Prova su Strada

Renault Espace 1.6 dCi 160 CV: come va la monovolume francese

Rispetto ad una MPV tradizionale è più piacevole da guidare e meno assetata. Ma anche meno versatile...

pagella

Città
6
/10
Fuori città
8
/10
Autostrada
7
/10
Vita a bordo
6
/10
Prezzo e costi
7
/10
Sicurezza
7
/10
verdetto
6.8
/10

Il concetto di piacere di guida espresso dalla Renault Espace non contempla un assetto rigido e prestazioni brucianti: la quinta generazione della MPV transalpina punta di più sul comfort e su un’agilità nelle curve incredibile per un mezzo lungo quasi 4,90 metri.

La nuova Renault Espace ha ben poco in comune con la generazione precedente: l’ultima evoluzione (siamo a quota cinque) della monovolume francese sembra più l’erede spirituale della Avantime (una MPV/coupé commercializzata senza molto successo nei primi anni del XXI secolo) nel suo tentativo di proporre qualcosa di diverso nel segmento delle vetture da famiglia.

Linee filanti (merito, anche, dei 12 cm in meno di altezza rispetto all’antenata), piacere di guida, comfort e – nel caso della variante 1.6 dCi 160 CV Initiale Paris, la versione più costosa in listino (45.500 euro) – lusso: sono questi sono i punti di forza dell’ultima creazione della Régie. Scopriamo insieme come va in questa prova su strada.

Città

6
/10

I 4.86 metri di lunghezza della Renault Espace sono complicati da gestire in città: trovare un parcheggio è difficile (per fortuna ci sono i sensori anteriori, posteriori e persino …laterali) e la posizione di seduta più bassa rispetto a quella delle rivali non consente di dominare il traffico come si vorrebbe.

Le sospensioni soffici assorbono senza problemi qualsiasi sconnessione e il motore 1.6 turbodiesel dCi Euro 6 da 160 CV e 380 Nm di coppia – seppur molto pronto ai bassi regimi (la spinta è corposa già sotto i 2.000 giri) – non è molto vispo nello spunto al semaforo (9,9 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h). Colpa soprattutto del cambio automatico EDC a doppia frizione, poco reattivo – a meno che non si guidi in configurazione Sport – quando si preme a fondo il pedale dell’acceleratore.

8
/10

Fuori città

La nuova Renault Espace si guida meglio, molto meglio, rispetto alle monovolume tradizionali (quelle tipo la Volkswagen Sharan, per intenderci): merito del baricentro più basso, dei cerchi in lega da 19”, delle quattro ruote sterzanti e delle sospensioni elettroniche. Attraverso il sistema Multi-Sense è inoltre possibile intervenire sulla rigidità dello sterzo (reattivo solo quando si opta per la modalità Sport), sulla risposta del motore, sulla reattività del cambio (caratterizzato da una leva poco intuitiva da manovrare), sul controllo delle sospensioni e sulla sonorità del propulsore. Da non dimenticare, inoltre, il dispositivo Extended Grip, che garantisce un comportamento simile a quello di una SUV sulle superfici a scarsa aderenza.

Insomma, il piacere di guida offerto dalla MPV transalpina non riguarda la grinta (202 km/h di velocità massima e uno “0-100” da 9,9 secondi sono ordinaria amministrazione per un veicolo di questa categoria) ma l’agilità. Il rollio, complice anche la taratura particolarmente soft degli ammortizzatori, è evidente ma è difficile trovare un mezzo così ingombrante cavarsela così bene nei cambi di direzione.

Autostrada

7
/10

La Renault Espace consuma pochissimo ma per essere una perfetta macinatrice di chilometri le manca un serbatoio capiente: 58 litri, infatti, sono un po’ pochi (autonomia dichiarata di 1.235 km, superare i 1.000 si può ma solo guidando con il piede di velluto).

Caratterizzata da sospensioni morbide (pure troppo, a nostro avviso) e da freni potenti, ha un propulsore silenzioso ma a 130 km/h si avvertono fastidiosi fruscii aerodinamici che incidono negativamente sul comfort acustico.

Vita a bordo

6
/10

Più personalità ma meno versatilità: i passeggeri posteriori della Renault Espace hanno a disposizione pochi centimetri nella zona della testa e chi era abituato alla vecchia generazione potrebbe inoltre notare un minore spazio per le gambe e le spalle (comunque ottimo). Volendo è possibile averla anche a sette posti (1.250 euro in più): due sedili aggiuntivi – piccoli e scomodi – che riducono il volume per le valigie e non sono utilizzabili da adulti.

Il bagagliaio è ampio (660 litri che diventano 3.050 quando si abbattono i sedili posteriori, operazione che si può effettuare schiacciando un semplice pulsante) ed è impreziosito dall’apertura elettronica del portellone ma l’altezza ridotta rende complicato il trasporto di oggetti ingombranti. Eccellenti le finiture – sedili in pelle Nappa Pieno Fiore (usata anche sulla consolle centrale e sulle portiere) riscaldati e massaggianti e pomello del cambio in pelle – e migliorabile l’ergonomia: il vano portaoggetti si apre a cassetto come quello della Captur, il pulsante del cruise control sul tunnel centrale non è il massimo della comodità e ci vuole un po’ prima di prendere confidenza con il touchscreen da 8,7”.

7
/10

Prezzo e costi

La Renault Espace 1.6 dCi 160 CV Initiale Paris costa tanto – 45.500 euro – e ha una dotazione di serie che comprende, tra le altre cose, l’impianto audio Bose con 12 altoparlanti e subwoofer, i cerchi in lega da 19”, il climatizzatore automatico bizona, il cruise control adattativo, i fari a LED, i fendinebbia, gli interni in pelle, il navigatore satellitare, i retrovisori ripiegabili elettricamente, i sedili regolabili elettricamente, i sensori di parcheggio anteriori, posteriori e laterali e la telecamera posteriore. Meglio puntare, secondo noi, sulla versione Intens, meno accessoriata ma sensibilmente meno cara (38.200 euro).

La garanzia di tre anni o 150.000 km è molto interessante, così come i consumi: 21,7 km/l dichiarati, 15 ottenibili con uno stile di guida tranquillo. Capitolo tenuta del valore: le grandi monovolume non attirano più come un tempo ma le forme particolari di questa vettura potrebbero conquistare qualche cliente alla ricerca di esclusività.

Sicurezza

7
/10

La dotazione di sicurezza della Renault Espace è molto ricca: airbag frontali, laterali e a tendina (anteriori e posteriori), assistente alla partenza in salita, controlli di stabilità e trazione, Intelligent Keeping Lane Assistant (mantiene la vettura all’interno della corsia), Pack Advanced Safety (avviso distanza di sicurezza e frenata d’emergenza attiva), riconoscimento della segnaletica stradale e sensore angolo morto.

Nonostante le sospensioni morbide la Renault Espace è incollata all’asfalto ed è sempre sicura: quando si esagera con l’acceleratore in curva si avverte un leggero sottosterzo (tendenza ad allargare la traiettoria) prontamente corretto dall’elettronica. I freni potenti e l’ottima visibilità anteriore contribuiscono inoltre ad incrementare la sensazione di sicurezza.

Scheda tecnica

Tecnica

Motoreturbodiesel
Cilindrata1.598 cc
Potenza max/giri118 kW (160 CV) a 4.000 giri
Coppia max/giri380 Nm a 1.750 giri
OmologazioneEuro 6
Cambio/trazioneautomatico a 6 rapporti/anteriore

Capacità

Bagagliaio660/3.050 litri
Serbatoio58 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max202 km/h
Acc. 0-100 km/h9,9 secondi
Consumo urb./extra/misto19,6/22,7/21,3 km/l
Autonomia1.235 km
Emissioni CO2123 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo327,66 euro
Prezzo 45.500 euro
Accessori
Cerchi in lega da 19"di serie
Cruise controldi serie
Fendinebbiadi serie
Interni in pelledi serie
Navigatore satellitaredi serie
Retrovisori ripiegabili elettr.di serie
Sedili regolabili elettr.di serie
Sensori di parcheggiodi serie
Tetto panoramico1.200 euro
Vernice metallizzata750 euro
Renault Espace

Renault Espace, la storia della regina delle monovolume

La nuova Renault Espace 2015

Renault Espace: 30 anni di MPV alla francese

Top Five Usato: grandi monovolume turbodiesel, quale scegliere

Auto usate – L’occasione: Renault Espace 1.9 dCi Expression (2004)