Prova su Strada

Peugeot 208 BlueHDi 120 5p., la prova della piccola francese

Il suo punto di forza è il motore: un 1.6 turbodiesel da 120 CV e 300 Nm di coppia

pagella

Città
8
/10
Fuori città
8
/10
Autostrada
7
/10
Vita a bordo
7
/10
Prezzo e costi
7
/10
Sicurezza
8
/10
verdetto
7.5
/10

È davvero difficile trovare una piccola diesel con un motore così “maturo”: un 1.6 turbodiesel da 120 CV ampiamente collaudato e ricco di cavalli e di coppia. Una “segmento B” a gasolio (quasi) sportiva.

La Peugeot 208 BlueHDi 120 5p. è una delle ultime rappresentanti di una razza in via d’estinzione: quella delle piccole diesel “pepate”. Un tempo il listino era pieno di “segmento B” a gasolio da 120 CV in su mentre ora si contano sulle dita di un piccione (oltre a lei ci sono infatti solo la DS DS3 e la Mini).

Nella nostra prova su strada abbiamo avuto modo di testare la variante turbodiesel più cara della piccola del Leone nell’allestimento sportiveggiante GT Line, l’unico disponibile in abbinamento a questo propulsore. Scopriamo insieme come va…

Città

8
/10

La Peugeot 208 se la cava bene in città: nelle manovre bisogna fare i conti con l’assenza di protezioni per la carrozzeria e con i sensori di parcheggio posteriori con retrocamera optional (490 euro) ma va detto che la visibilità è buona e che la lunghezza inferiore ai quattro metri (3,97, per l’esattezza) aiuta.

Un po’ duretta di sospensioni sul pavé (ma niente di preoccupante, sia chiaro), regala un’erogazione progressiva e una buona spinta (“0-100” in 9,4 secondi) e nello scatto da ferma poche concorrenti riescono a starle dietro.

8
/10

Fuori città

La Peugeot 208 BlueHDi 120 5p. non è sportiva ma le manca davvero poco per esserlo. Il punto di forza della piccola francese è il motore: un eccellente 1.6 turbodiesel da 120 CV (presente su tutte le auto della Casa francese ad eccezione delle citycar 108 e iOn) ricco di cavalli e di coppia (300 Nm) contraddistinto da un’erogazione tipica delle unità a gasolio. Pronta sotto i 2.000 giri e lineare fino a circa 4.000 giri.

A tutto questo si aggiunge un comportamento stradale rassicurante in tutte le situazioni, un cambio manuale a sei marce dalla leva maneggevole e uno sterzo sensibile al punto giusto impreziosito da un volante piccolo che contribuisce in maniera rilevante ad incrementare il coinvolgimento.

Autostrada

7
/10

Esistono concorrenti della Peugeot 208 BlueHDi 120 5p. che si comportano meglio in autostrada: l’assetto rigido ma non troppo si fa sentire sugli avvallamenti mentre il sound del motore a freddo e in fase di accelerazione è poco accattivante.

Ottime, in compenso, la frenata e la sicurezza percepita. Per quanto riguarda l’autonomia il brand transalpino dichiara una percorrenza di 1.250 kg ma solo durante un’economy run è possibile superare quota 1.000.

Vita a bordo

7
/10

Abitabilità nella media, bagagliaio (285 litri) senza infamia e senza lode e un vano che non diventa completamente orizzontale quando si abbattono i sedili posteriori: alla voce “versatilità” la Peugeot 208 risponde con queste caratteristiche.

La plancia della piccola d’Oltralpe presenta tanta plastica dura nella parte superiore e quella inferiore celata però da un piacevole inserto “soft” nella zona più vicina alla vista e al tatto. Capitolo ergonomia: i comandi sono più o meno tutti intuitivi tranne quelli dell’autoradio.

7
/10

Prezzo e costi

La Peugeot 208 BlueHDi 120 5p. GT Line della nostra prova su strada costa 21.000 euro. Un prezzo nella media del segmento abbinato ad una dotazione di serie che comprende: battitacco tipo alluminio con scritta Peugeot nera, cerchi in lega da 17”, climatizzatore automatico bizona, fendinebbia con funzione cornering, interni in tessuto Oxford/tep GT Line Nero/Rosso, logo GT Line su portellone e fiancata, Pack Visibilità (accensione automatica dei proiettori, tergicristallo automatico e retrovisore interno elettrocromatico), pedaliera sportiva, regolatore/limitatore di velocità con soglie programmabili, retrovisori esterni Neo Perla elettrici e riscaldabili, sedile passeggero regolabile in altezza, sedili anteriori sportivi, terminale di scarico cromato, touchscreen 7” (radio tri-tuner, presa Jack, 1 presa USB, Kit Mani Libere Bluetooth, comandi sul volante e 6 altoparlanti), vetri posteriori oscurati e volante in pelle traforata “Pieno Fiore” nera/rossa con cuciture rosse e inserto cromo satinato.

La garanzia è di soli due anni a chilometraggio illimitato (il minimo di legge) mentre la tenuta del valore si preannuncia buona (anche se saranno sicuramente più richieste le versioni diesel meno potenti da 75 e 100 CV). I consumi dichiarati recitano 27,8 km/l e con uno stile di guida morigerato si può restare sopra quota 20.

Sicurezza

8
/10

La dotazione di sicurezza della Peugeot 208 (auto capace di conquistare cinque stelle nei crash test Euro NCAP) comprende l’ABS, l’accensione automatica delle luci di emergenza in caso di forte decelerazione, gli airbag frontali, laterali e a tendina, i controlli di stabilità e trazione, gli attacchi Isofix alle sedute laterali posteriori, l’indicatore perdita pressione pneumatici e il kit di riparazione pneumatici.

Senza dimenticare i freni potenti, la tenuta di strada sempre sicura e la visibilità anteriore eccellente.

Scheda tecnica

Tecnica

Motoreturbodiesel, 4 cilindri in linea
Cilindrata1.560 cc
Potenza max/giri88 kW (120 CV) a 3.500 giri
Coppia max/giri300 Nm a 1.750 giri
OmologazioneEuro 6
Cambio/trazionemanuale a 6 marce/anteriore

Capacità

Bagagliaio285/n.d. litri
Serbatoio45 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max190 km/h
Acc. 0-100 km/h9,4 secondi
Cons. urb./extra/misto22,7/31,3/27,8 km/l
Autonomia1.250 kg
Emissioni CO294 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo227,04 euro
Prezzo 21.000 euro
Accessori
Cambio automaticonon disp.
Cruise controldi serie
Fari a LEDnon disp.
Fari allo xenonon disp.
Fendinebbiadi serie
Navigatore satellitare540 euro
Sensore lucidi serie
Sensore pioggiadi serie
Sensori di parch. post. + retrocamera490 euro
Vernice metallizzata550 euro
Rally

CIR 2016: Peugeot schiera due 208 per il campionato italiano rally

Paolo Andreucci e la Casa del Leone vogliono il decimo "scudetto"