• pubblicato il 16-11-2015

Subaru Levorg, la prova della familiare compatta

Una familiare alternativa con lo stile della sorella WRX e una grande capacità di carico

PAGELLA
Città
7/10
Fuori città
8/10
Autostrada
7/10
Vita a bordo
7/10
Sicurezza
7/10
Prezzo e costi
6/10
VERDETTO
7/10
Verdetto

La Levorg è una familiare dalle buone doti stradali, comoda e con un’ottima tenuta di strada grazie alla raffinata trazione integrale permanete del marchio delle Pleiadi. Una scelta alternativa, che si distingue da tutte le altre: in primis per l’aspetto sportivo, poi per il motore a benzina boxer (a cilindri contrapposti) con cambio automatico CVT. Il prezzo è interessante, ma i consumi sono alti.

La Subaru Levorg è l’erede della Legacy, iconica familiare della Casa delle Pleiadi da poco uscita di scena.

Un’erede però molto diversa dalla sua progenitrice, tanto che il suo nome è acronimo di LEgacy reVOlution touRinG.

L’aspetto è molto sportivo, con l’anteriore letteralmente “rubato” dalla WRX STi da 300 CV, ma offre una spaziosità da familiare vera.

In Italia verrà importata esclusivamente nella versione con motore 1.6 turbo benzina da 170 CV, con cambio automatico CVT e trazione integrale permanente. 

Città 7 /10

Pur trattandosi di una familiare lunga quasi 4,70 metri, la Subaru Levorg non è un pesce fuor d’acqua in città, le ampie superfici vetrate regalano una buona visibilità e la telecamera posteriore aiuta nelle manovre di parcheggio.

Piuttosto, l’escursione limitata degli ammortizzatori e i cerchi da 18” con pneumatici 225/45 di serie sull’allestimento Sport Style non sono un’accoppiata vincente se l’obiettivo primario è il comfort. Probabilmente con i cerchi da 17” dell’allestimento Free l’assorbimento risulterebbe migliore.

Il motore boxer sovralimentato e il cambio automatico CVT sono, questi sì, l’accoppiata perfetta per districarsi nel traffico: basta accarezzare l’acceleratore per muoversi con grande agilità e, all’occorrenza, per scattare al semaforo senza incertezze, a differenza di quanto avviene con alcune trasmissioni automatiche. La coppia di 250 Nm, d’altra parte, c’è già tutta a soli 1.800 giri.

Fuori città 8 /10

Datele una strada di montagna e la Levorg vi ringrazierà. Anzi, sarete voi a ringraziarla, perché questa station wagon compatta ha il piglio della sorella dal glorioso passato nei Rally, ovvero la WRX STi. Senza essere tanto estrema – in fondo deve assicurare un comfort da auto di famiglia – ha un comportamento dinamico che rivela con fierezza le sue origini.

Il baricentro basso ottenuto dal motore boxer, lo sterzo pronto e ricco di feedback pur senza essere pesante, le prestazioni brillanti e la raffinata trazione integrale permanente ne fanno una station wagon agile, divertente e sempre sicura. Il sistema di trazione integrale Active Torque Split migliora le doti di stabilità trasferendo di volta in volta una percentuale adatta di coppia motrice tra l’asse anteriore e quello posteriore in base allo stile di guida e al livello di aderenza delle ruote.

La tenuta di strada è ottima, anche quando il fondo è viscido, e il motore ha un bel tiro, praticamente senza soluzione di continuità. I limiti, quando si decide di metterla alla frusta, si trovano nell’erogazione piatta del motore e nel cambio CVT, apprezzabile nelle normali condizioni di marcia ma che filtra la connessione uomo-macchina quando si spinge forte. Insomma, manca un po’ di carattere nell’erogazione e il cambio a variazione continua non è dei migliori per assecondare l’uso sportivo, ciò nonostante ne esce molto bene.

Autostrada 7 /10

La Levorg paga l’assenza del cruise control adattivo e del sistema di frenata automatica d’emergenza, due dispositivi che incrementano la sicurezza e, di conseguenza, consentono di spostarsi con maggiore relax.

D’altro canto la Levorg ha un motore silenzioso, che a 130 km/h ronza ad appena 2.500 giri, e la ripresa è ottima grazie al cambio CVT, che mantiene il motore sempre al regime ideale.

Il serbatoio da 60 litri consente un’autonomia discreta se si procede a velocità costante, preferibilmente bassa perché i consumi sono il punto debole di questa  familiare giapponese.

