Prova su Strada

Fiat Freemont: vi fa scoprire nuovi orizzonti

di Andrea Rapelli -

La riuscita ricetta della crossover italo-americana si arricchisce con la trazione integrale e l’atteso cambio automatico.

Il motore si conferma brillante ma non troppo parco nei consumi.

La biografia della Freemont è nota più o meno a tutti: nata come Dodge Journey nel 2008, quando Chrysler faceva ancora parte del gruppo Daimler, con la cura Marchionne è entrata nella sua seconda vita.

Agli uomini Fiat, in effetti, sono bastati davvero pochi ritocchi qua e là per confezionare una crossover che ha fatto breccia nel cuore degli italiani (più di 4.000 esemplari venduti nei primi 4 mesi del 2012).

I tecnici di Mirafiori hanno affinato il comportamento stradale, ridisegnato l’interno e aggiunto la trazione integrale, in combinazione (anche) con il 2 litri turbodiesel Multijet da 170 CV e il cambio automatico a 6 rapporti.

Così agghindata, la Freemont è sufficientemente confortevole nei lunghi viaggi, pur con una rombosità piuttosto accentuata del Multijet in piena accelerazione.

Che, in ogni caso, non si fa mai trovare in affanno quanto a coppia e cavalleria, con una bella curva dai 1.700 ai 3.500 giri.

Semmai, a complicare la vita ci si mette il cambio automatico – compreso nella dotazione di serie – lento e qualche volta titubante nello scegliere il rapporto giusto.

Lo sterzo, dall’impostazione prettamente turistica, si accorda bene con l’assetto che, pur trattando con gentilezza le vertebre sulle buche, non lascia troppo spazio a rollio e beccheggio.

E la trazione integrale, oltre a dare un bell’aiuto sui fondi difficili, assiste il guidatore pure sull’asciutto, inviando la coppia necessaria alle ruote posteriori se serve, nell’intento di chiudere meglio la curva.

Ma la crossover Fiat ha molte altre carte da giocare: la capacità di carico, per esempio, e l’abitabilità, con sette posti e il divano posteriore scorrevole compresi nel prezzo.

Che è quasi da hard discount, considerando la ricca dotazione: le aggiunte doverose si riducono al metallizzato (710 euro) e al ruotino di scorta (110).

Scheda Tecnica
Velocità max 184 km/h
Acc 0-100 km/h 11,1 sec
Cons urb/extra/mix 10,4/16,7/13,7 km/l
Autonomia 1.096 km
Emissione CO2 194 g/km
Bollo 354,75 euro
Costi chilometrici ACI n.d.