Intro

Intro

«Per me è la nuova A coupé». «Sì, come no... al massimo sarà la versione station. Così bassa e lunga!».

Sono soltanto alcune delle frasi che chi scrive ha ascoltato in giro, nelle situazioni più disparate: davanti al parcheggio del supermercato, in fila per il pieno, in coda all’autolavaggio.

La sfida raccolta da Mercedes con la classe A, come si può ragionevolmente intuire, è grande.

Da una parte le vecchie clienti, alla ricerca di spazio e dimensioni esterne contenute in un involucro elegante: una signora ci confessa di aver appena ordinato una A della serie precedente, proprio perché «è più piccola e pratica e, adesso, mi è anche costata meno!».

Dall’altra, un nuovo popolo di automobilisti, soprattutto maschi, che la Stella vuole andare a conquistarsi.

Gente che, fino ad ora, per dire, ha comprato Audi o BMW. Ed è più che altro a questi ultimi che la classe A strizza l’occhio.

Gli argomenti messi sul piatto sono forti: pianale completamente nuovo, in comune con la classe B, look aggressivo, misure da compatta (4,29 m, + 40 cm rispetto alla progenitrice) e setup votato al piacere di guida.

Con motori da 109 a 211 CV, tanta tecnologia e prezzi da... Mercedes vera, che possono lievitare in un batter di ciglia.

Ecco il resoconto di una settimana trascorsa insieme, per vedere l’effetto che fa un cambiamento di rotta così radicale.

0
24/02/2013 23:58
25/02/2013 11:00
classe a, mercedes, compatte
I nostri rilevamenti
Gruppo caratteristicheCaratteristicaUnità di misuraValore