• pubblicato il 17-10-2014

Nissan X-Trail 2WD, il test della sorella maggiore della Qashqai

La base è la stessa della Sport Utility più amata dagli italiani ma dentro c'è più spazio per passeggeri e bagagli

PAGELLA
Città
6/10
Fuori città
6/10
Autostrada
6/10
Vita a bordo
9/10
Prezzo e costi
7/10
Sicurezza
7/10
VERDETTO
6.8/10
Verdetto

Amate le forme e i contenuti della Nissan Qashqai ma vi serve più versatilità? La X-Trail può fare al caso vostro. Attenzione, però: è molto ingombrante e il peso elevato penalizza il piacere di guida.

Ricordate la vecchia Nissan X-Trail, quella SUV rustica che non disdegnava i percorsi off-road più impegnativi? Dimenticatela. La terza generazione della Sport Utility giapponese è diventata un’elegante versione “gonfiata” della Qashqai (stesso pianale ma più lunga di 26 cm e con un passo aumentato di 6 cm) in grado di accogliere fino a sette passeggeri (la terza fila di sedili è optional a 1.400 euro insieme al tetto panoramico apribile).

Nella nostra prova su strada abbiamo avuto modo di analizzare la versione 2WD a trazione anteriore (esperimento già tentato su questo modello dal 2005 al 2007) nel ricco allestimento Tekna. Nessuna possibilità di scelta - per il momento - per quanto riguarda il motore: l’unico propulsore in gamma è un 1.6 turbodiesel dCi da 131 CV. Un po’ sottodimensionato, a nostro avviso, per una vettura così ingombrante. Scopriamo insieme come va.

Città 6 /10
Il motore è elastico

La città non è l’habitat ideale della Nissan X-Trail: girare nel traffico con una SUV lunga 4,64 metri non è semplice e anche parcheggiare si rivela un’impresa particolarmente difficile per via dei montanti posteriori ingombranti. Per fortuna la dotazione di serie comprende i sensori anteriori e posteriori e il dispositivo Around View Monitor, che attraverso una serie di telecamere ricostruisce una visuale dall’alto della vettura.

Le parti basse della carrozzeria sono protette da plastica grezza (utile quando si superano dei gradini) ma sul pavé le sospensioni posteriori rispondono in maniera un po’ secca. Il motore è elastico ma non molto vivace nello spunto al semaforo (11,4 secondi sullo “0-100”) mentre il cambio automatico Xtronic a variazione continua - optional a 1.700 euro, presente sul modello da noi testato ed eccellente in tutte le altre situazioni - fatica a gestire (“strattona” un po’ troppo, in sintesi) le andature lente tipiche delle code.

Fuori città 6 /10

Nelle curve la Nissan X-Trail non è molto divertente (alzi la mano, però, chi intende acquistare un mezzo simile per fare le corse): colpa del peso eccessivo, che supera le 1,5 tonnellate. La spinta del propulsore è corposa (ma non cattiva) e lo sterzo e il cambio regalano una buona risposta quando si guida in modo rilassato.

Autostrada 6 /10

Alle alte velocità la Sport Utility nipponica si difende bene: offre una grande sensazione di sicurezza e monta sospensioni che assorbono senza problemi le sconnessioni lievi dell’asfalto. Il motore silenzioso si abbina bene ad un abitacolo ben insonorizzato anche se alle alte velocità si notano alcuni leggeri fruscii aerodinamici.

L’autonomia dichiarata della Nissan X-Trail 1.6 dCi Xtronic - dotata di un serbatoio di 60 litri - è di 1.176 km ma nella realtà è impossibile superare quota 1.000. I freni, infine, potrebbero essere più incisivi quando si preme con decisione sul pedale.

Vita a bordo 9 /10
SUV così spaziose in questa fascia di prezzo si contano sulle dita di una mano

Il punto di forza di quest’auto è senza dubbio è la versatilità: SUV così spaziose in questa fascia di prezzo si contano sulle dita di una mano. L’abitacolo offre un mare di centimetri alle gambe di chi si accomoda dietro, i sedili della seconda fila sono scorrevoli e il bagagliaio è immenso: 550 litri in configurazione a cinque posti che diventano 1.700 quando si abbattono i sedili posteriori.

