Un’auto asimmetrica

Vita a bordo

La particolare configurazione a 3 porte presenta vantaggi e svantaggi. Cominciamo dai primi: si accede più facilmente ai sedili posteriori e, se ci si trova dal lato “giusto” (il destro), si può usare la terza apertura per riporre comodamente borse e sacchetti, senza dover per forza aprire il grosso portellone. Tuttavia, la porta posteriore è minuscola e l’accesso, tutt’altro che semplice, aumenta di difficoltà quanto più siete alti. Inoltre, una volta all’interno, dovrete fare i conti con un padiglione piuttosto spiovente e pochi centimetri a disposizione per le gambe. Nulla di tutto ciò davanti, dove i passeggeri sono rapiti dal design frizzante della plancia. Peccato però che i materiali siano rigidi al tatto e, ogni tanto, compaia qualche sinistro scricchiolio. Senza contare lo schienale lato guidatore, che non ritorna in posizione se lo ribaltate per accedere ai sedili posteriori. Ottima, infine, la capacità del bagagliaio, che offre (di serie) i sedili abbattibili separatamente e una comoda rete per trattenere gli oggetti più piccoli.

0
16/12/2011 15:01
16/12/2011 15:01
hyundai, veloster, auto sportiva
I nostri rilevamenti
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore