Prova su Strada

Kia Sportage 1.6 T-GDI, la prova della SUV coreana

Spaziosa e ben dotata (ma anche molto assetata di benzina)

pagella

Città
6
/10
Fuori città
6
/10
Autostrada
6
/10
Vita a bordo
7
/10
Prezzo e costi
6
/10
Sicurezza
7
/10
verdetto
6.3
/10

La Kia Sportage 1.6 T-GDI non ha molto senso in Italia: l’alternativa diesel 2.0 CRDi 185 CV è più potente, consuma meno e costa solo 1.000 euro in più.

La Sportage non è solo la Kia più venduta in Italia: la SUV coreana incide infatti talmente tanto (37,69% nel periodo gennaio-agosto 2016) sulle vendite del marchio asiatico che è quasi diventata un brand a sé stante. Un nome che da oltre 20 anni seduce gli automobilisti alla ricerca di un mezzo versatile e accessibile.

Nella nostra prova su strada abbiamo analizzato la variante più “cattiva” della crossover asiatica: quella dotata del motore 1.6 T-GDI a benzina da 177 CV. Scopriamo insieme i pregi e i difetti della quarta generazione della 4×4 “cugina” della Hyundai Tucson.

Città

6
/10

Non fatevi ingannare dai 177 CV e dalla sigla GT Line (unico allestimento disponibile con questo motore): la Kia Sportage 1.6 T-GDI della nostra prova su strada non è una SUV sportiva. Il propulsore – non particolarmente scattante (“0-100” in 9,1 secondi) – si rivela vivace e brioso ai bassi regimi solo in modalità Sport.

Comoda sul pavé, presenta utili protezioni in plastica grezza nella parte bassa della carrozzeria e sui passaruota. Capitolo parcheggi: quasi quattro metri e mezzo di lunghezza (4,48, per la precisione) sono parecchi da gestire e il lunotto potrebbe essere più ampio. Per fortuna si può contare sui sensori di parcheggio anteriori e posteriori e sull’utile retrocamera.

6
/10

Fuori città

Nei tragitti extraurbani la Kia Sportage 1.6 T-GDI predilige il comfort alle prestazioni: l’assetto non troppo rigido e il cambio automatico a doppia frizione a sette rapporti abbastanza fluido nei passaggi marcia potrebbero però deludere chi da quest’auto si attende uno scatto bruciante.

Lo sterzo è piuttosto comunicativo per la categoria e il motore turbo a benzina – elastico ai bassi regimi (ma solo in modalità Sport) – se la cava bene in allungo.

Autostrada

6
/10

La Kia Sportage è una delle SUV più adatte all’autostrada: merito di sospensioni soffici sugli avvallamenti leggeri, di un abitacolo ben insonorizzato e di un propulsore silenzioso. Da non sottovalutare, inoltre, la buona sensazione di sicurezza offerta alle alte velocità (in frenata e nei cambi di direzione).

Tutti questi pregi (presenti anche sulla variante diesel) passano però in secondo piano per via del consumo elevatissimo della versione 1.6 T-GDI a benzina protagonista della nostra prova su strada: la Casa coreana dichiara un’autonomia pari a 825 km ma nonostante un serbatoio di 62 litri è impossibile arrivare a percorrere 700 km con un pieno. Se siete dei macinatori di chilometri meglio puntare sulle più riuscite CRDi.

Vita a bordo

7
/10

Uno dei punti di forza della Kia Sportage è indubbiamente lo spazio: dietro tre adulti stanno comodi (e possono beneficiare di utili schienali inclinabili) e il bagagliaio (503 litri che diventano 1.492 quando si abbattono i sedili posteriori) soddisfa le esigenze di tutti gli occupanti.

Le finiture presentano qualche imprecisione nella parte bassa della plancia ma sono più curate di quelle della “cugina” Hyundai Tucson (realizzata sullo stesso pianale e dotata dello stesso motore) e i comandi sono ergonomici. Scomodo il freno di stazionamento a pedale.

6
/10

Prezzo e costi

La Kia Sportage 1.6 T-GDI GT Line oggetto della nostra prova su strada ha un prezzo nella media della categoria (35.000 euro) ma va detto che con soli 1.000 euro in più a parità di allestimento si può acquistare la più sfruttabile versione diesel 2.0 CRDi (manuale): più potente (185 CV anziché 177) e decisamente meno assetata di carburante. La variante a gasolio inizia a convenire già dopo 30.000 km percorsi: fate i vostri conti.

La dotazione di serie della SUV coreana è incredibilmente ricca: cambio automatico a doppia frizione a sette rapporti, cerchi in lega da 19”, climatizzatore automatico bizona, cruise control, doppio scarico cromato, fari bi-xeno autodirezionali, fendinebbia “ice cubes” a LED, navigatore con schermo da 8”, retrocamera e DAB, pedaliera in alluminio, presa USB posteriore, retrovisori ripiegabili elettricamente, sedili anteriori (regolabili elettricamente) e posteriori riscaldabili in pelle, sensore luci, sensore pioggia, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, sistema audio JBL Bluetooth CD Mp3, tetto panoramico apribile e vetri posteriori oscurati.

La Kia Sportage è molto apprezzata sul mercato dell’usato (merito anche della lunga garanzia di sette anni o 150.000 km) ma non conquisterà molti clienti con il motore 1.6 T-GDI a benzina da 177 CV. I consumi dichiarati (13,3 km/l) sono più alti di quelli di una Porsche 718 Boxster (che di puledri sotto il cofano ne ha 300) e bisogna guidare con il piede leggero per rimanere sopra quota 10…

Sicurezza

7
/10

Alla voce “dotazione di sicurezza” la Kia Sportage 1.6 T-GDI della nostra prova su strada risponde con: airbag frontali, laterali e a tendina, controlli di stabilità e trazione, controllo stabilità del traino, Lane Keeping Assist System (allarme e correzione automatica guida fuori corsia), rilevamento automatico limiti velocità, predisposizione Isofix, sistema di controllo vettura in discesa (DBC) e sistema di monitoraggio pressione pneumatici TPMS.

La Sport Utility asiatica ha conquistato cinque stelle nei crash test Euro NCAP, frena bene e nelle curve si inclina meno di altre rivali. Piacevole da guidare nel misto (ma non divertente, sia chiaro), garantisce una buona visibilità anteriore.

Scheda tecnica

Tecnica

Motoreturbo benzina, 4 cilindri in linea
Cilindrata1.591 cc
Potenza max/giri130 kW (177 CV) a 5.500 giri
Coppia max/giri265 Nm a 1.500 giri
OmologazioneEuro 6
Cambio/trazioneautomatico a sette rapporti/integrale

Capacità

Bagagliaio503/1.492 litri
Serbatoio62 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max201 km/h
Acc. 0-100 km/h9,1 s
Cons. urb./extra/medio10,8/15,4/13,3 km/l
Autonomia825 km
Emissioni CO2175 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo374,10 euro
Prezzo 35.000 euro
Accessori
Airbag frontali, lat. e a tendinadi serie
Cruise controldi serie
Fari bi-xeno autodirezionalidi serie
Interni in pelledi serie
Navigatore satellitaredi serie
Sensore lucidi serie
Sensore pioggiadi serie
Sensori di parch. ant. e post.di serie
Tetto apribiledi serie
Vernice metallizzata700 euro
Foto

Kia Rio, la storia in foto

Station wagon, berlina e ora piccola. L'evoluzione della "segmento B" coreana.