Andante con brio

Fuori città

Andante con brio

Da una MPV piccola non ci si aspettano - giustamente - funambolismi sui passi alpini.

E poi, la carrozzeria alta dà l’idea di un’automobile sensibile al rollio, poco incline al divertimento sui tratti guidati.

Invece, pur con gli ovvi limiti della fisica, i tecnici dell’Ovale Blu sono riusciti a dare al telaio della Ford B-Max un gusto deciso.

Certo, nelle curve percorse ad andatura sostenuta il corpo vettura si corica abbastanza, con i sedili che faticano quasi a contenere le spalle.

Tuttavia, non impiegherete molto a intuire che il meglio, dalla nuova Ford B-Max, si ottiene guidando brillanti senza esagerare.

Così si scopre uno sterzo piuttosto limpido, capace di restituire un certo feeling ai polpastrelli, una buona precisione dell’avantreno e un retrotreno sempre pronto a seguirlo, senza mai creare apprensione.

Anche usando lo sterzo da scriteriati, infatti, la coda non ve la farà mai pagare. Nel contempo, restituirà quella simpatica sensazione di chiudere bene le traiettorie...

Piacevole anche su una MPV, inutile nasconderlo.

Le prestazioni sono quel che sono (0-100 in 13,29 secondi), quindi meglio soffermarsi nella zona mediana del contagiri, dove l’1.6 ancora c’è.

Diciamo che il meglio arriva dai 1.600 giri, dove il TDCi comincia a spingere bene, fino ai 3.500.

Poi, l’inevitabile calo fino alla zona rossa.

Tirando le marce allo spasimo, quindi, otterrete un solo effetto: stringere un rapporto intenso con il cambio.

Che, dal canto suo, non si tira indietro, mostrando rapidità d’esecuzione e movimenti piuttosto corti.

Le cinque marce, poi, facilitano la vita (e stancano meno il polpaccio sinistro) fra le curve.

0
23/11/2012 23:08
23/11/2012 23:08
ford, b-max, monovolume
I nostri rilevamenti
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore

Tags: B-Max B-Max , Ford Ford , monovolume monovolume