 
Vita a bordo 7 /10

Come il frontale, anche gli interni della Levorg sono stati ripresi dalla WRX STi, poi ritoccati per renderli meno estremi, ma si tratta di qualche dettaglio. L’impostazione, quindi, resta piacevolmente sportiva, a cominciare dai sedili contenitivi realizzati con lo stesso tessuto nero con impunture blu che ritroviamo sul volante con fondo piatto, sulla cuffia del cambio e sui pannelli delle portiere. E poi c’è quel piccolo display che dispensa informazioni interessanti per gli appassionati, come la pressione del turbo, la temperatura dell’olio motore e la ripartizione della coppia motrice.

L’insieme dà un senso di robustezza, ma non vi è una grande cura nei dettagli né una grande ricercatezza nei materiali. Il design della plancia non è dei più attuali e il sistema di infotainment, con quello schermo da 6,2” dalla grafica datata, lascia a desiderare. Anche perché il navigatore GPS non è di serie nemmeno sulla Sport Style.

Lo spazio per passeggeri e bagagli non manca e l’abitacolo è molto luminoso, sia per la presenza del tetto apribile di serie sia per le grandi superfici vetrate - sempre più difficili da trovare sulle auto di nuova generazione -, che tendono ad alzare la linea di cintura per avere una silhouette più filante.

Sicurezza 7 /10

Tra gli optional della Subaru Levorg non è disponibile il sistema di frenata automatica che interviene quando si verifica il rischio di un impatto con il veicolo che precede, dispositivo ormai presente su numerosi modelli del segmento C, e non c’è nemmeno il cruise control adattivo. Su questo modello, però, debutta il Subaru Rear Vehicle Detection che avvisa della presenza di veicoli negli angoli ciechi. 

Su strada la Levorg garantisce un’aderenza ottimale grazie al baricentro basso e alla trazione integrale, in grado di trasferire la coppia motrice tra i due assi (fino al 100% su un unico asse) per migliorare la trazione e la stabilità in curva. Nelle normali condizioni di marcia, invece, lo schema è 60:40.

Prezzo e costi 6 /10

Il prezzo della Levorg è allettante: con 25.990 euro ci si mette in garage una familiare da 170 CV con cambio automatico e trazione integrale. Il listino, tra l’altro, non trae in inganno, perché la dotazione di serie è più che adeguata già sull'allestimento d'ingresso Free (comprende tra gli altri il climatizzatore bi-zona, i cerchi in lega da 17”, i sensori pioggia e crepuscolare, il cruise control, il volante in pelle e il sistema Bluetooth) e la lista degli optional è praticamente inesistente.

Con 4.000 euro in più si può avere la Levorg nell’allestimento Sport Style come quella della nostra prova su strada, ancora più ricca e provvista di numerosi dettagli sportivi ripresi dalla WRX STi. Rispetto all’allestimento Free, quello Sport Styke aggiunge i cerchi in lega da 18”, il tetto apribile elettricamente, la retrocamera, i fari a LED, il sistema di avviamento senza chiave e il Subaru Rear Vehicle Detection.

Impegnativi, invece, i costi di gestione, perché con la Levorg si percorrono in media 10 km/l, al massimo 12 facendo attenzione allo stile di guida. D’altra parte con 170 CV sotto il cofano, il cambio CVT e la trazione integrale permanente non si possono pretendere consumi contenuti.

Peccato che sulla Levorg non sia disponibile il boxer 2.0 D a gasolio da 150 CV, oppure una variante bi-fuel benzina/GPL, che potrebbe rivelarsi la soluzione ottimale per abbassare i costi di percorrenza e allo stesso tempo beneficiare delle virtù di questo piccolo boxer sovralimentato.

I nostri rilevamenti
  • Dimensioni
  • Lunghezza
    4,69 m
  • Larghezza
    1,78 m
  • Altezza
    1,49 m
  • Bagagliaio
    522-1.466 dm3
  • Motore
  • Cilindrata
    1.600 cc
  • Alimentazione
    Benzina
  • Potenza
    170 CV a 4.800 giri
  • Coppia
    250 Nm a 1.800 giri
  • Trasmissione
    Automatica a variazione continua
  • Trazione
    Integrale permanente
  • Prestazioni
  • Velocità massima
    210 km/h
  • Accelerazione 0-100 km/h
    8,9
  • Consumo
    7,1 l/100 km
  • Emissioni di CO2
    159 g/km
Subaru Levorg, la prova della familiare compatta

L'opinione dei lettori