Prova su Strada

DS DS3 PureTech 130, la prova della piccola francese

Una Gran Turismo in miniatura: sportiva ma soprattutto comoda

pagella

Città
7
/10
Fuori città
7
/10
Autostrada
8
/10
Vita a bordo
8
/10
Prezzo e costi
7
/10
Sicurezza
7
/10
verdetto
7.3
/10

La DS DS3 è l’esatto opposto della Mini: mentre la rivale britannica punta tutto sul divertimento la francesina risponde con più comfort e più versatilità.

DS DS3: un nome (e un frontale) tutto nuovo per quella che in realtà non è altro che un profondo restyling della piccola Citroën capace di vincere quattro Mondiali rally WRC (due titoli Piloti con Sébastien Loeb e due Costruttori) nel biennio 2011-2012. Una “segmento B” premium realizzata sullo stesso pianale della C3 che punta a rubare clienti all’Audi A1 e alla Mini.

Nella nostra prova su strada abbiamo testato la versione PureTech 130 nell’allestimento Sport Chic, dotata di un motore 1.2 turbo benzina a tre cilindri da 131 CV e 230 Nm di coppia. Scopriamo insieme i pregi e i difetti del modello più venduto della Casa transalpina.

Città

7
/10

In città la DS DS3 può fare affidamento su sospensioni non troppo rigide sulle sconnessioni pronunciate e su ampie superfici vetrate che sono di grande aiuto nei parcheggi. I sensori, però, sono optional (300 euro) e non esistono protezioni per la carrozzeria.

Il motore 1.2 PureTech turbo benzina a tre cilindri – presente anche sotto il cofano della sorella maggiore DS4 – si conferma un’unità più attenta al comfort di marcia che alle prestazioni: nello “0-100” non è particolarmente brillante (8,9 secondi) e la leggerissima carenza di brio ai regimi più bassi è abilmente nascosta da una grande rapidità nel salire di giri.

7
/10

Fuori città

Chi si aspetta l’effetto go-kart della Mini rischia di rimanere deluso al volante della DS DS3: la protagonista della nostra prova su strada predilige infatti il relax e, pur essendo incollata all’asfalto, non è molto agile nelle curve.

Il propulsore – caratterizzato da una cilindrata contenuta che consente di risparmiare sull’assicurazione RC Auto e da un ottimo allungo (erogazione insolita per un’unità sovralimentata) – dimostra meno cavalli di quelli che ha ed è abbinato ad un cambio manuale a sei marce che tende ad impuntarsi spesso (specialmente quando si cerca di scalare in seconda). Ottimo – in compenso – lo sterzo, sensibile e coinvolgente al punto giusto.

Autostrada

8
/10

La DS DS3 si rivela un’ottima compagna di viaggio nelle lunghe percorrenze: merito di ammortizzatori dalla taratura non troppo rigida (ma neanche troppo morbida), di un abitacolo ben insonorizzato e di un motore silenzioso (non si nota che i cilindri sono solo tre).

Contraddistinta da freni potenti e da una buona stabilità (anche se nei cambi di direzione alle alte velocità non guasterebbe un po’ più di prontezza), può percorrere oltre 900 km con un pieno di carburante, a patto di guidare in modo tranquillo. Valori ottimi, ma lontani dai 1.111 km dichiarati dalla Casa francese alla voce “autonomia”.

Vita a bordo

8
/10

Per essere una piccola sportiva la DS DS3 ha un bagagliaio molto capiente (285 litri). Alti e bassi, invece, per quanto riguarda l’abitabilità: se è vero che è omologata per cinque posti e che anche i passeggeri più alti che si accomodano sul divano posteriore hanno a disposizione parecchi centimetri nella zona della testa è altrettanto vero che in tre dietro si sta stretti e che le gambe non stanno molto comode.

Le finiture sono molto curate (anche se nelle parti più nascoste si notano alcuni assemblaggi imprecisi) mentre i comandi potrebbero essere più ergonomici: nessun pulsante sul volante e display poco intuitivo.

7
/10

Prezzo e costi

La DS DS3 PureTech 130 Sport Chic protagonista della nostra prova su strada ha un prezzo allineato a quello delle altre piccole “premium” a tre porte: 22.400 euro. Il tutto abbinato ad una dotazione di serie ricca: autoradio, cerchi in lega da 17”, climatizzatore automatico, cruise control, doppio scarico cromato, fari allo xeno, fendinebbia a LED, pedaliera in alluminio, sedili sportivi anteriori regolabili in altezza, vetri posteriori oscurati e volante sportivo in pelle.

Buoni i consumi: la Casa dichiara 22,2 km/l e nella realtà si sta sempre sopra quota 15. Notevoli i 18,5 km/l dichiarati nel ciclo urbano. Meno convincenti la garanzia (due anni a chilometraggio illimitato, il minimo di legge) e la tenuta del valore (Audi e Mini sono oggettivamente più apprezzate da usate).

Sicurezza

7
/10

La dotazione di sicurezza della DS DS3 comprende airbag frontali, laterali e a tendina, assistente per le partenze in salita, controlli di stabilità e trazione e rilevatore bassa pressione pneumatici. Non è bello dover pagare a parte (350 euro) su un’auto che costa oltre 20.000 euro accessori importanti come la frenata automatica, il sensore luci e il sensore pioggia.

La piccola transalpina si riscatta però con un impianto frenante riuscito, con una grande tenuta di strada (penalizzata, come già scritto in precedenza, da una scarsa agilità nel misto stretto) e con una buona visibilità anteriore.

Scheda tecnica

Tecnica

Motoreturbo benzina, 3 cilindri in linea
Cilindrata1.199 cc
Potenza max/giri96 kW (131 CV) a 5.500 giri
Coppia max/giri230 Nm a 1.750 giri
OmologazioneEuro 6
Cambio/trazionemanuale a 6 marce/anteriore

Capacità

Bagagliaio285/n.d. litri
Serbatoio50 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max204 km/h
Acc. 0-100 km/h8,9 secondi
Cons. urb./extra/misto18,5/25,0/22,2 km/l
Autonomia1.111 km
Emissioni CO2105 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo247,68 euro
Prezzo 22.400 euro
Accessori
Cambio automaticonon disp.
Cerchi in lega da 17"di serie
Cruise controldi serie
Fari a LEDnon disp.
Fari adattivinon disp.
Fari allo xenodi serie
Interni in pelle900 euro
Navigatore satellitare800 euro
Sensori di parch. post.300 euro
Vernice metallizzata600 euro
Rally

WRC 2016 - Rally Portogallo: vincono Meeke e la DS3

Secondo trionfo in carriera per il pilota britannico