• pubblicato il 01-12-2015

Volkswagen Golf R 2.0 TSI 5p, la nostra prova

di Francesco Neri

Con 300 Cv e la trazione integrale, la Golf R è una delle compatte più pratiche e veloci del momento

PAGELLA
Città
6/10
Fuori città
8/10
Autostrada
7/10
Vita a bordo
8/10
Prezzo e costi
6/10
Sicurezza
9/10
VERDETTO
7.3/10
Verdetto

La Golf R è una hatchback completa: veloce, discreta e utilizzabile sia per un trackday, sia per una settimana bianca in montagna. Il prezzo, però, è molto salato e i consumi di carburante sono alti anche alle andature più tranquille.

“R 32”, sulla Volkswagen Golf, è sempre stata una sigla magica. Partendo dalla IV generazione, questa sigla ha sempre contraddistinto le versioni più veloci della compatta tedesca, tutte dotate di trazione integrale e di una generosa cavalleria. Con la sesta generazione, però, la Golf ha perso il V6 3.2 litri aspirato e quindi la denominazione “R 32”, in favore di un 2.0 litri turbo più moderno ed efficiente e di una sola e semplice “R”.

Giunti alla settima generazione, la ricetta non è cambiata. La nuova “Erre” è equipaggiata con il 2.0 litri TSI turbo benzina, in grado di sviluppare 30 cv in più della versione precedente, portando la potenza a quota 300 Cv erogati a 5.500 giri e 380 Nm di coppia. La trazione integrale 4Matic si prende il compito di scaricare a terra tale esuberanza tramite un differenziale Haldex a giusto viscoso, in grado di trasmettere la potenza all’assale posteriore quando ce n’è bisogno. In questo modo, però, la Golf mette su qualche chilo, facendo fermare l’ago della bilancia a 1.500 kg. Nonostante i chili extra, la R scatta da 0-100 in 4,9 secondi e raggiunge una velocità massima di 250 km/h limitati elettronicamente.

Città 6 /10

In città, selezionando la modalità comfort o Eco, la R si comporta come una normalissima Golf. La visibilità è buona, il cambio DSG è fluido e rapido e i sedili riscaldabili vi aiutano a superare il trauma delle mattine invernali. L’assetto, tuttavia, è rigido e sobbalza sulle buche (nonostante avessimo i cerchi da 18 pollici), ma non è mai così granitico da risultare fastidioso.
Il grosso limite della Golf R sono i consumi: in città è davvero difficile stare sopra i 9 km con un litro.

Fuori città 8 /10
"Su strada, la R vi garantisce quel minimo di rollio che vi avvisa dell’approssimarsi del limite"

Dove brilla davvero è lanciata su una strada libera piena di curve. La Golf R dà il meglio di sé nel misto stretto, dove si possono sfruttare a pieno l’immensa trazione e il suo posteriore reattivo. Il motore spinge a qualsiasi regime e la risposta all’acceleratore è quasi brusca e priva di lag, una bella sorpresa per un motore turbo. I 300 cavalli sembrano esserci tutti e il cambio DSG a sei rapporti vi permette di sfruttarli fino all’ultimo, facendo sembrare la tedesca ancora più veloce. L’andatura che riesce a tenere su una strada di montagna è davvero notevole e, su strada, la R vi garantisce quel minimo di rollio che vi avvisa dell’approssimarsi del limite.

Anche il sound è all’altezza della cavalleria: è rauco e profondo ai bassi regimi, trasformandosi in un urlo pieno e minaccioso verso la zona rossa, gorgogliando e scoppiettando saltuariamente in rilascio. Sembra quasi che in Volkswagen abbiano cercato di riprodurre la melodia del V6, il che è sicuramente apprezzabile, ma a volte il suono sembra un po’ artificiale.

Ad ogni modo, la Golf R regala un sacco di divertimento. Lo sterzo è sostanzioso e preciso, anche se non super diretto, e fa passare abbastanza informazioni - anche se filtrate - ai vostri polpastrelli.

