Di tutto e di più, ma occhio ai prezzi

Sicurezza

A Monaco lo sanno: la sicurezza deve crescere di pari passo con le prestazioni, anzi di più. Perché, rispetto a qualche anno fa, proteggersi non basta più, bisogna prevenire gli incidenti. Per farlo occorre attingere alle più recenti tecnologie dedicate alla sicurezza attiva. Il Driving Assistant (530 euro), per esempio, “legge” la presenza di un veicolo davanti a noi e, in caso di avvicinamento repentino, avvisa il guidatore e precarica l’impianto frenante, riducendo così gli spazi d’arresto.

Per il pacchetto Active Security servono altri 1.390 euro: comprende gli specchi auto-anabbaglianti, un segnalatore per i sorpassi pericolosi (rileva la presenza di un veicolo nell’angolo cieco dello specchietto) e l’Active Protection, che si accorge dell’impatto imminente e aumenta la protezione dei viaggiatori. Tutt’altro discorso lo meritano quei dispositivi che migliorano la percezione di ciò che circonda l’auto.

In manovra non possiamo fare a meno della videocamera posteriore, abbinata ai sensori di parcheggio. In viaggio, invece, fa comodo l’Head Up display, una finestra virtuale che viene proiettata sul parabrezza e, in poco spazio, riassume le principali informazioni di viaggio (velocità, limiti e divieti imposti dalla segnaletica, indicazioni del navigatore).

È disponibile insieme al navigatore a ben 3.530 euro nell’Innovation Package. Insomma, alla fine si spende e non poco. 

0
20/10/2013 14:46
21/10/2013 13:00
I nostri rilevamenti
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore

Tags: berlina berlina , BMW BMW , serie 3 GT serie 3 GT