Si spegne e riparte con disinvolutura

Città

Si spegne e riparte con disinvolutura

Partiamo dalle lodi: bravi i tecnici Ford nel tarare alla perfezione il sistema Start&Stop. Arrivando al semaforo, non appena il cambio è nella posizione del folle, il quattro cilindri ammutolisce, ma basta sfiorare (proprio si sfiora) la frizione e riprende istantaneamente a girare, pronto per dare propulsione in partenza. Spinta che è consistente già a 1.200 giri, grazie alla sovralimentazione di ultima generazione che porta subito in coppia il motore, purché questo sia uscito dalla strategia di iniezione del regime di minimo. Così viaggiare nel traffico è meno stressante: perché anche senza cambio automatico, la terza marcia diventa un rapporto universale, per tenere il flusso di velocità del traffico o per una ripresa fulminea (20-50 km/h in seconda in appena 2,9 secondi). Dal reparto sospensioni, invece, arriva qualche colpetto: la taratura degli elementi elastici (molle e ammortizzatori) privilegia la dinamica e la sicurezza e non riesce a filtrare i colpi più secchi, come quelli trasmessi dal pavé o dalla sporgenza delle rotaie quando si passa sui binari del tram. Le gomme su cerchi da 17” (optional nel pacchetto Titanium a 750 euro), invece, sono un buon compromesso tra handling (guidabilità) e smorzamento dei micro-impatti. Ottima la visibilità di marcia grazie al corretto orientamento dei montanti del tetto, mentre quella posteriore è scarsa, a tal punto, da suggerirvi l’installazione del sistema di parcheggio automatico (500 euro) che, coi sensori di distanza anteriori e posteriori, aiuterà il guidatore a mantenere intatta la vernice dei fascioni.

08/07/2011 21:49
ford, focus, berlina
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore

Tags: berlina berlina , focus focus , Ford Ford