Intro

Intro

Dopo nove anni di assenza dal mercato è tornata la Golf Cabrio: la terza di sei serie totali di Golf. Tra il 1979 e il 2002 questa “scoperta” fu la più scelta della sua categoria e nel 2003 venne rimpiazzata dalla Eos con il tetto rigido che non seppe però replicarne il successo. In Volkswagen, allora, hanno innestato la marcia indietro e sono tornati a proporre la cabrio come l’hanno sempre amata gli appassionati del marchio. Ovviamente alcuni retaggi del passato sono rimasti nel museo, come il roll-bar centrale presente nelle precedenti Golf, antiestetico e ingombrante, sostituito da due elementi ad azionamento automatico situati dietro i poggiatesta posteriori. Confermata ovviamente la copertura in tela, ripiegabile elettricamente fino a una velocità di 30 km/h. Operazione veloce perché la struttura rimane a vista anche da aperta: così i progettisti sono riusciti a dare più spazio ai passeggeri posteriori e a mantenere una discreta capacità di carico. L’esemplare della nostra prova monta il 1.600 TDI da 105 CV: davvero adatto. In alternativa, per ora, c’è il 1.200 turbo benzina con medesima potenza. L’automatico DSG non è ancora disponibile, purtroppo.

0
20/11/2011 16:13
21/11/2011 11:00
golf, cabrio, volkswagen
I nostri rilevamenti
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore