Due anime al semaforo

Città

La nuova Ypsilon non è esattamente una city-car, come testimonia la lunghezza di 3,84 metri.

La vettura, nel complesso, si districa piuttosto bene nel traffico congestionato delle città. Anche se, nel caos dell’ora di punta milanese, per non farsi bruciare da scooteristi e da altri matti su due ruote, bisogna tenere il motore un pizzico su di giri.

Di fatto, il due cilindri TwinAir di 875 cc, “motorino” complessivamente adorabile (opinione di chi scrive: altri non lo amano troppo), non ha il suo punto forte nello scatto da fermo. Meglio, nel caso, portarsi intorno ai 1.500 giri (la coppia massima, di 145 Nm è a quota 1.900) quando sta per accendersi la luce verde del semaforo. E se non vi basta, potete staccare la funzione “eco” (c’è un tasto sulla plancia).

Per il resto la Ypsilon non presenta altre controindicazioni nella guida urbana. Le sospensioni controbilanciano abbastanza bene buche e sbalzi di binari e pavé, anche se tendono un po’ a sobbalzare.

Quanto ai parcheggi, si può contare sulla presenza dei sensori antiurto. Chi lo volesse, poi, può richiedere il sistema semiautomatico Magic Parking (550 euro) che individua gli spazi utili e sterza da solo.

Ultimo punto. Le attuali tendenze stilistiche sono perentorie, di conseguenza l’assenza di fasce laterali non assicura protezione in manovra. In compenso la visibilità di marcia non dà grossi problemi. Attenzione ai riflessi del cruscotto nel parabrezza con il sole.

0
11/09/2011 14:59
12/09/2011 11:00
lancia, ypsilon, citycar
I nostri rilevamenti
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore

Tags: city car city car , Lancia Lancia , Ypsilon Ypsilon