Prova su Strada

Renault Scénic XMod 1.5 dCi 110 CV S&S: come va la monovolume francese

Passano gli anni (sei) ma la terza generazione della MPV transalpina si conferma una delle proposte più versatili della categoria

pagella

Città
6
/10
Fuori città
7
/10
Autostrada
6
/10
Vita a bordo
7
/10
Prezzo e costi
6
/10
Sicurezza
7
/10
verdetto
6.5
/10

Tanto spazio per cinque e un bagagliaio che è la fine del mondo (specialmente con i sedili posteriori abbattuti e rimossi): sono questi i punti di forza della Renault Scénic XMod, una monovolume pratica e versatile adatta alle famiglie.

La Renault Scénic XMod (suffisso usato per distinguere la variante a cinque posti della monovolume francese da quella dotata di sette sedili) non è un progetto recente: la terza generazione della MPV transalpina, infatti, è stata presentata nel 2009 e ha beneficiato di un profondo restyling tre anni fa.

Gli anni, però, non sembrano aver fatto alcun effetto visto che la versione 1.5 dCi 110 CV S&S Limited oggetto della nostra prova su strada resta una delle proposte migliori del segmento. Scopriamo insieme i suoi punti di forza e le sue debolezze.

Città

6
/10

La città non è l’habitat ideale della Renault Scénic XMod 1.5 dCi 110 CV S&S Limited: nei parcheggi bisogna fare i conti con l’assenza di protezioni per la carrozzeria (per fortuna i sensori sono di serie e la visibilità è buona) e le sospensioni, pur essendo morbide, rispondono in maniera un po’ troppo… “brutale” sulle buche.

Capitolo spunto al semaforo: il motore sovralimentato a gasolio non è un fulmine di guerra (12,5 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h) ma non presenta vuoti di erogazione sotto i 2.000 giri.

7
/10

Fuori città

L’assetto più turistico che sportivo rende la Renault Scénic XMod 1.5 dCi 110 CV S&S Limited un’auto perfetta per chi percorre tanti chilometri e vuole farlo nel massimo relax. Esistono rivali più vivaci (180 km/h di velocità massima) e con uno sterzo più diretto ma è difficile trovare in commercio una concorrente con un cambio (un manuale a sei marce caratterizzato da una leva maneggevole che sopporta senza impuntature anche passaggi marcia rapidi) così ben riuscito.

Autostrada

6
/10

Grazie all’enorme serbatoio da 60 litri e a consumi particolarmente contenuti la monovolume della Régie dichiara un’autonomia pazzesca – 1.464 km – e anche guidando senza preoccuparsi troppo dell’efficienza si riesce a stare senza problemi sopra quota 1.000.

Il motore turbodiesel della Renault Scénic XMod 1.5 dCi 110 CV S&S Limited è silenzioso in marcia (anche se non mancano le vibrazioni a freddo) e le sospensioni soffici offrono una risposta impeccabile sulle sconnessioni più leggere (migliorabile, invece, il comportamento sui giunti di dilatazione). Discreta la frenata, buona la sicurezza percepita alle alte velocità.

Vita a bordo

7
/10

Cominciamo dai lati positivi: nella zona posteriore dell’abitacolo sono presenti tre sedili singoli, scorrevoli, abbattibili e removibili larghi a sufficienza per accogliere comodamente tre persone e il bagagliaio di 437 litri ha una capienza in configurazione a due posti paragonabile a quella di un furgone (1.837 litri).

La Renault Scénic XMod 1.5 dCi 110 CV S&S Limited è, insomma, un’auto adatta ad una famiglia con un paio di figli o ad una coppia che pratica spesso attività sportive o necessita di caricare oggetti ingombranti. La principale nota dolente arriva dalla disposizione di alcuni comandi – il tasto di attivazione del cruise control e del limitatore di velocità è situato in una posizione innaturale vicino al cambio e si rischia di fare confusione tra il pulsante della regolazione del volume e quello del cambio stazione dell’autoradio – mentre per quanto riguarda le finiture segnaliamo la parte superiore della plancia realizzata con plastiche morbide e ben assemblate: peccato solo per la palpebra sopra il cruscotto un po’ troppo “tremolante” quando si accende il motore a freddo.

6
/10

Prezzo e costi

Il prezzo di 24.000 euro della Renault Scénic XMod 1.5 dCi 110 CV S&S Limited è nella media del segmento, così come la dotazione di serie: autoradio CD/Mp3, cerchi in lega da 16”, climatizzatore automatico bizona con bocchette posteriori, cruise control, fendinebbia, retrovisori ripiegabili elettricamente e sensori di parcheggio posteriori.

Buoni i consumi (24,4 km/l dichiarati, oltre i 20 guidando in modo tranquillo), meno buona la garanzia di soli due anni a chilometraggio illimitato. La Scénic è ancora oggi una monovolume molto richiesta sul mercato dell’usato ma questo modello in futuro potrebbe essere penalizzato  – alla voce “tenuta del valore” – dal motore ancora Euro 5 e dall’anzianità del progetto.

Sicurezza

7
/10

Cinque stelle nei crash test Euro NCAP, airbag frontali, laterali e a tendina e cuscini per le ginocchia non disponibili: è questo il “curriculum” della Renault Scénic XMod 1.5 dCi 110 CV S&S Limited quando si parla di sicurezza. A questo si aggiungono un comportamento stradale rassicurante (contraddistinto da un leggero, ma mai preoccupante, rollio dovuto alle sospensioni morbide e all’altezza del corpo vettura), un impianto frenante adeguato e una buona visibilità anteriore.

Scheda tecnica

Tecnica

Motoreturbodiesel
Cilindrata1.461 cc
Potenza max/giri81 kW (110 CV) a 4.000 giri
Coppia max/giri260 Nm a 1.750 giri
OmologazioneEuro 5
Cambio/trazionemanuale a 6 marce/anteriore

Capacità

Bagagliaio437/1.837 litri
Serbatoio60 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max180 km/h
Acc. 0-100 km/h12,5 secondi
Consumo urb./extra/misto22,2/25,6/24,4 km/l
Autonomia1.464 km
Emissioni CO2105 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo208,98 euro
Prezzo 24.000 euro
Accessori
Airbag per le ginocchianon disp.
Autoradio CD MP3 Bluetoothdi serie
Cerchi in lega da 16"di serie
Climatizzatore aut. bizonadi serie
Cruise controldi serie
Fendinebbiadi serie
Navigatore satellitare650 euro
Retrovisori ripiegabili elettr.di serie
Sensori di parcheggio post.di serie
Vernice metallizzata600 euro
Il mondo Renault

Renault Scénic, la storia della monovolume della Régie

Top Five Usato: monovolume compatte turbodiesel, quale scegliere

Top Five Usato: monovolume turbodiesel automatiche, meglio grande o compatta?