Prova su Strada

Seat Leon 2.0 TSI DSG Cupra

Potenza e praticità in un unico pacchetto

di Francesco Neri -

pagella

Città
7
/10
Fuori città
9
/10
Autostrada
7
/10
Vita a bordo
8
/10
Prezzo e costi
7
/10
Sicurezza
8
/10
verdetto
7.6
/10

Le Seat Leon Cupra è una compatta sportiva completa, in grado di coniugare prestazioni esaltanti con un’ottima sfruttabilità quotidiana.

Questo è un bel periodo per le compatte sportive. Con questa ultima generazione hanno raggiunto un livello tale in termini di velocità ed efficacia – senza perdere di praticità – che viene da chiedersi che senso abbia comprare una coupè sportiva.

La Seat Leon Cupra, con questo ultimo modello, sembra aver finalmente trovato la sua identità e aver raggiunto la maturità. Il suo aspetto è quasi da… tedesca, ma in senso positivo.

Le linee dell’ultima Leon mi piacciono molto, con i fari anteriori spigolosi tagliati, contornati da luce LED come se fosse un make-up.

Gli interni sono migliorati di pari passo, il bilanciamento tra pulizia della plancia e sportività è perfetto, e i materiali sono morbidi al tatto.

Questo mese abbiamo avuto tra le mani un punto di riferimento per questo segmento, la Mégane RS, che è risultata estremamente veloce ed emozionante, ma a volte troppo estrema (e rumorosa) nell’uso quotidiano.

La Leon Cupra sembra avere tutte le carte in regola per essere una vettura utilizzabile sia nei trackday, sia tutti i giorni per andare in ufficio.

Città

7
/10

Non ci aspetta da lei un comportamento così mite, eppure, basta selezionare la modalità “comfort” e lei diventa un’ottima compagna nel traffico: lo sterzo diventa leggero, mentre il motore rimane fluido e silenzioso, e l’abbondante coppia già dai bassi regimi fa schizzare la Cupra al semaforo alla più piccola flessione del gas.

Selezionando la modalità automatica del cambio DSG a sei rapporti, le cambiate sono così dolci e immediate che quasi non ci si accorge della sua presenza.
L’assetto non è morbido, ma gli ammortizzatori compiono comunque un lavoro eccellente nell’assorbire le buche, e il corpo vettura rimane solido non “scricchiolando” neanche sui dossi più ostici.  Unica nota negativa sono i consumi: in città è difficile raggiungere gli 8,4 l/100 Km dichiarati.

9
/10

Fuori città

Imboccate una strada ricca di curve e la Cupra mostrerà il suo lato migliore. Selezionando la modalità “Sport”- o meglio ancora “Cupra” – la Leon si trasforma: lo sterzo diventa più sostanzioso, la risposta all’acceleratore più immediata, disinserisce parzialmente i controlli, rende più aggressivo l’intervento del differenziale e il sound dello scarico più bellicoso.

La vettura sembra immediatamente più tesa e concentrata, la si percepisce cucita addosso come una scarpa da ginnastica. Il 2.0 turbo del gruppo Volkswagen spinge forte: i 280 Cv a 5.700 giri e i 350 Nm di coppia nelle prime due marce vengono scaricati a stento dalle Pirelli P Zero 235/45 19”.

I dati dichiarano uno 0-100 in 5,7 secondi e una velocità massima di 250 Km/h.
Il ritardo del turbo è quasi inesistente e l’acceleratore è squisitamente sensibile e regolabile senza essere super-reattivo.

L’inserimento è immediato, l’auto in curva trova subito l’assetto giusto disegnando traiettorie precise e incisive. Il differenziale autobloccante fa un ottimo lavoro, tirando il muso all’interno della curva senza dare troppe reazioni brusche al volante, mentre il posteriore segue fedele e preciso, senza esitazioni. Disinserendo i controlli completamente si può forzare l’ingresso curva con un colpo di sterzo provocando il posteriore; il sovrasterzo è rapido e a volte un po’ nervoso, ma bisogna davvero esagerare per mettersi nei guai.

