Piccola ma ospitale

Vita a bordo

Gli occhi di tutti sono puntati sulla presenza delle cinque porte, per la prima volta sulla Ypsilon.

Ovviamente sono un grande vantaggio. Poi... la porta c’è, ma non si vede, dal momento che la maniglia posteriore è nascosta nella carrozzeria. Quindi il look è salvo e la praticità c’è tutta.

Insomma, la Ypsilon diventa un’auto adulta, destinata a un pubblico multiforme, non più solo per ragazze sciccose.

A proposito di sciccheria, non convince l’estetica dell’abitacolo, non tanto per i materiali (plastiche buone nella consolle, meno nei rivestimenti), quanto nell’aspetto omogeneamente grigio, non proprio da miniammiraglia. Sarebbe bastato qualche tocco di colore: persino gli strumenti e le indicazioni sono in bianco e nero.

Passiamo ad aspetti più concreti. Finiture e montaggi delle varie parti sono discreti e i comandi sono collocati correttamente, mentre il quadro strumenti resta nella tradizionale posizione a centro plancia.

La posizione di guida è buona, anche se la regolazione del volante è possibile solo in altezza: bisogna aiutarsi aggiustando il sedile.

Quanto alle poltrone, quelle anteriori sono comode, non costrittive. Dietro, in due (l’auto è omologata per quattro) ci si sta abbastanza bene anche se lo spazio in altezza non abbonda. Certo, ogni cm utile in abitacolo è stato sfruttato... Ma i progettisti non sono stati troppo generosi con gli spazi portaoggetti.

0
11/09/2011 15:06
12/09/2011 11:00
lancia, ypsilon, citycar
I nostri rilevamenti
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore

Tags: city car city car , Lancia Lancia , Ypsilon Ypsilon