Volkswagen Golf 7
  • pubblicato il 18-03-2013

Volkswagen Golf 4Motion: la tedesca per chi ama la montagna

di Valerio Boni

La tedesca per chi ama la montagna

IN BREVE
     
Comfort
L’abitacolo è accogliente e l’assetto è quello classico della Golf: rigido quanto basta.
     
Costi
Il prezzo di listino resta il punto debole. Anche se non si punta al top, la 1.6 di accesso costa sempre 24.000 euro.
     
Piacere di guida
All’ottimo equilibrio tipico della Golf si aggiunge una maggiore stabilità.
     
Ambiente
I consumi sono calati del 15%, di conseguenza anche le emissioni di CO2.

Negli anni Ottanta si è diffusa la tendenza di equipaggiare molti modelli, comprese station wagon e citycar, con la trazione integrale.

Il Gruppo Volkswagen è stato tra i primi a entrare in questo segmento e ancora oggi è presente con un’offerta variegata, anche dopo l’uscita di scena di molti concorrenti.

La Golf 4Motion è la più recente conferma di questo impegno, destinato a offrire i vantaggi delle quattro ruote motrici anche a chi non è attratto dalle numerose sport utility.

La 4Motion punta più alla sostanza che alla forma, lo dimostra il fatto che nessun dettaglio estetico, logo sul portellone a parte, la distingue dalle altre Golf della settima serie, lanciata nel 2012.

Piattaforma modificata

In realtà le differenze non mancano, ma sono tutte nascoste, a cominciare dall’MQB (Modularer Querbaukasten), la piattaforma condivisa con la Audi A3, modificata nella zona posteriore per consentire l’alloggiamento degli organi della trasmissione.

Gli effetti di questi interventi sono uno spostamento verso l’alto del serbatoio e una riduzione del volume del doppiofondo sotto il vano di carico, che peraltro non incide sulla capacità del bagagliaio.

Motorizzazioni

L’offerta della Volkswagen Golf 4Motion è limitata a due motorizzazioni TDI, la 1.6 da 105 CV (in due livelli di allestimento) e la 2.0 da 150 CV nella sola versione Highline.

Tra le due, la proposta più allettante, se non si hanno limiti di budget, è chiaramente la seconda, visto che l’evoluzione della frizione Haldex rende l’integrale permanente ancora più reattiva, quindi adatta a lavorare con coppie sostanziose.

Come l’estetica, anche la guida non evidenzia differenze rispetto alle Golf a due ruote motrici.

Guida

È vero, ma solo fino a quando si viaggia in condizioni di guida ideali, se invece il fondo stradale cambia, le differenze ci sono eccome.

Anche se non risultano percepibili.

Nel nostro test sulle Alpi austriache, la Golf 4Motion ha dimostrato di gestire al meglio le situazioni più critiche, chiaramente con l’aiuto di pneumatici adeguati.

Salite, discese, curve e tornati si affrontano come se si guidasse in estate, senza che nessuna spia avverta di quello che accade sotto il pianale, dove la coppia motrice è rapidamente tolta dalle ruote in difficoltà, per essere trasferita a quelle con migliore aderenza.

Mettere in difficoltà il sistema è davvero difficile, anche quando si sceglie uno stile di guida più brioso.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.968 cc
  • Potenza
    110 kW/150 CV a 3.500 g
  • Coppia
    320 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    manuale a 6 marce
  • Trazione
    integrale permanente
  • Velocità max
    211 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    8,6 secondi
  • Consumo misto
    21,3 km/l
  • Emissioni CO2
    122 g/km
  • Dimensioni
    4,26/1,79/1,45 m
  • Bagagliaio
    343/1.233 dm3
  • Bollo
    296,70 euro
IDENTIKIT
Volkswagen Golf 4Motion: la tedesca per chi ama la montagna

L'opinione dei lettori