• pubblicato il 21-03-2016

Seat Leon Cupra 290: la belva on demand

di Junio Gulinelli

La sportiva di razza, ma domabile, di Martorell. Doppia personalità docile o arrabbiata, ma pur sempre equilibrata

PAGELLA
Città
7/10
Fuori città
8/10
Autostrada
7/10
Vita a bordo
7/10
Prezzo e costi
7/10
Sicurezza
7/10
VERDETTO
7.1/10
Verdetto

La più radicale della gamma di Martorell rimane una grande sportiva estremamente equilibrata e dalla doppia anima. Adatta all'uso quotidiano ma con tanta grinta quando la si spinge al limite. Ora ha 10 CV in più e un sound ancora più aggressivo.

Dopo una settimana passata insieme è difficile separarsi dalla  Seat Leon Cupra 290.

La stradale più potente e radicale di sempre della gamma di Martorell da 290 CV ha conquistato anche il cuore di uno che, come me, non fa della sportività il requisito imprescindibile della sua auto ideale.

E, chissà, sarà proprio la sua doppia anima docile/arrabbiata da “belva on demand” che ha reso più difficile del solito la separazione post testdrive...

La Seat Leon Cupra 290 è già disponibile a listino e in concessionaria con prezzo unico da 35.000 euro chiavi in mano valido per tutte e tre la carrozzerie SC (tre porte), berlina e ST (Station Wagon).

Le concorrenti

Le concorrenti da valutare sul mercato sono: Opel GTC OPC (33.535 euro), Renault Mégane RS (in attesa della nuova generazione) e le due trazioni integrali leggermente più costose, Ford Focus RS (39.500 euro) e Volkswagen Golf R (42.650 euro).

Città 7 /10

Andare a fare la spesa con una sportiva da 290 CV non è cosa da tutti i giorni, ad ogni modo la versione a tre porte SC (Sport Coupé) con le sue dimensioni estremamente compatte è adatta a districarsi nel traffico cittadino e soprattutto a parcheggiare senza troppi problemi.

Misura 424 cm in lunghezza, 181 cm in larghezza e 143 cm in altezza, mentre il portabagagli ha una capacità di carico accettabile per una coupé compatta, 380 litri.

I sensori di parcheggio anteriori e posteriori e la telecamera per la retromarcia sono delle comodità non da poco e sopperiscono bene alla scarsa visibilità del ridotto lunotto posteriore.

In città è praticamente d'obbligo viaggiare in modalità “Comfort”, soprattutto per azzittire il nuovo sistema di scarico che, impostato nella sua modalità più sportiva (Cupra), richiamerebbe troppo l'attenzione dei passanti... A meno che non si voglia dare nell'occhio e far rimbombare la voce del quattro cilindri tra i palazzi del quartiere. Ma non è decisamente il mio stile.

Sterzo alleggerito per le manovre strette, sospensioni ammorbidite e cambio fluido e confortevole caratterizzano il lato docile della modalità “Comfort”. In questo caso sembra praticamente di essere a bordo di una qualsiasi altra Seat Leon.

Fuori città 8 /10

È lontano dai centri abitati e da orecchie sensibili che si può lasciar sfogare il carattere nascosto della Leon Cupra 290.

Selezionando la modalità Cupra, la compatta spagnola si trasforma completamente, il nuovo sistema di scarico (alleggerito di 5 kg) ruggisce forte esplodendo ad ogni cambiata con una sinfonia che non stanca mai. Insieme all'incremento di potenza di 10 CV, questa è l'altra novità più rilevante di questa versione 290 rispetto alla vecchia 280.

In “Cupra” le sospensioni si induriscono notevolmente, il cambio assume un'impostazione radicale allungando fino al limite i rapporti e velocizzandosi nella cambiata e lo sterzo si indurisce. Su quest'ultimo punto c'è, secondo me, uno dei piccoli nei della Seat Leon Cupra 290. Il feeling volante/ruote è molto diretto e assicura precisione millimetrica all'anteriore in inserimento di curva, ma in questa modalità da guida sportiva non sarebbe per niente male sentire lo sterzo progressivo un po' più pesante e avere di conseguenza una sensazione di maggiore controllo.

Per il resto il grande equilibrio e le doti dinamiche della Leon Cupra rimangono le stesse di prima.

Come ravvisato anche in occasione del primo contatto, Ildifferenziale autobloccante multidisco a controllo elettronicolavora molto bene domando i 290 CV e 350 Nm di coppia massima tutti scaricati davanti e permette di catapultarsi compostamente fuori dalle curve. In questo caso il fondo stradale era bagnato e il sistema si è dimostrato molto affidabile ed efficacie anche in un episodio di perdita di aderenza quando, entusiasmato, ho aperto il gas con troppo anticipo in uscita di curva.

