Lo sterzo è troppo demoltiplicato

Fuori città

I nostri rilevamenti parlano chiaro: il motore ha la giusta dose di brio per affrontare strade statali e superstrade in scioltezza. La ripresa da 50 a 90 km/h viene coperta in 15,9 secondi, un tempo da considerarsi brillante, vicino a quello della Spark 1.2 (14,6) e un po’ più lento di quello della Panda 1.2 (13,2). Se, però, davanti al muso della Picanto compaiono le salite, emerge una certa pigrizia per mancanza di coppia (soli 95 Nm a 3.500 giri). In questi casi, ma anche nei sorpassi, meglio sfruttare la parte alta del contagiri, facendo ballare la lancetta tra i 3.000 e i 5.000 giri, lavorando di cambio. La leva si lascia ben gestire, con una corsa normale e innesti abbastanza rapidi. L’indicatore di cambiata è utile per risparmiare carburante. Peccato che segnali solo il passaggio al rapporto superiore, mentre non suggerisce la scalata. La parte meccanica meno riuscita è lo sterzo. La scatola è demoltiplicata (una rotazione completa è di 3,3 giri) e in velocità c’è da vincere una sensibile resistenza nei primi angoli di rotazione.

0
28/07/2011 10:31
kia, picanto, citycar
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore

Tags: city car city car , Kia Kia , picanto picanto