Dacia Lodgy - In motion
  • pubblicato il 18-12-2012

Dacia Lodgy: ricco weekend ma in stile low cost

Ricco weekend ma in stile low cost

IN BREVE
Due giorni e una famiglia per un test verità della nuova monovolume Dacia.Con continui cambi di situazione.Per scoprire, alla fine, che economia non vuol dire rinuncia.

Quale può essere il prezzo giusto per un’auto versatile, omologata per sette persone e capace di adeguarsi a tutte, ma veramente tutte, le esigenze di una famiglia? Venticinquemila euro? Sì, se andate su marchi tradizionali.

Molto meno se decidete di guardare nel mondo Dacia, dove chi bada alla sostanza può concludere ottimi affari.

Infatti, la soglia scende sotto i 10.000 euro, 9.900 euro per la precisione, un prezzo da citycar, se si sceglie la Lodgy.

E se non vi accontentate della base, ma prendete quella più potente e accessoriata, con sette posti, superate di poco i 15.000 euro.

Un bel risparmio, però intelligente, nel senso che ci è bastato un weekend intenso per capire che con Lodgy si rinuncia solo ai fronzoli e nemmeno a tutti.

Per esempio, potete avere il navigatore integrato a soli 450 euro, contro prezzi di mercato più elevati.

La massima versatilità è un’esigenza fondamentale per chi tiene famiglia, perché con i figli lo spazio non basta mai.

Ne sanno qualcosa Katia e Antonio, che hanno accettato di essere i protagonisti di questa prova in stile “reality”, iniziata il sabato mattina con una prima situazione decisamente impegnativa.

Con le figlie Chiara e Aurora, zia e nonni, a bordo della Dacia è il tutto esaurito per la gita a Gardaland.

Salire, scendere per la colazione e riprendere tutti posto per il viaggio fino al parco non è un problema: le porte sono ampie e l’accesso alla terza fila di sedili è favorito dal completo ribaltamento di una porzione del divano centrale.

In viaggio, poi, il comfort è del tutto simile a quello offerto da auto più costose, con sedili accoglienti, visibilità all’altezza della situazione e un motore elastico e poco assetato di gasolio, grazie anche al contributo della sesta marcia.

La domenica cambia tutto, la terza fila di sedili non è più necessaria e può essere rimossa.

Non scompare sotto il piano del vano di carico, ma lo smontaggio è semplice, e il peso è minimo, tanto che Katia se la cava in una manciata di secondi.

Così si libera lo spazio per Jack, vivace cucciolone di pastore tedesco, che non troverebbe mai posto in un’auto compatta.

Ora la Dacia è una pratica 4+1, con la quale la nostra famiglia si dedica a una domenica mattina di relax.

Una passeggiata al parco, quindi tutti insieme all’autolavaggio, rigorosamente fai da te in perfetto stile low cost.

L’obiettivo non è il risparmio, ma un po’ di divertimento: tra spazzoloni, spruzzini, schiuma e idropulitrice si coinvolge tutta la famiglia.

E la carrozzeria ringrazia per evitare l’uso degli spazzoloni, che possono graffiare la vernice.

Lasciato Jack a casa, dopo pranzo ci sono nuovi impegni.

Le bimbe sono invitate a una festa così, dopo averle accompagnate, c’è il tempo per un po’ di attività all’aria aperta.

Antonio è appassionato di due ruote e di recente ha acquistato una bicicletta da trial bike, ma ancora non ha avuto modo di provarla.

Oggi c’è la possibilità di inaugurarla, con la collaborazione di Paolo Patrizi, il sei volte campione italiano della specialità, che ha dato la disponibilità per una prima lezione individuale.

La Lodgy si trasforma ancora: abbattuti gli schienali della terza fila e ribaltato in avanti un terzo della seconda, la bicicletta trova posto all’interno senza richiedere il montaggio di un sistema dedicato per il trasporto.

E resta ancora lo spazio per portare la cognata Tiziana, che non vuole assolutamente perdersi lo spettacolo.

Perché realmente di show si tratta, prima per i movimenti incerti del debuttante, poi per l’esibizione di Paolo, capace di volare letteralmente sopra gli ostacoli e di scavalcare la Dacia senza sfiorarla, con una disarmante facilità.

Si passa da una situazione all’altra macinando chilometri, senza che le tacche dell’indicatore del livello gasolio spariscano in rapida sequenza.

Tra strade statali e superstrade, la percorrenza non scende mai sotto i 20 km con un litro.

Al volante, poi, c’è la sorpresa che non ti aspetti.

Le auto a misura di famiglia, in particolare quelle a 7 posti, sono spesso pesanti da guidare e in curva tendono a innescare il rollio, ma la Dacia va controcorrente.

Merito di un telaio tecnicamente evoluto, derivato da quello della Sandero, capace di combinare comfort e tenuta adeguati alle prestazioni.

Se poi si vuole la massima garanzia di sicurezza, l’ESP costa 300 euro.

Il dovere chiama, il weekend sta per finire ed è il momento di tornare a preoccuparsi delle necessità della famiglia.

In testa alla lista c’è la spesa settimanale, piccolo dramma per chi non resiste al fascino delle auto più alla moda, pronte a sacrificare il bagagliaio in nome dello stile.

Non è certo il caso della nostra Lodgy, assemblata in Marocco, che al contrario fa della capacità di carico uno dei suoi punti di forza.

È lunga quattro metri e mezzo, quindi ha ingombri del tutto compatibili con l’uso metropolitano, ma in fatto di capacità di trasporto appartiene a un’altra categoria.

Si parte da un minimo di 207 litri con le tre file occupate, per passare a 827 e raggiungere i 2.617 rinunciando progressivamente ai posti intermedi.

Quindi non è certo un problema far entrare nella Lodgy il contenuto di un carrello colmo fino all’orlo.

A questo punto resta ancora un po’ di tempo da dedicare al relax, per andare a vedere il tramonto dalle rive dell’Adda.

Poi dritti a casa, da domani riprende la vita di tutti i giorni, con i soliti tragitti verso la scuola e l’ufficio.

Un gioco da ragazzi per la Lodgy, che ha superato la prova weekend.

Perché low cost non significa rinunciare.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.461 cc
  • Potenza
    79 kW/107 CV a 4.000 giri
  • Coppia
    240 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    manuale a 6 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    175 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    11,6 sec
  • Consumo misto
    22,7 km/l
  • Emissioni CO2
    116 g/km
  • Dimensioni
    4,50/1,75/1,68 m
  • Bagagliaio
    207/2.617 dm3
  • Bollo
    203,82 euro
IDENTIKIT
Dacia Lodgy: ricco weekend ma in stile low cost

L'opinione dei lettori