Prova su Strada

DS DS3 Cabrio BlueHDi 120, la prova della piccola sfiziosa francese

Piacevole da guidare ma cara

pagella

Città
7
/10
Fuori città
9
/10
Autostrada
8
/10
Vita a bordo
7
/10
Prezzo e costi
6
/10
Sicurezza
7
/10
verdetto
7.3
/10

La DS DS3 Cabrio non è una vera scoperta ma regala comunque il piacere di viaggiare con il vento tra i capelli. I 3.500 euro di sovrapprezzo rispetto alla variante chiusa, però, sono tanti.

Prima di iniziare la prova su strada della DS DS3 Cabrio bisogna chiarire un concetto importante: la variante scoperta della piccola francese non è una vera cabriolet ma una sfiziosa “segmento B” caratterizzata da una capote in tela simile a quella della Fiat 500 C. Si viaggia con il vento tra i capelli ma i montanti sono fissi e i finestrini posteriori non scendono.

Nel nostro test della trendy transalpina abbiamo analizzato la versione BlueHDi 120 nel lussuoso allestimento Sport Chic (l’unico disponibile in abbinamento al motore 1.6 turbodiesel da 120 CV). Scopriamo insieme i pregi e i difetti di questa vettura.

Città

7
/10

La DS DS3 Cabrio oggetto della nostra prova su strada è una piccola vivace ma non sportiva: scatta bene (“0-100” in 10,4 secondi) e il motore 1.6 turbodiesel BlueHDi da 120 CV e 300 Nm di coppia risponde abbastanza bene già sotto i 2.000 giri.

In città bisogna però fare i conti con sospensioni un po’ dure sul pavé mentre nei parcheggi basta abbassare la capote in tela (che ostacola completamente la visuale dietro) per capire come mai i sensori posteriori sono di serie su tutta la gamma.

9
/10

Fuori città

Fuori dai confini urbani la DS DS3 Cabrio regala le cose migliori: merito di un comportamento stradale sincero, di un assetto rigido al punto giusto e di uno sterzo preciso e sensibile.

Il cambio manuale a sei marce non convince e non delude mentre il motore a gasolio, piuttosto elastico, predilige i bassi regimi e non sente il bisogno di raggiungere la zona rossa del contagiri.

Autostrada

8
/10

Difficile trovare in commercio una piccola sportiva più comoda della DS DS3 Cabrio: nonostante la capote in tela l’abitacolo è ben insonorizzato e gli ammortizzatori reagiscono bene sugli avvallamenti leggeri.

La “segmento B” transalpina protagonista della nostra prova su strada regala inoltre una grande sensazione di sicurezza alle alte velocità (grazie anche ad un impianto frenante efficace) e un’autonomia notevole: la Casa transalpina dichiara una percorrenza di 1.333 km e adottando uno stile di guida morigerato si può provare a stare sopra quota 1.000.

Vita a bordo

7
/10

Non tutti sanno che la DS DS3 Cabrio è l’unica “scoperta” attualmente in listino a cinque posti. In realtà, però, si sta comodi solo in quattro in un abitacolo caratterizzato da finiture curate e da comandi ergonomici.

Il bagagliaio è capiente (245 litri) ma l’accessibilità è pessima visto che le borse vanno obbligatoriamente fatte passare attraverso un minuscolo sportello. Molto interessanti i sedili posteriori sdoppiabili, che incrementano la versatilità della “baby” d’Oltralpe.

6
/10

Prezzo e costi

La DS DS3 Cabrio BlueHDi 120 della nostra prova su strada non è regalata visto che costa 28.050 euro. La dotazione di serie dell’allestimento Sport Chic (l’unico disponibile in abbinamento al motore turbodiesel più potente) è però abbastanza completa: cerchi in lega da 17”, climatizzatore automatico, cruise control, fari anteriori Xeno e LED, fendinebbia, pedaliera in alluminio, radio CD Mp3 Bluetooth Jack USB, sedile posteriore sdoppiabile, sensori di parcheggio posteriori, tetto in tela apribile elettricamente e vetri posteriori oscurati.

La garanzia di soli due anni a chilometraggio illimitato (il minimo di legge) non convince, così come la tenuta del valore (la DS3 non è tra le piccole più richieste). Eccellenti, in compenso, i consumi: 27,8 km/l dichiarati, oltre 20 ottenibili (con il piede leggero).

Sicurezza

7
/10

La dotazione di sicurezza della DS DS3 Cabrio BlueHDi 120 comprende gli airbag frontali, laterali e a tendina, l’assistente per le partenze in salita, i controlli di stabilità e trazione e il rilevatore bassa pressione pneumatici e l’unica innovazione tecnologica disponibile – l’Active City Brake (il sistema attivo di frenata anticollisione) – è optional.

Nelle curve la “segmento B” transalpina è sempre sicura (anche alle alte velocità), frena bene e ha una buona visibilità anteriore.

Scheda tecnica

Tecnica

Motoreturbodiesel, 4 cilindri in linea
Cilindrata1.560 cc
Potenza max/giri88 kW (120 CV) a 3.500 giri
Coppia max/giri300 Nm a 1.750 giri
OmologazioneEuro 6
Cambio/trazionemanuale a 6 marce/anteriore

Capacità

Bagagliaio245/n.d. litri
Serbatoio48 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max190 km/h
Acc. 0-100 km/h10,4 s
Cons. urb./extra/medio22,7/31,3/27,8 km/l
Autonomia1.333 km
Emissioni CO294 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo227,04 euro
Prezzo 28.050 euro
Accessori
Cerchi in lega da 17"di serie
Climatizzatore automaticodi serie
Cruise controldi serie
Fari anteriori Xeno e LEDdi serie
Fendinebbiadi serie
Interni in pelle900 euro
Radio CD Mp3 Bluetooth Jack USBdi serie
Sensori di parcheggio post.di serie
Tetto in tela apribiledi serie
Vernice metallizzata800 euro
Auto d'epoca

Citroën DS 21 I.E. (1969): lo squalo moderno

La prima auto francese ad iniezione elettronica si trova senza problemi a meno di 20.000 euro