• pubblicato il 29-03-2016

Citroën C1 1.2 PureTech 5 porte: la citycar francese se la cava bene fuoriporta

Il motore 1.2 da 82 CV permette alla "baby" transalpina di cavarsela bene anche nelle gite fuori porta

PAGELLA
Città
7/10
Fuori città
8/10
Autostrada
6/10
Vita a bordo
6/10
Prezzo e costi
8/10
Sicurezza
7/10
VERDETTO
7/10
Verdetto

Con 82 CV sotto il cofano la Citroën C1 può affrontare senza problemi i tragitti extraurbani ma il suo habitat naturale resta la città.

La Citroën C1 è, insieme alle gemelle Peugeot 108 e Toyota Aygo, l’unica cinque porte a benzina lunga meno di tre metri e mezzo. Logico, quindi, aspettarsi da questa citycar una naturale predilezione nei confronti della città.

Dopo averla testata con il motore 1.0 abbiamo deciso di effettuare la prova su strada della variante PureTech 5p. Shine della citycar francese. Scopriamo insieme come va con il più potente propulsore 1.2.

Città 7 /10
Imbattibile nei parcheggi...

La presenza del motore 1.2 PureTech tre cilindri da 82 CV e 116 Nm di coppia (lo stesso montato dalla C3 e dalla C4 Cactus) incrementa la vivacità della Citroën C1. 10,9 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h sono un valore di tutto rispetto ma i miglioramenti più rilevanti si notano alla voce “elasticità”: a differenza della 1.0 non c’è più bisogno di “tirare le marce” visto che la spinta inizia ad essere interessante già intorno ai 3.000 giri.

Le note positive e quelle negative della citycar del Double Chevron sono invece rimaste invariate: imbattibile nei parcheggi (merito della lunghezza di soli 3,47 metri e della buona visibilità) ma priva di protezioni per la carrozzeria e con sospensioni che rispondono in modo un po’ troppo secco sulle sconnessioni pronunciate.

Fuori città 8 /10

Il motore PureTech adottato dalla Citroën C1 della nostra prova su strada è uno dei piccoli aspirati più elastici in circolazione e questo permette di affrontare le gite fuori porta senza scalare troppe volte per riprendere velocità. Il cambio manuale a cinque marce se la cava molto bene e i passaggi da un rapporto all’altro sono agevolati da un pedale della frizione molto leggero.

Molto agile nelle curve - grazie al peso inferiore a 1.000 kg - e con uno sterzo adeguato alla tipologia di vettura, non nasce però per fare le corse. L’assetto non troppo rigido è più adatto ad uno stile di guida tranquillo e rilassato.

Autostrada 6 /10

L’autostrada non è l’habitat ideale della Citroën C1, neanche con il motore PureTech 1.2 da 82 CV. Alle alte velocità, infatti, la “baby” transalpina si rivela un po’ rumorosetta - esistono rivali più comode (ma anche più ingombranti) - e i freni potrebbero essere più potenti.

Gli ammortizzatori, in compenso, regalano una risposta soffice sugli avvallamenti leggeri e la sensazione di stabilità è buona. Capitolo autonomia: la Casa dichiara 814 km con un pieno mentre nella realtà si sta sempre sopra quota 600.

Vita a bordo 6 /10
...più curata rispetto alla generazione precedente...

Essere lunghi meno di tre metri e mezzo non aiuta a prendere bei voti nella materia “versatilità”: quattro posti (abbastanza comodi, però) e un bagagliaio (196 litri che diventano 780 quando si abbattono i sedili posteriori) che costringe a qualche sacrificio.

Per quanto riguarda le finiture segnaliamo una plancia più curata rispetto alla generazione precedente (ma ancora priva delle bocchette d’aerazione centrali) e i finestrini posteriori ancora con apertura a compasso. Manca il navigatore: bisogna sperare che il proprio smartphone sia compatibile con la funzione Mirror Screen offerta di serie insieme ad un touchscreen da 7”.

Prezzo e costi 8 /10

La Citroën C1 PureTech 5p. Shine della nostra prova su strada ha un prezzo onesto - 13.350 euro - abbinato ad una dotazione nella media del segmento: alzacristalli elettrici anteriori, cerchi in lega da 15”, climatizzatore manuale, contagiri, limitatore di velocità, profili laterali cromati, radio Bluetooth MP3 USB con comandi al volante, Touch Pad 7” Mirror Screen e 4 altoparlanti e volante in pelle.

La garanzia è di soli due anni a chilometraggio illimitato (il minimo di legge) mentre i consumi (grazie anche al peso contenuto) sono molto interessanti: la Citroën dichiara 23,3 km/l e anche divertendosi è praticamente impossibile scendere sotto quota 15. La tenuta del valore si preannuncia buona, anche se la maggior parte dei clienti preferisce la più economica 1.0.

Sicurezza 7 /10

La Citroën C1 PureTech 5p. Shine monta freni poco incisivi ma si riscatta con una buona dotazione di sicurezza: airbag frontali, laterali e a tendina, assistente partenze in salita, controlli di stabilità e trazione e rilevatore bassa pressione pneumatici. Senza dimenticare le quattro stelle ottenute nei crash test Euro NCAP.

Agile e rassicurante se guidata in modo tranquillo e caratterizzata da un’ottima visibilità in tutte le direzioni, potrebbe addirittura divertire con un assetto più rigido.

Scheda tecnica
  • Tecnica
  • Motore
    3 cilindri benzina
  • Cilindrata
    1.199 cc
  • Potenza max/giri
    60 kW (82 CV) a 5.750 giri
  • Coppia max/giri
    116 Nm a 2.750 giri
  • Omologazione
    Euro 6
  • Cambio/trazione
    manuale a 5 marce/anteriore
  • Capacità
  • Bagagliaio
    196/780 litri
  • Serbatoio
    35 litri
  • Prestazioni e consumi
  • Velocità max
    170 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    10,9 secondi
  • Consumo urb./extra/misto
    18,5/27,0/23,3 km/l
  • Autonomia
    814 km
  • Emissioni CO2
    99 g/km
  • Costi d'utilizzo
  • Prezzo
    13.350 euro
  • Bollo
    154,80 euro
Accessori
  • Airbag laterali e a tendina
    di serie
  • Cambio automatico
    non disp.
  • Cerchi in lega da 15"
    di serie
  • Climatizzatore manuale
    di serie
  • Fendinebbia
    200 euro
  • Navigatore satellitare
    non disp.
  • Radio Bluetooth MP3 USB
    di serie
  • Sensori di parcheggio post.
    250 euro
  • Tetto apribile
    non disp.
  • Vernice metallizzata
    550 euro
Citroën C1 1.2 PureTech 5 porte: la citycar francese se la cava bene fuoriporta

L'opinione dei lettori