Hyundai i40 Profilo
  • pubblicato il 20-09-2013

Hyundai i40: la coreana all’esame di tedesco

di Adriano Tosi

La coreana all’esame di tedesco

IN BREVE
La i40 berlina attira gli sguardi e promette standard qualitativi e un comportamento all’altezza delle rivali teutoniche a prezzi accessibili, ma non low cost

Audi, BMW e Mercedes possono stare tranquille: la “crème” del segmento delle berline medie, cioè quella più redditizia in termini di margini e volumi, rimarrà ancora per un po’ un club riservato ad A4, serie 3 e classe C.

Dovrebbero guardarsi le spalle, piuttosto, Volkswagen e Opel, ma anche Mazda, visto che la Hyundai i40 è una seria minaccia per Passat, Insignia e Mazda6.

Prima di tutto dal punto di vista del design, che resta una delle principali motivazioni d’acquisto anche in tempi di crisi.

Il muso accigliato, i parafanghi muscolosi e la coda alta e raccolta sono infatti capaci di comunicare dinamismo da qualunque prospettiva si guardi la vettura.

L’attenzione per il look si estende anche dentro.

L’impatto visivo regalato dall’abitacolo è notevole, grazie alla plancia che fascia guidatore e passeggero, allo schermo e alla tastiera del navigatore che sembrano galleggiare sul profilo in similalluminio sottostante e alla colorazione azzurra della strumentazione.

Ma l’apparenza non basta, per affermarsi nel segmento D: un comportamento stradale dinamico si deve sposare con un elevato livello di comfort, accompagnato da un motore brillante, silenzioso e parco nei consumi.

Quanto al piacere di guida, gli ingegneri coreani hanno ottenuto un ottimo compromesso: nonostante la i40 non sia molto rigida, offre un’elevata tenuta di strada e nel misto si rivela più reattiva di quanto i suoi quasi cinque metri di carrozzeria farebbero pensare.

Lo sterzo è abbastanza rapido e, solo quando si effettuano cambi di direzione particolarmente impegnativi (cosa difficile, data la destinazione d’uso della vettura), tende a indurirsi un po’ e a smarrire comunicatività con le ruoteanteriori.

Stupisce il motore, che da “soli” 1,7 litri di cilindrata tira fuori la bellezza di 330 Nm a 2.000 giri.

Risultato: i 1.610 kg della i40 non impediscono riprese pronte e allunghi decisi fino ai 4.000 giri.

Ma non è tutto, perché questo quattro cilindri non vibra nemmeno a 1.000 giri e concede ripartenze senza obbligo di scalata anche dalle velocità più basse.

A proposito di cambio, il sei marce manuale è il punto debole della coreana: alla leva lunga associa innesti duri e contrastati.

Berlina significa anche comfort e la Hyundai non delude: innanzitutto, le sospensioni isolano egregiamente dalle asperità più secche così come dagli avvallamenti autostradali.

Poi, l’abitacolo è tra i più spaziosi della categoria: anche arretrando completamente i sedili anteriori, rimangono 16 cm di spazio da quelli posteriori.

Non solo: il pavimento piatto rende agevole anche un eventuale viaggio in cinque (adulti).

In tema di interni, qualche appunto si può muovere solo alla cura per i dettagli più nascosti: la mancanza di protezioni nella parte superiore del bagagliaio, per esempio, espone l’altoparlante (montato sulla cappelliera) ai colpi delle valigie.

Sempre nel vano di carico, non ci sono ganci o tasche portaoggetti, ma solo una rete: le borse più piccole sono destinate a “vagare”.

Infine, i materiali: le plastiche sono sui livelli delle dirette concorrenti.

Piacevoli al tatto nelle zone più in vista, concedono qualcosa alle economie di produzione nella fascia bassa dell’abitacolo.  

SCHEDA TECNICA
  • Motore
    anteriore trasversale/turbodiesel
  • Cilindrata/disposizione
    1.685 cc/4 in linea
  • Distribuzione
    2 assi a camme in testa/4 valvole
  • Potenza max/giri
    100 kW (136 CV)/4.000
  • Coppia max/giri
    330 Nm/2.000
  • Alimentazione
    iniezione diretta, con turbo
  • Omologazione
    Euro 5 con filtro
  • Trasmissione/Trazione
    manuale a 6 marce/anteriore
  • Sospensioni anteriori
    a schema McPherson
  • Sospensioni posteriori
    Multilink
  • Freni
    ant. a disco ventilati/post. a disco
  • Sterzo
    con assistenza elettrica
  • Pneumatici
    225/45-18
  • Peso a vuoto
    1.648 kg
  • Capacità bagagliaio max/min
    505/n.d. litri
  • Capacità serbatoio (litri)
    70
  • Velocità max
    201 km/h
  • Acc 0-100 km/h
    10,3 sec
  • Cons urb/extra/mix
    16,9/21,7/19,6
  • Autonomia
    1.372 km
  • Emissione CO2
    124 g/km
  • Bollo
    258 euro
  • Costi chilometrici ACI
    10.000 km annui/n.d.
  • 20.000 km annui/n.d.
  • 30.000 km annui /n.d.
IDENTIKIT
Hyundai i40: la coreana all’esame di tedesco

L'opinione dei lettori