Il corpo vettura è rigido, lo si sente cucito addosso, mentre il bilanciamento della vettura è tendenzialmente sovrasterzante. Basta alleggerire un po’ il piede dal gas in curva per provocare un sovrasterzo, ma questo non è necessariamente un male. Guidandola sembra più di essere al volante di una trazione anteriore, piuttosto di una vettura a trazione integrale; il sovrasterzo di potenza è impossibile da provocare, quindi il posteriore leggero che aiuta l’inserimento rende l’esperienza di guida molto più divertente.

Il DSG si dimostra ancora una volta un buon alleato per la guida sportiva, anche se in qualche occasione ha esitato un po’ troppo nelle scalata in seconda marcia nelle staccate più decise, ma ciò non toglie che rimane sempre un missile.

Autostrada 7 /10

Se non avete grossi problemi di finanze, la R è una buona compagna per i lunghi viaggi. La seduta è comoda e l’insonorizzazione è buona, peccato però che anche ad andature da codice la Golf R risulta decisamente assetata e vi costringerà a parecchie soste dal benzinaio.

Vita a bordo 8 /10
"La qualità percepita è da vettura premium"

Dal punto di vista della vita a bordo, qui siamo ai livelli di eccellenza del segmento C. La qualità percepita è da vettura premium e, come qualità dei materiali e di assemblaggio, la R non ha nulla da invidiare alla sorella “nobile” Audi A3.

L’abitacolo è piuttosto sobrio per una vettura da 300 cavalli; i dettagli sono perfettamente integrati e bilanciati, creando un mix di sportività e eleganza ben riuscito. La plancia è caratterizzata da plastiche morbide, pelle e plastiche lucide di ottima fattura, mentre, da tradizione “R”, le lancette di del contagiri e del tachimetro sono blu, come pure le linee luminose che attraversano la portiera e il battitacco.

Per concludere troviamo la targhetta R sul volante, i sedili sportivi con il logo R e la pedaliera in alluminio.
I passeggeri godono di un buono spazio sia davanti sia dietro, mentre il bagagliaio di 380 litri è in linea con quello delle rivali del segmento.

Prezzo e costi 6 /10

La Golf R, tuttavia, richiede un certo impegno economico: il prezzo di partenza è di 45.000 euro, parecchio in più rispetto alla Golf GTi, e molto vicino ai 44.840 euro della Mercedes Classe A45 AMG, che ha ben 80 Cv in più. Anche l’Audi S3 diventa una rivale - in casa, per giunta - pericolosa,  con un prezzo di 42.750 euro, infatti, offre le stesse prestazioni ma gode di un’immagine e finiture migliori.

Anche i consumi sono molto elevati: la casa dichiara 18 Km/l nell’utilizzo extraurbano, mentre noi, con la guida più parsimoniosa possibile, abbiamo fatto fatica ad avvicinarci ai 13 km/l, e in città abbiamo la media si aggira attorno gli 8 km/l, tenendo una media complessiva di 10 km/l.

Sicurezza 9 /10

Per quanto riguarda la sicurezza, la Golf supera bene ogni test. La R si aggiudica le 5 stelle al test Euro Ncap, mentre il comportamento su strada è sempre sicuro, grazie anche alla trazione integrale e ai freni potenti.

I nostri rilevamenti
  • TECNICA
  • Motore
    4 cilindri il linea, trasversale
  • Cilindrata
    1984 cc
  • Potenza
    300 cv a 5.500 giri/min
  • Coppia
    380 Nm
  • Omologazione
    Euro 6
  • Cambio
    DSG a 6 velocità
  • Trazione
    integrale
  • Peso
    1505 kg (a pieno carico)
  • CAPACITà
  • Bagagliao
    380 - 1270 dm3
  • Serbatoio
    50 litri
  • PRESTAZIONI
  • 0-100 km/h
    4,9
  • Velocità massima
    250 km/h
  • Consumo
    6,9 litri per 100km (combinato)
  • PREZZO
  • Prezzo
    45.000 euro

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

17/04/2014   Volkswagen Golf R 400
01/10/2015   Golf R32 by HPerformance
25/02/2014   Volkswagen Golf R by ABT
Volkswagen Golf R 2.0 TSI 5p, la nostra prova

L'opinione dei lettori