al cambio automatico DSG di tenere più a lungo le marce alte, in modo da privilegiare consumi ed emissioni.

La tenuta di strada è buona (le modifiche dell’assetto aiutano) e la Leon SC non mostra mai reazioni scomposte in frenata o in condizioni di aderenza ridotta.

Meccanica e comfort

Su questa versione non c’è il retrotreno multilink (adottato solo sulle varianti più sportive) ma il semplice assale a ruote interconnesse fa comunque il suo dovere fino in fondo.

Apprezzabile anche il lavoro fatto sull’insonorizzazione: la Seat Leon SC viaggia silenziosa, con lo stesso comfort della VW Golf con la quale condivide quasi tutto, piattaforma MQB compresa.

Lo sterzo è preciso, con il giusto peso in ogni situazione e il Seat Drive Profile consente di regolare l’intervento del servocomando elettrico (oltre a cambiare la risposta di motore e cambio).

Anche a bordo, la nuova Leon SC tradisce la parentela con la Golf: plancia alta, posizione di guida leggermente infossata e tanto spazio in larghezza.

Il vero passo avanti rispetto alla precedente generazione, però, è evidente in termini di qualità dei materiali e finitura dei diversi assemblaggi.

L’abitacolo della Leon tre porte, anche posteriormente, è luminoso e spazioso, nonostante il taglio di stile sportivo della parte posteriore della carrozzeria.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.968 cc
  • Potenza
    110 kW/(150 CV) a 3.500 g
  • Coppia
    320 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    automatico a 6 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    211 km/h
IDENTIKIT
Seat Leon SC: una tre porte bella tonica

L'opinione dei lettori