Prova su Strada

Skoda Rapid Spaceback TDI 105 CV: come va la compatta ceca

Scattante, ben accessoriata ma anche un po' assetata

pagella

Città
6
/10
Fuori città
6
/10
Autostrada
6
/10
Vita a bordo
7
/10
Prezzo e costi
6
/10
Sicurezza
7
/10
verdetto
6.3
/10

Le prestazioni vivaci e la ricca dotazione di serie sono i due punti di forza della Skoda Rapid Spaceback: la rapportatura del cambio manuale – e la presenza di sole cinque marce – incidono però negativamente sui consumi reali.

Non fatevi ingannare dal nome: la Skoda Rapid Spaceback non è la variante più spaziosa della Rapid “normale” (gemella della Seat Toledo, modello da noi testato lo scorso anno) ma si tratta, al contrario, di un modello dal design più seducente e dalle dimensioni esterne più contenute (18 cm in meno di lunghezza) che costringe a qualche leggera rinuncia per quanto riguarda il bagagliaio.

Nella nostra prova su strada abbiamo avuto modo di testare la versione più lussuosa e costosa della gamma – la 1.6 TDI 105 CV StylePlus – che si differenzia esteticamente dalle altre per l’ampio tetto panoramico e per il lunotto posteriore esteso. Scopriamo insieme come va la compatta ceca.

Città

6
/10

La Skoda Rapid Spaceback TDI 105 CV può vantare uno spunto eccellente (10,3 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h): merito di un cambio manuale (con sole cinque marce) dalla rapportatura piuttosto corta. Una scelta tecnica che, come vedremo più avanti, porta anche alcuni svantaggi.

La spinta del propulsore è pronta già sotto i 2.000 giri ma sul pavé bisogna fare i conti con una risposta piuttosto secca delle sospensioni. L’assenza di protezioni per la carrozzeria (unita alla difficoltà nel percepire gli ingombri della coda) non è di grande aiuto nei parcheggi: per fortuna i sensori sono compresi nella dotazione di serie.

6
/10

Fuori città

Come già scritto in precedenza il motore 1.6 turbodiesel TDI da 105 CV della Skoda Rapid Spaceback è quasi sportivo nell’erogazione: elastico ai bassi regimi, offre (come la stragrande maggioranza delle unità a gasolio del Gruppo Volkswagen) anche un buon allungo.

Il divertimento è però penalizzato dal cambio a cinque marce (contraddistinto da una leva che tende ad impuntarsi quando si guida in modo allegro) e da uno sterzo piuttosto leggero (ma preciso). Il pianale – derivato da quello della Volkswagen Polo ma allungato – non se la cava male però per quanto riguarda il coinvolgimento al volante siamo lontani anni luce dalla più moderna piattaforma MQB adottata dalla Volkswagen Golf (che oltretutto non costa molto di più).

Autostrada

6
/10

L’assenza di una sesta marcia di riposo costringe il motore a girare a regimi più elevati del necessario quando si procede ad andature da Codice e questo penalizza il comfort acustico (nonché i consumi) della Skoda Rapid Spaceback in autostrada. La Casa dichiara un’autonomia di 1.249 km: in realtà la rapportatura della trasmissione invoglia a guidare in modo allegro e risulta quindi molto difficile rimanere sopra quota 1.000.

Ottima, in compenso, la sensazione di sicurezza percepita a bordo: merito dell’elevata stabilità e di freni dalla potenza discreta. Ammortizzatori un po’ duretti sugli avvallamenti.

Vita a bordo

7
/10

Il design più moderno di quello della Rapid ha portato, sulla Skoda Rapid Spaceback, ad avere un bagagliaio (leggermente) più piccolo: 415 litri (un valore comunque di tutto rispetto) che diventano 1.380 (parecchi) quando si abbattono i sedili posteriori. L’abitacolo è invece identico a quello della Toledo da noi provata nel 2014: spazioso ma con un divano un po’ stretto per tre persone anche per via dell’ingombrante tunnel centrale.

Capitolo finiture: la “segmento C” ceca si presenta bene alla vista ed è solo utilizzando il tatto che si avverte la ricerca del risparmio. Le plastiche, infatti, seppur ottimamente assemblate sono rigide.

6
/10

Prezzo e costi

La Skoda Rapid Spaceback 1.6 TDI 105 CV Style Plus costa 22.980 euro (una cifra nella media del segmento) ma ha una dotazione di serie molto completa che comprende – tra le altre cose – l’autoradio CD/MP3, i cerchi in lega da 17”, il climatizzatore, il cruise control, i fendinebbia, i retrovisori ripiegabili elettricamente e i sensori di parcheggio posteriori. Corta la garanzia: solo due anni a chilometraggio illimitato (il minimo di legge).

La compatta esteuropea è destinata a perdere molto rapidamente il proprio valore con il passare degli anni visto che non è molto apprezzata da nuova (più o meno allo stesso prezzo si trovano Seat Leon sviluppate sulla più moderna piattaforma MQB) e i consumi sono un po’ alti: il valore dichiarato recita 22,7 km/l ma in realtà per via della rapportatura del cambio è difficile rimanere sopra quota 15 nella guida normale.

Sicurezza

7
/10

La dotazione di sicurezza della Skoda Rapid Spaceback comprende airbag frontali, laterali e a tendina, ESP e controllo di trazione. Si paga invece a parte l’utile assistente per le partenze in salita (di serie invece sulla Toledo da noi testata lo scorso anno).

Per quanto riguarda il resto la “segmento C” esteuropea si rivela una buona compagna di viaggio: ha un comportamento stradale rassicurante (quando si esagera emerge una leggera tendenza ad allargare la traiettoria prontamente corretta dall’elettronica), freni discreti e una buona stabilità.

La scheda tecnica

Tecnica

Motoreturbodiesel
Cilindrata1.598 cc
Potenza max/giri77 kW (105 CV) a 4.400 giri
Coppia max/giri250 Nm a 1.500 giri
OmologazioneEuro 5
Cambio/trazionemanuale a 5 marce/anteriore

Capacità

Bagagliaio415/1.380 litri
Serbatoio55 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max190 km/h
Acc. 0-100 km/h10,3 secondi
Consumo urb./extra/misto17,9/27,0/22,7 km/l
Autonomia1.249 km
Emissioni CO2114 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo198,66 euro
Prezzo 22.880 euro
Accessori
Autoradio CD/MP3di serie
Cerchi in lega da 17"di serie
Climatizzatore manualedi serie
Cruise controldi serie
Fari allo xeno395 euro
Fendinebbiadi serie
Navigatore satellitare630 euro
Retrovisori ripiegabili elettric.di serie
Sensori di parcheggio post.di serie
Vernice metallizzata455 euro
Il mondo Skoda

Skoda Rapid, il video trailer di presentazione della nuova berlina ceca

Dalla Favorit alla Fabia, la storia delle piccole Skoda

Dalla 440 alla Rapid, la storia delle compatte Skoda

Skoda Fabia Wagon 1.4 75 CV (2004): pregi e difetti della familiare compatta ceca

Skoda Superb Wagon 2.0 TDI 140 CV, la prova su strada