RIPRESE OK, ASSETTO RIGIDO

Città

RIPRESE OK, ASSETTO RIGIDO

Rientrati in città, quell’assetto che tante soddisfazioni regala nelle curve presenta inevitabilmente il conto. Il solito mix di tombini, pavé e binari del tram si ripercuote nell’abitacolo con una certa intensità, causando talvolta degli scossoni che poco hanno a che fare con la proverbiale capacità di assorbimento Audi. Ovviamente, i cerchi da 17 pollici con pneumatici ribassati (spalla 40) non aiutano, in ottica comfort, e costituiscono un’opzione (a partire da 1.420 euro) consigliabile solo per gli appassionati della guida. Peccato, inoltre, che almeno per il momento non siano disponibili le sospensioni regolabili DCC già presenti su alcune versioni della Volkswagen Polo: avrebbero consentito di coniugare l’agilità nel misto e la morbidezza sulle asperità. Capitolo parcheggi: quando il design detta linee e proporzioni, la funzionalità ne risente. Basta girarsi verso il tre quarti posteriore per avere conferma di ciò: fra montanti spessi e coda inclinata, la percezione degli ingombri è lasciata all’intuito e i 375 euro per i sensori di manovra sono una spesa inevitabile, data anche l’assenza di protezioni. Infine, così come in extraurbano, in città si sente la mancanza delle sei marce: fra seconda e terza c’è uno “stacco” troppo grande e, nonostante l’elasticità del propulsore, non è difficile rimanere a corto di coppia.

0
07/07/2011 16:19
audi, a1, auto sportiva
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore

Tags: a1 a1 , Audi Audi , sportive sportive