Lo sterzo è accurato e diretto, e fa passare le informazioni che servono – anche se filtrate – per capire cosa succede sotto le ruote anteriori. Il cambio DSG è in perfetta sintonia con il motore e snocciola le marce con una rapidità impressionante. Peccato che, anche selezionando la modalità manuale, il Kick-down avviene comunque, e una volta prossimi alla linea rossa del contagiri seleziona automaticamente un rapporto superiore.

Ottimi anche i freni, in particolare la modulabilità del pedale che rimane invariata anche sotto stress.

fuori città

Autostrada

7
/10

Durante la nostra prova, la Cupra ha affrontato dei lunghi viaggi autostradali, dove si è rivelata silenziosa e confortevole. Con il cruise control adattivo, i sedili riscaldabili e l’ottimo impianto stereo, è un’ottima compagna di viaggio. Anche i fruscii e il rumore del rotolamento delle ruote sono contenuti, e il motore in comfort non si sente quasi. L’unico neo è rappresentato dai consumi: a 130 km/h il motore gira sui 3.000 giri, ed è difficile stare sui 13 km/l, anche se considerata la potenza, è un buon risultato.

8
/10

Vita a bordo

L’abitacolo rispecchia il design degli esterni: moderno e sportivo, con linee decise e razionali, ma con un tocco di originalità in più rispetto alla sorella Golf. I sedili sportivi Cupra in pelle e Alcantara® riscaldabili sono comodi, oltre che contenitivi; la regolazione è elettrica e l’imbottitura non fa rimpiangere di non avere un cuscino. I materiali sono di ottima fattura: plastiche morbide al tatto, inserti in pelle e plastiche dure di qualità, tanto che sembra di essere su un’auto di segmento premium.

La Cupra si distingue dalla versione normale per un volante dalla corona piuttosto spessa e tagliato sotto, mentre pedaliera in alluminio e qualche targhetta sparsa contribuiscono a rendere l’abitacolo ancora più sportivo, senza rovinarne l’eleganza.

Lo spazio per i passeggeri posteriori è discreto, mentre il bagagliaio di 380 litri è sufficiente per caricare il necessario per una piccola famiglia.

Prezzo e costi

7
/10

Con un prezzo di 34.030 Euro la Cupra è una vettura che offre tantissimo. Le sue prestazioni e i suoi contenuti tecnici sono al top: autobloccante meccanico, cambio DSG e 280 cv difficilmente sono affiancabili ad una sfruttabilità quotidiana e a questi livelli di comfort.

Di serie la Cupra vanta proiettori Full LED, regolatore di velocità, rivestimento sedili bicolore in Alcantara® con scritte “Cupra”, sistema di navigazione e infotainment con stereo a otto altoparlanti, sensori di parcheggio e molto altro. I costi di gestione, d’altro canto, non sono bassi: quasi impossibile stare nei 6,6 litri per 100 km dichiarati, e i 280 cv superano la soglia del superbollo abbondantemente.

8
/10

Sicurezza

Airbag a tendina, anteriori, per le ginocchia e posteriori. La Cupra ha un comportamento su strada sicuro, oltre ad una buona visibilità. La tenuta di strada e la stabilità sono ottimi e l’elettronica è sempre vigile e pronta a intervenire, mentre i potentissimi freni permettono tempi d’arresto ridotti.

I nostri rilevamenti

TECNICA

Motore4 cilindri in linea
Cilindrata1984 CC
Potenza280 cv 5.700 giri
Coppia350 Nm
OmologazioneEuro 6
Cambio6 marce DSG
TrazioneAnteriore, Diff autobloccante

CAPACITÅ

bagagliaio380 - 1150 dm3
Serbatoio50 litri

PRESTAZIONI E CONSUMI

0-100 KM/H5,7 secondi
Velocità massima250 km/h
Prezzo 34.030 euro
Ti potrebbe interessare anche

Nuova Ibiza Cupra: monterà il 1.8 TSI della Polo GTI

Seat Leon: la Cupra e la Cupra R rispettivamente con 245 e 285 CV

Seat, la Leon Cupra protagonista a Francoforte con la Cupra 290 e la Cross Sport