Fuori città

fuori-citta
Fuori città

La nuova Renault Espace si guida meglio, molto meglio, rispetto alle monovolume tradizionali (quelle tipo la Volkswagen Sharan, per intenderci): merito del baricentro più basso, dei cerchi in lega da 19”, delle quattro ruote sterzanti e delle sospensioni elettroniche. Attraverso il sistema Multi-Sense è inoltre possibile intervenire sulla rigidità dello sterzo (reattivo solo quando si opta per la modalità Sport), sulla risposta del motore, sulla reattività del cambio (caratterizzato da una leva poco intuitiva da manovrare), sul controllo delle sospensioni e sulla sonorità del propulsore. Da non dimenticare, inoltre, il dispositivo Extended Grip, che garantisce un comportamento simile a quello di una SUV sulle superfici a scarsa aderenza.

Insomma, il piacere di guida offerto dalla MPV transalpina non riguarda la grinta (202 km/h di velocità massima e uno “0-100” da 9,9 secondi sono ordinaria amministrazione per un veicolo di questa categoria) ma l’agilità. Il rollio, complice anche la taratura particolarmente soft degli ammortizzatori, è evidente ma è difficile trovare un mezzo così ingombrante cavarsela così bene nei cambi di direzione.

8
29/05/2015 09:49
29/05/2015 09:49
I nostri rilevamenti
IntestazioneLabelUnità di misura *NON USARE*Descrizione