La partenza rimane fulminea e la buona trazione consente di raggiungere i 100 km/h in soli 5,7 secondi. Il 2.0 TSI spinge come un forsennato già da poco sopra i 2500 giri, tirando senza tregua fino in alto a 6.500 giri.

Insomma, chi cerca rogne trova pane per i suoi denti... la Seat Leon Cupra 290 è di fatto una grande sportiva, agile, equilibrata e dal carattere bestiale, ma ben domabile. 

Autostrada 7 /10

Ottima insonorizzazione,possibilità di impostare l'assetto in modalità “comfort” e sedili comodi rendono la Seat Leon Cupra 290 adatta anche a lunghi viaggi in autostrada.

Forse, si potrebbe dire, anche troppo comoda. Mi spiego meglio. Ci sono alcuni dettagli che, se vogliamo, stonano su questo allestimento che in fin dei conti è il più radicale di tutta la gamma Seat e che, forse, chi sceglie un'auto così si potrebbe aspettare più in stile racing.

Mi riferisco soprattutto ai sedili che, di serie, sono comodi e adatti, si, all'uso quotidiano o per le lunghe percorrenze, ma che non svolgono a pieno la loro funzione contenitiva nell'uso estremo, magari in pista. Per un'alternativa più adatta bisogna sborsare 1.000 euro aggiuntivi.

Ma, d'altronde, la Seat Leon Cupra 290 è vocata proprio a questa doppia anima e da qualche parte il compromesso deve pure esserci.

Per questo possiamo anche accettare di usarla comodamente in autostrada, impostando il cruise control adattivo, lasciandosi aiutare dal sistema di mantenimento automatico della corsia, dal sistema di lettura della segnaletica stradale e godendosi il viaggio, anche senza fretta...

Vita a bordo 7 /10

Come già detto l'abitacolo della Seat Leon Cupra 290 è silenzioso e molto ben insonorizzato, il che consente anche di godersi a pieno la musica selezionata direttamente dalla playlist dello smartphone collegato al sistema multimediale tramite bluetooth, o avviare una telefonata tramite i comandi vocali attivabili dal tasto posizionato sul volante.

Il Seat Full Link, su questa versione aggiornato con le ultime novità, è compatibile conAppleCar Play e Android Auto e dispone del sistema Mirror Link per interfacciare facilmente lo smartphone e del SEAT ConnectAPP che permette di gestire in tutta sicurezza le applicazioni del telefono con la lettura vocale dei messaggi ricevuti su Facebook, Twitter, SMS o mail.

Plastiche di buona qualità e materiali soft touch che rivestono gran parte dell'abitacolo con rifiniture semplici ma impeccabili danno una sensazione complessiva di grande qualità, insomma, dentro, questa Leon Cupra 290 non trascura nulla e fa la sua ottima figura. Ancora una volta, però, prediligendo la sobrietà.

Prezzo e costi 7 /10

In quanto a prezzo di listino la Seat Leon Cupra 290 è una delle proposte più competitive sul mercato. Va comunque preso in considerazione che con il Performance Pack a 3.000 euro in listino (impianto frenante Brembo con pinze freno verniciate in rosso, cerchi in lega da 19" dal disegno esclusivo e rifiniti in nero,pneumatici Michelin Pilot Sporte minigonne più profilate) si arriva a 38.000 euro.

Ma i “costi” di un'auto si misurano anche in termini di consumi. La Casa dichiara che il quattro cilindri 2.0 TSI è in grado di percorrere fino a 6,5l/100 km. Io, guidando in maniera estremamente parsimoniosa (ovviamente in modalità Comfort), non sono riuscito a scendere sotto gli 8,5/9l per 100 km che comunque rimane un buon dato per una sportiva di questo calibro. Ovviamente quando si va giù con il piede pesante i consumi arrivano a raddoppiarsi.

Sicurezza 7 /10

Dal punto di vista della sicurezza la Seat Leon Cupra 290 dispone di tutti i sistemi tecnologici all'avanguardia disponibili nella gamma Seat. Tra questi troviamo i proiettori FULL LED e il sistema anticollisione multipla. A richiesta, poi, si possono avere anche il regolatore automatico della distanza (ACC) con Front Assist e funzione di frenata di emergenza in città, sostema di riconoscimento della stanchezza e Lane Assist. 

Seat Leon Cupra 290: la belva on demand

L'opinione dei lettori