Capitolo finiture: la Nissan X-Trail è una vettura molto curata nei materiali (specialmente quelli presenti nelle zone più visibili) e negli assemblaggi. La plancia ha un design moderno e gradevole ma nella zona alla sinistra del volante sono presenti un po’ troppi pulsanti.

Prezzo e costi 7 /10

Il prezzo di 35.500 euro della Nissan X-Trail 1.6 dCi 2WD Tekna Xtronic è nella media della categoria ma la dotazione di serie è decisamente ricca visto che comprende - tra le altre cose - il cambio automatico, i cerchi in lega da 19”, il climatizzatore automatico bizona, il cruise control, i fendinebbia, gli interni in pelle, il navigatore satellitare con touchscreen da 7”, il portellone posteriore a comando elettrico, il sedile del guidatore regolabile elettricamente, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori e gli specchietti retrovisori ripiegabili elettricamente.

La garanzia di tre anni o 100.000 km è più lunga del minimo di legge e per quanto riguarda i consumi (19,6 km/l il valore dichiarato) siamo riusciti a superare quota 15 solo guidando in maniera estremamente tranquilla. La tenuta del valore si preannuncia interessante: le SUV piacciono, quelle con il cambio automatico ancora di più e quelle marchiate Nissan sono particolarmente apprezzate.

Sicurezza 7 /10

Alla voce sicurezza la Nissan X-Trail presenta diversi alti e bassi. Cominciamo dai primi, cioè da una dotazione piena di accessori creati per proteggere il guidatore e i suoi passeggeri: due attacchi Isofix sui sedili posteriori, controlli di stabilità e trazione, assistente alle partenze in salita ed airbag frontali, laterali e a tendina. Da non sottovalutare, inoltre, il sistema Safety Shield Plus (copertura degli angoli ciechi, allerta oggetti in movimento, rilevamento attenzione del conducente) e il Safety Shield (avviso cambio di corsia involontario, frenata di emergenza, abbaglianti automatici e rilevamento segnaletica stradale).

I freni, come già scritto in precedenza, faticano ad arrestare un mezzo così pesante e i montanti ingombranti (specialmente quelli posteriori) non garantiscono una sufficiente visibilità durante la marcia. La tenuta di strada, in compenso, è rassicurante in qualsiasi condizione e anche nelle curve prese a forte velocità è impossibile non notare l’elevata stabilità offerta da questo mezzo e il rollio relativamente ridotto.

Scheda tecnica
  • Tecnica
  • Motore
    turbodiesel
  • Cilindrata/disposizione
    1.598 cc/4 cilindri in linea
  • Potenza max/giri
    96 kW (131 CV) a 4.000 giri
  • Coppia max/giri
    320 Nm a 1.750 giri
  • Omologazione
    Euro 5
  • Cambio/trazione
    automatico a 6 rapporti/anteriore
  • Capacità
  • Bagagliaio
    550/1.700 litri
  • Serbatoio
    60 litri
  • Prestazioni e consumi
  • Velocità max
    180 km/h
  • Acc. 0-100
    11,4 secondi
  • Consumo urb./extra/misto
    17,2/21,3/19,6 km/l
  • Autonomia
    1.176 km
  • Emissioni CO2
    135 g/km
  • Costi d'utilizzo
  • Prezzo
    35.500 euro
  • Bollo
    247,68 euro
Accessori
  • Cambio automatico
    di serie
  • Cerchi in lega da 19"
    di serie
  • Fendinebbia
    di serie
  • Interni in pelle
    di serie
  • Navigatore satellitare
    di serie
  • Retrovisori ripiegabili elettricamente
    di serie
  • Sedile guidatore regolabile elettr.
    di serie
  • Sensori di parcheggio ant. e post.
    di serie
  • Tetto panoramico apribile
    500 euro
  • Vernice metallizzata
    650 euro
Nissan X-Trail 2WD, il test della sorella maggiore della Qashqai

L'opinione dei lettori